Passa ai contenuti principali

Gorizia, ma l'estrema destra può continuare a fare quello che vuole?

Gorizia, chi ti chiama maledetta, chi santa, per me sei una Signora raffinata senza età, Signora d'Italia, città simbolo di quella pace Adriatica sopravvissuta alle turbolenze della guerra fredda prima e tremenda e violenta dissoluzione della Jugoslavia, poi.  Città d'Europa, città che su 2790 chilometri quadrati di territorio complessivo, dopo il '47 ne aveva solo 240, su 42 comuni che componevano la originaria provincia ne rimanevano solo 9, per poi arrivare alla composizione attuale, e ad un nuovo smembramento territoriale, destra e sinistra Isonzo, alto o basso isontino, nuovamente divisi dalla volontà dell'antidemocratico sistema decisionista che avanza e si impone, con forza. Frammentazione, divisione che altro effetto non ha che rinchiudere questa città in una cella periferica, senza più nulla contare. E nel mentre di ciò, è diventata, tristemente, laboratorio per l'estrema destra, per quella che orgogliosamente si definisce d'ispirazione fascista, che ciò lo vede come un dono, come se il fascismo non avesse già causato danni, morte ed atrocità a Gorizia. Insulto alla sua dignità.  Per arrivare alla provocazione indegna per una società civile, democratica, che voglia realmente ritrovarsi nell'articolo primo della Carta europea dei diritti dell'Uomo , lì ove si dice e scrive che la dignità umana è inviolabile. Che essa deve essere rispettata e tutelata. Gorizia, Signora d'Italia, simbolo della pace Adriatica dalla quale è nata l'Europa, l'Europa senza più confini, ma che vede il sollevarsi di nuovi e orribili muri. Muri che respingono l'accoglienza, il soccorso umanitario, il sogno europeo che migliaia di migliaia di persone vivono, inseguono. E che vogliamo loro negare, negando e tradendo i principi fondamentali dell'Europa ma anche della nostra Carta Costituzionale. Non sono bastati oltre 3mila morti risucchiati dal Mediterraneo, il morto di questa estate di Gorizia, od il trattamento degradante che per mesi e mesi i richiedenti asilo hanno dovuto patire, no.  Ed in tale indecenza assoluta chi ha promosso la provocazione nefasta di questo fine ottobre, che vorrebbe addirittura partire con un corteo dalla Casa Rossa, ha condiviso per diverse ore sulla pagina facebook dell'evento nero la foto di Zmago Jelincic, noto appassionato di armi, segretario del Partito nazionale sloveno, di estrema destra, mentre spara.

E sarebbe l'ospite di onore in tale iniziativa. Ma parlano anche di barbari in quella pagina, riferendosi ai profughi in fuga da guerre determinate dall'Occidente, oppure vi è chi commenta scrivendo in caratteri cubitali “eliminare questi animali”. Vi sarebbero una infinità di motivi per vietare questa oscenità, pur essendo consapevole che trattasi di forze praticamente inesistenti nel goriziano, basterebbero alcuni principi della nostra Costituzione, andrebbero valutate anche specifiche Leggi penali, che esistono, in materia. Certo, si dirà che l'antifascismo non si delega. Ed infatti non è una delega, perché le Istituzioni repubblicane nascono anche grazie alla resistenza, alla nostra Costituzione scritta anche con il contributo dell'antifascismo, e si deve operare affinché le Istituzioni respingano certe manifestazioni che contrastano apertamente con la nostra Costituzione, a prescindere dalla consistenza numerica che queste avranno, a prescindere dalla sussistenza politica territoriale di certi e dati gruppetti. Ma di motivi ve ne sarebbero a centinaia, per una banale ma importante e delicata questione di ordine pubblico, Gorizia ospita la Commissione territoriale, vi sono centinaia di richiedenti asilo in città, e sapere che a Gorizia verranno a manifestare persone, anche da fuori regione, per chiedere l'applicazione della soluzione del muro Ungherese, che contrasta contro ogni principio umanitario, che vengono a manifestare contro i richiedenti asilo, ben tenendo conto delle provocazioni come prima evidenziate, sono cose  che non dovrebbero  più esistere e semplicemente fare inorridire. Ma anche per una questione di dignità. Gorizia vuole continuare ad essere laboratorio per le peggiori istanze sociali, e politiche di questa società? Vuole continuare a dare spazio a soggettività che minano i principi fondamentali della Pace Adriatica, vuole continuare a dare ospitalità, nelle proprie strade, vie e piazze e locali a realtà la cui presenza si scontra con la dignità di questa città, con quel futuro che con fatica cerca di edificare, nella consapevolezza delle tremende difficoltà di questo nuovo secolo? Gorizia né santa né maledetta, raffinata signora senza età, che deve ora però alzare la voce per dire semplicemente basta a tutto ciò. Non è più tollerabile e possibile che l'estrema destra in questa città possa fare tutto quello che vuole, e non basteranno delle semplici prescrizioni, così come sono stati dati fogli di via ai due casapoundisti in relazione alle provocazioni del 19 settembre per i fatti di piazza del Municipio, che sia Gorizia a sancire in via permanente un cartellino rosso nei confronti di queste persone, di certe e specifiche e note reazionarie realtà, che con il loro comportamento, con le loro iniziative offendono e mettono in pericolo i principi fondamentali della nostra Costituzione, e che solo male e danno provocano alla nostra piccola ma importante città di confine e frontiera.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…