Passa ai contenuti principali

Gorizia ed internet: le diverse versioni sull'attentato al parco della Rimembranza del '44

Chi ha fatto saltare in aria il tempietto circolare del Parco della Rimembranza di Gorizia? Se ti rechi in loco, avrai due risposte possibili, la prima, che è data dalla lapide collocata innanzi ai resti del tempietto, " Distrutto da mano incivile armata dall'odio dei nemici d'Italia, benedetto nel 1929", sotto pieno fascismo e "distrutto il 12 agosto 1944" quando in città vi erano i nazisti. Dunque da questa lettura quello che il turista potrà immaginare è che si sia trattato sicuramente di incivili, nemici verso gli italiani. Dunque, Gorizia città di confine, ed il pensiero potrebbe andare proprio oltre confine. Ma i puntini sulle I li mette una targa informativa collocata in una colonna del Parco, ove, con certezza assoluta si scrive che a fare saltare quel tempietto sono stati " i collaborazionisti sloveni dei nazisti". Volendo fare un raffronto su quello che emerge su internet, oramai prima fonte assoluta d'informazione, piaccia o non piaccia è così, emergono diverse sfumature. Una delle prime fonti è il Piccolo che pone chiarezza sul punto, evidenziando che "la versione ufficiale è che si trattò di una rappresaglia dei domobranci contro la popolazione italiana di Gorizia. I domobranci erano soldati sloveni alleati dei Tedeschi che all’epoca occupavano Gorizia". Poi se uno vuole approfondire determinate questioni, potrà scoprire, magari leggendo qualche libro che la rappresaglia riguardava l'attentato avvenuto al teatro Verdi contro i domobranci, del 5 agosto, si dice provocato da fascisti, e la rappresaglia sarebbe stata la vicenda del 12 agosto del '44, avvenuta intorno alle 3 e 20. Così come interessante è sapere che i domobranci presenti a Gorizia , vennero addestrati da Kurt Franz membro delle Waffen-SS e li guidò anche in operazioni anti-partigiane. 
Ritornando alla ricerca su internet, sul sito itinerari grande guerra si scrive, in merito all'attentato del 12 agosto del '44: " Al centro del Parco si trova una fontana ed i resti di una cappella, costruita nel 1929 sempre da Del Debbio e distrutta nell'agosto del 1944 dai collaborazionisti sloveni, su ordine dei nazisti". Sul sito del Comune di Gorizia sezione turismo si leggerà: " Al centro si possono ammirare le rovine del Tempietto circolare progettato da Enrico del Debbio, distrutto durante un attentato del 1944". Dunque si mantiene una versione più generica rispetto a quella presente al Parco, come indicata in premessa. Sul sito di Cinecittà archivio luce una nota informativa di accompagnamento alla foto che mostra i resti del tempietto riporta: " Monumento nel Parco della Rimembranza a Gorizia fatto saltare in aria dai ribelli".
Avete letto bene, ribelli!
Siti minori, ma che appaiono subito nel motore di ricerca, quando si cerca Gorizia attentato tempietto parco Rimembranza, come youreporter che:
"Nel 1944 do­po un at­ten­ta­to fa­sci­sta, il tem­piet­to, sim­bo­lo d’i­ta­lia­ni­tà, vie­ne fat­to esplo­de­re dai do­mo­bran­ci con il be­ne­sta­re dei na­zi­sti che in que­sto mo­do ali­men­ta­va­no la lo­ro po­li­ti­ca del di­vi­de et im­pe­ra". Mentre, altri siti, senza se e ma,  alla faccia della correttezza storica e non solo, vanno diritti e scrivono che il tempietto è stato fatto saltare in aria da " attentatori sloveni il 12 agosto del 1944". 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…