Passa ai contenuti principali

Atto di manifestazione di volontà,assunzione fase B e C, di permanere nella propria provincia


Da Palermo a Milano, da Napoli a Trieste, e forse vi saranno anche dei casi inversi. Quella che ora segue non è una impugnazione, perché porrebbe il lavoratore nelle condizioni di ricorrere nelle sedi giudiziarie in tempi ristretti, ma una manifestazione di volontà, una dichiarazione espressa, con la quale il lavoratore chiede di prestare servizio presso la provincia in cui è inserito nelle GAE. Come è noto nella Gazzetta Ufficiale del 28 agosto 2015 è stato pubblicato l'avviso sulle proposte di assunzione della fase B del piano straordinario a.s. 2015/16, ai sensi dell'articolo 1, Comma 98, lettera b), della legge n. 107 del 13 luglio 2015 concernente la Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti. Il detto avviso precisa che le proposte di assunzione di cui all'articolo 1, comma 102, della legge 13 luglio 2015, n. 107, verranno effettuate, per la fase di cui alla lettera b) del comma 98 della medesima legge, alle ore 00.01 del giorno 2 settembre 2015 attraverso il sistema informativo Istanze OnLine(...) I docenti destinatari accettano espressamente la proposta di assunzione entro le ore 24.00 del giorno 11 settembre 2015, esclusivamente avvalendosi delle apposite funzioni disponibili nel citato sistema informativo. La penalizzazione, in caso di non accettazione della proposta di assunzione, nei termini e con le modalita' predetti, è pesante. Infatti, i docenti destinatari non possono essere ​ricevere ulteriori proposte di assunzione a tempo indeterminato ai sensi del piano di assunzioni di cui all'articolo 1, comma 98, della citata legge. Ma si evidenzia altresì che i docenti che non accettano la proposta di assunzione eventualmente effettuata nella citata fase b), non partecipano alle fasi successive del piano di assunzioni e sono definitivamente espunti dalle graduatorie di merito e ad esaurimento in cui sono iscritti..
Ora, nell'attesa che il piano di mobilità straordinario abbia luogo, e che definisca determinati criteri, a parer mio è atto propedeutico ad una futura impugnazione, che il lavoratore manifesti la propria volontà, una volta accettata la proposta di assunzione, a permanere nella propria provincia. Atto che servirà anche a porre una certa forma di "pressione" nei confronti degli organi competenti affinché si ponga rimedio alla situazione che si è venuta a determinare e non certamente per colpa e responsabilità dei lavoratori e delle lavoratrici della nostra scuola. A ciò, insomma, non si potrà certamente rimanere indifferenti, e non trattasi di sterile lamentazione, ma di diritti sacrosanti violati. 
Segue testo manifestazione di volontà, da inviare via Pec mail o via raccomandata al MIUR, all'Ufficio Scolastico Regionale ed Ufficio scolastico territoriale della provincia nella quale si è assegnati per il ruolo.
Il testo della manifestazione di volontà, che ho preparato, è stato pubblicato su Orizzonte Scuola

Commenti

  1. Ok ma come la mettiamo con quelli che proprio per non dover emigrare la domanda non l'hanno fatta?

    RispondiElimina
  2. E' una situazione complessa e qualsiasi mossa puoi intraprendere scontenta, comprensibilmente, qualcuno o più di qualcuno. Questa è una mia presa di posizione personale e riguarda una casistica specifica, per coloro che non hanno prodotto domanda, la situazione è diversa e necessita ancora di valutazioni giuridiche, su eventuali danni maturati e maturandi. Ma rimettere il tutto solo ad una questione legale è a parer mio sbagliato. Serve la lotta unitaria altrimenti è finita e la nuova Legge avrà il suo naturale corso.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …