Passa ai contenuti principali

24 ottobre 2015, una giornata neraccia per Trieste

In concomitanza con la celebrazione del 26 ottobre del 1954, giorno con il quale in sostanza si definì il passaggio di poteri dall'amministrazione anglo americana a quella italiana sul territorio di Trieste, dopo una prima amministrazione come operata dai partigiani Jugoslavi ed italiani, che il primo maggio del 1945 liberarono questa importante città di confine dall'occupante nazifascista, in città ci saranno eventi che destano, giustamente, preoccupazione. Come è noto la questione della lingua è sempre stata delicata, spesso questa è diventata uno strumento per le peggiori situazioni reazionarie, nel nome di quella italianità che doveva imporsi, e che si impose soprattutto tramite la violenza.
A Trieste, così come a Gorizia, per citare due città simbolo dell'attuale Regione Friuli Venezia Giulia, è stata vietata la lingua slovena per decenni, perché doveva emergere l'italianissima Gorizia e l'italianissima Trieste. Due luoghi simboli della cultura slovena verranno colpitiil Narodni dom nel 13 luglio del 1920 ed il Trgovski Dom il 4 novembre del 1926. Ed il simbolo del nazionalismo estremo italiano, come poi lo è stato anche per il fascismo, era e lo è ancora oggi Dante. In particolar modo per questa citazione: «Sì com’a Pola presso del Carnaro, ch’Italia chiude e i suoi termini bagna» Citazione strumentalizzata, ancora oggi, per fini nazionalistici, come se Dante in quel tempo avesse realmente in mente una Italia politica ed amministrativa se non addirittura geografica unita che includesse anche Pola. Eppure questo è stato il pensiero dei nazionalisti, che invece ignorano quanto Dante scrisse sull'Italia di quel tempo: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”. Parole, visto quello che accade nell'Italia di oggi, a dir poco attuali e valide. Povero Dante, verrebbe da dire. Se solo sapesse. Ed intorno alla sua figura è partito un circuito  neraccio incredibile, che ancora oggi esiste, per i fini come detti. Ed è veramente surreale notare come spesso, i così detti italianissimi, non sanno neanche scrivere in italiano. Basta fare un giro nelle pagine fasciste, o nazionaliste, per notare una carrellata di errori grammaticali e non solo. 
Ritornando alla questione di Trieste si organizza in questa difficile città un convegno promosso da Trieste Pro Patria, in collaborazione con la Lega Nazionale, dal titolo “L’Italia oltre i confini”. Si legge : “ A partire dalle 9.30 presso la Lega Nazionale si svolgerà il I convegno “Essere italofoni”, in collaborazione con l’omonimo gruppo, mentre alle 18.30 si svolgerà una fiaccolata commemorativa a San Giusto. 61 anni fa la nostra terra visse momenti di gioia e di tragedia al tempo stesso, quando Trieste si ricongiungeva alla Patria per l’immensa gioia della gran maggioranza della popolazione, mentre l’ultimo lembo d’Istria ne veniva strappato per sempre, causando nuovo dolore ed un nuovo esodo. Oggi è importante ricordare tutto questo, ma anche impegnarsi affinché la cultura della nostra gente non si dissolva, travolta dalla globalizzazione e dal disimpegno generale. Con questo spirito abbiamo appoggiato il Convegno “Essere italofoni”, che si propone di fare il punto sullo stato della lingua e della cultura italiana al di fuori degli attuali confini, nelle aree di storica diffusione delle stesse. Interverranno rappresentanti provenienti dalla Corsica, dal Canton Ticino, da Malta, dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia. In apertura, prenderanno la parola anche il presidente della Lega Nazionale e di Trieste Pro Patria, l’ideatore del gruppo Essere italofoni, i rappresentanti delle principali associazioni degli esuli e dell’Unione Italiana. (...)”. Questi i relatori Paolo Sardos Albertini (Presidente “Lega Nazionale”) Antonino Martelli (Presidente “Trieste Pro Patria”) Massimiliano Fabbri (Ideatore “Essere Italofoni”) Antonio Ballarin (Presidente FederEsuli) Renzo Codarin (Presidente ANVGD) Massimiliano Lacota (Presidente Unione degli Istriani) Emanuele Braico (Presidente Associazione delle Comunità Istriane) Maurizio Tremul (Presidente Giunta Esecutiva Unione Italiana) Parte II – Voci dalle regioni storiche italofone non appartenenti alla Repubblica Italiana Corsica: Paul Colombani (Bastia) Canton Ticino: Luciano Milan Danti (Ronco) Istria: Valentina Petaros (Capodistria) Istria: Astrid Del Ben (Isola d’Istria) Fiume e Quarnero: Ingrid Sever (Fiume) Dalmazia: Giorgio Martinic (Spalato) Malta: Anna Porcheddu .Da segnalare che la realtà proponente questo convegno, quale Trieste Pro Patria, in collaborazione con al nota Lega Nazionale, ha tra i suoi fondatori tale Martelli, noto per il suo passato nero, e che ancora oggi scrive sulla sua pagina pubblica facebook:

Ora, pensando alle terre contese del confine orientale, a dirla tutta, di italiani lì presenti se ne contano veramente pochi, gli italofoni sono pochissimi. Quei luoghi sono diventati meta, per gli italiani, solo per vivere un periodo di vacanza e di svago. Eppure vi è chi, come già denunciato recentemente, altro non aspetta che fomentare situazioni di tensione, per cercare, rievocando un destro irredentismo, di effettivamente riconquistare quelle terre. Fiume, Istria ecc. E certe e date iniziative, mascherate spesso dalla questione culturale, devono essere attentamente monitorate, perché rischiano di diventare la chiave di svolta in tal senso, anche perché, come è noto, l'Europa è in una fase di tracollo, e basta un nulla per riaccendere la miccia. Ed il 25 ottobre da parte di gruppi irredentisti verrà organizzata una gita in Istria con il seguente programma: Partenza dal capoluogo giuliano con direzione Pirano, Buie, Grisignana, Piemonte d'Istria, Momiano, Montona. Si ritorna a Trieste passando per Cittanova d'Istria”. Certamente le autorità slovene e croate monitoreranno i movimenti di questi gitanti italofoni.  Riscoprire la nostalgia, convincere le persone che quelle terre furono da sempre italiane, ricordare per ritornare, attraverso la mitologia, attraverso la riscoperta di personaggi italianissimi o che hanno dato la loro vita per l'Italia in quei luoghi, con la lamentazione della terra persa per colpa di chi? Mica del fascismo causa dei mali peggiori dell'Italia, cancro che ha comportato devastazione e terrore. No. Ma per il Trattato di Pace, come se questo non fosse una conseguenza del fascismo, dell'occupazione che i fascisti hanno compiuto in Jugoslavia, dei crimini contro l'umanità e di guerra compiuti in loco e mai puniti. Ebbene, un frullato di sentimenti destri con lo scopo chiaro di realizzare l'ennesimo risorgimento mancato. Forse a certi personaggi andrebbe ricordato che siamo nel 2015, nel terzo millennio, che il mondo è cambiato. Forse certi personaggi andrebbero totalmente ignorati, isolati e non sostenuti od appoggiati, anche a livello istituzionale, come oggi accade. La Pace Adriatica è stata determinante per la nascita dell'Europa. Siamo tutti consapevoli che questa Europa cammina in cattivo modo, che così avanti non si può andare. Ma guai a minare la Pace Adriatica per fini ed intenti beceri e nazionalistici.  
Però, in tale 24 ottobre 2015, sempre a Trieste, si svolgerà un convegno destro. “Difendiamo i confini d’Europa. Friuli Venezia Giulia, ultima frontiera”: questo il titolo del confronto organizzato da Fratelli d’Italia Trieste tra il presidente nazionale del movimento, Giorgia Meloni e il vicepresidente del Front National, Louis Aliot, che si terrà a Trieste sabato 24 ottobre (ore 16, Stazione Marittima-Molo dei Bersaglieri). Si legge nelle note informative che " Al centro del dibattito, che per un giorno trasformerà la città nella capitale europea della destra nazionale e identitaria, le problematiche legate all’emergenza immigrazione e il rischio del terrorismo islamico in una regione storicamente “frontiera d’Europa”.  Procurato allarme, anche alcuni penseranno. 
Non sono per nulla scollegati questi due eventi, perché entrambi nuotano nelle acque di una Europa turbolenta, che rischia il crollo ed i nazionalismi riemergono da quella profondità dell'abisso, ove, giustamente, per anni erano finiti e dove devono ritornare quanto prima.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …