Passa ai contenuti principali

FVG: è necessaria una sinergia con tutta la società civile per fermare le mafie

Sul Piccolo in questi giorni si è dato grande risalto, giustamente, alla problematica delle mafie ed all'avanzamento anche nella nostra regione. Come già avevo modo di evidenziare con una mia lettera, diventata intervento del giorno, particolare attenzione deve essere data al goriziano. Territorio che più di altri ha sofferto la crisi, territorio che ben può prestarsi all'attività delle 'ndrine. Nel noto rapporto della DIA, secondo semestre 2014, si è specificato che "non si escludono possibili presenze di elementi collegati alla criminalità calabrese in provincia di Gorizia, con particolare riferimento al Monfalconese". Quale è stata la reazione della classe politica, civica, a questa importante denuncia? Al massimo, per quello che ho verificato, ad esempio in rete, è che qualcuno ha visto la sua giornata essere rovinata, forse perché queste sono notizie da non dare, che rovinano l'immagine della città.
Ma anche indifferenza, apatia. Sarà perché il FVG viene percepita come una terra immune, forse perché le mafie non impressionano più, perché non sparano come una volta, non ammazzano come una volta, forse perché sono apparentemente invisibili, perché non sono percepite come un problema? Ma peccare di indifferenza può essere un grave ed imperdonabile errore. I nomi delle famiglie delle 'ndrine che nella relazione vengono fatti, che potrebbero essere in contatto con soggettività nel nostro territorio, sono queste: i DRAGONE ed i GRANDE ARACRI di Cutro (KR), i VRENNA-CIAMPÀ-BONAVENTURA di Crotone, i PAPALIA- ITALIANO di Delianuova (RC), gli ANELLO-FIUMANA di Filadelfia (VV), i BELLOCCO di Rosarno (RC), i PIROMALLI ed i MOLE' di Gioia Tauro (RC), nonché con i MORABITO-PANGALLO-MARTE di Africo Nuovo (RC).E' il caso di capire come la 'ndrangheta si muove, come opera, come funziona, per analizzare meglio il tutto. La 'ndrangheta è oggi considerata tra le più potenti manifestazioni criminali autoctone. Sorta quale consorteria essenzialmente calabrese, ha, ormai da tempo, travalicato i confini regionali, diventando un aggregato criminale capace di agire con estrema disinvoltura nei contesti più diversificati, con un'accentuata predisposizione nei confronti di comparti economici, finanziari ed imprenditoriali. Organizzazione che vive ancora di riti tradizionali, arcaici, pur essendosi facilmente adattata alla modernità. Ad esempio, è notizia recentissima che i boss della ‘ndrangheta hanno scelto whatsapp per gestire gli affari delle proprie cosche anche a distanza. Usano il palmare e la chat a costo quasi zero, per dare ordini e controllare i propri affiliati, mandando in pensione i tradizionali pizzini. 'Ndrangheta che ha anche un santo protettore, quale San Michele Arcangelo, L' iniziato nella ‘Ndrangheta ( contrasto onorato) quando diventa Picciotto d’onore nell’atto di compiere il rito di battesimo giura con la figura di San Michele Arcangelo tra le sue mani mentre brucia . San Michele Arcangelo, che in tal paradosso sociale e culturale, è stato proclamato patrono e protettore della Polizia da Papa Pio XII il 29 settembre 1949. Ma è protettore anche di altre categorie come i farmacisti, doratori, commercianti, fabbricanti di bilance, giudici, maestri di scherma, radiologi. L'obiettivo perseguito da questa organizzazione criminale, ricorda la DIA nella sua relazione, "prescinde dalla mera accumulazione di denaro, prediligendo l'esercizio di forme di potere sui singoli, sulle imprese e sulla collettività, anche grazie ad atteggiamenti di cecità compiacente. Dall'analisi delle metodologie 'ndranghetiste è emersa la capacità degli affiliati di esportare le dinamiche criminali attraverso comportamenti che possono riproporre il tradizionale modello mafioso anche mediante la costituzione, al di fuori della Calabria, di nuclei stabili sul territorio legati, spesso, da vincoli familiari. Soggetti collegati, a vario titolo, all'onorata società mutante sono alla continua ricerca, in Italia e all'estero, di contatti con imprenditori, dirigenti d'azienda, portatori di interessi, professionisti, politici, rappresentanti delle istituzioni e della cultura, per condizionare o entrare direttamente nei gangli vitali dell'economia, del commercio, della finanza, della pubblica amministrazione e del mondo dell'informazione". Si specifica anche che " le società criminali hanno un duplice scopo: quello di conseguire un flusso continuo di denaro da reimpiegare in altri investimenti illeciti, capaci di moltiplicarne i profitti, come il narcotraffico, l'usura o la corruzione , e quello di garantirsi un forte controllo del territorio , inteso sia come capacità di influire in modo determinante sulle scelte di interi settori produttivi, sia di affermazione sociale, al punto, talvolta, di porsi come entità di riferimento in caso di interferenze o di aggressioni da parte di altre frange criminali minori. La vigoria della criminalità mafiosa calabrese, permanentemente alla ricerca del consenso popolare per conseguire senza intoppi i propri scopi malavitosi, tende a oltrepassare il modello tipico della fattispecie di cui all'art. 416-bis c.p .. Talune condotte dei suoi associati, oltre a concretizzare un pericolo per l'ordine pubblico, minacciano l'ordine economico, incidono sulla partecipazione democratica e sui principi cardine della libera concorrenza nei rapporti commerciali." Impressionanti sono le cifre sequestrate alle mafie, oltre 13 miliardi di euro i sequestri avvenuti ai sensi del Dlgs 159/2011, oltre 6 miliardi le confische avvenute, dal 1992 al 30 giugno 2015, stante all'ultimo aggiornamento come comunicato dalla DIA.





Nella terra, quale il FVG, che ha conosciuto la resistenza, esistono sicuramente degli scudi innati per opporsi a determinate soggettività criminali, ed è per questo, stante l'allarme non rosso, ma sicuramente giallo come sussistente, che è importante una sinergia di tutta la società civile,che in collaborazione con lo Stato, con le Istituzioni, possa attivarsi quanto prima per evitare il contagio 'ndranghetista e mafioso tutto. Penso, per esempio, alla creazione di uno sportello da realizzare nei luoghi sensibili, a Gorizia o nel monfalconese, Trieste od Udine, ove poter raccogliere segnalazioni e/o denunce, che possano sostenere, con le cautele e le precauzioni del caso,chi non vuole piegarsi al sistema mafioso e perché non si senta solo. Certo, è vero che in una moltitudine di casi simili iniziative sono state fallimentari, ma lì ove le mafie ancora non sono radicate, prevenendo ed intervenendo per tempo, sicuramente si può operare con più facilità e linearità per meglio contrastare quell'avanzata che sembra essere possibile. Prevenire è meglio che curare, si dice. Ed allora sia fatta prevenzione, a partire dalle scuole, coinvolgendo i cittadini, sensibilizzando la nostra comunità su tale "fenomeno" quasi pluri-secolare che ora mina anche il FVG. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…