Passa ai contenuti principali

Atto di manifestazione di volontà,assunzione fase B e C, di permanere nella propria provincia


Da Palermo a Milano, da Napoli a Trieste, e forse vi saranno anche dei casi inversi. Quella che ora segue non è una impugnazione, perché porrebbe il lavoratore nelle condizioni di ricorrere nelle sedi giudiziarie in tempi ristretti, ma una manifestazione di volontà, una dichiarazione espressa, con la quale il lavoratore chiede di prestare servizio presso la provincia in cui è inserito nelle GAE. Come è noto nella Gazzetta Ufficiale del 28 agosto 2015 è stato pubblicato l'avviso sulle proposte di assunzione della fase B del piano straordinario a.s. 2015/16, ai sensi dell'articolo 1, Comma 98, lettera b), della legge n. 107 del 13 luglio 2015 concernente la Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti. Il detto avviso precisa che le proposte di assunzione di cui all'articolo 1, comma 102, della legge 13 luglio 2015, n. 107, verranno effettuate, per la fase di cui alla lettera b) del comma 98 della medesima legge, alle ore 00.01 del giorno 2 settembre 2015 attraverso il sistema informativo Istanze OnLine(...) I docenti destinatari accettano espressamente la proposta di assunzione entro le ore 24.00 del giorno 11 settembre 2015, esclusivamente avvalendosi delle apposite funzioni disponibili nel citato sistema informativo. La penalizzazione, in caso di non accettazione della proposta di assunzione, nei termini e con le modalita' predetti, è pesante. Infatti, i docenti destinatari non possono essere ​ricevere ulteriori proposte di assunzione a tempo indeterminato ai sensi del piano di assunzioni di cui all'articolo 1, comma 98, della citata legge. Ma si evidenzia altresì che i docenti che non accettano la proposta di assunzione eventualmente effettuata nella citata fase b), non partecipano alle fasi successive del piano di assunzioni e sono definitivamente espunti dalle graduatorie di merito e ad esaurimento in cui sono iscritti..
Ora, nell'attesa che il piano di mobilità straordinario abbia luogo, e che definisca determinati criteri, a parer mio è atto propedeutico ad una futura impugnazione, che il lavoratore manifesti la propria volontà, una volta accettata la proposta di assunzione, a permanere nella propria provincia. Atto che servirà anche a porre una certa forma di "pressione" nei confronti degli organi competenti affinché si ponga rimedio alla situazione che si è venuta a determinare e non certamente per colpa e responsabilità dei lavoratori e delle lavoratrici della nostra scuola. A ciò, insomma, non si potrà certamente rimanere indifferenti, e non trattasi di sterile lamentazione, ma di diritti sacrosanti violati. 
Segue testo manifestazione di volontà, da inviare via Pec mail o via raccomandata al MIUR, all'Ufficio Scolastico Regionale ed Ufficio scolastico territoriale della provincia nella quale si è assegnati per il ruolo.
Il testo della manifestazione di volontà, che ho preparato, è stato pubblicato su Orizzonte Scuola

Commenti

  1. Ok ma come la mettiamo con quelli che proprio per non dover emigrare la domanda non l'hanno fatta?

    RispondiElimina
  2. E' una situazione complessa e qualsiasi mossa puoi intraprendere scontenta, comprensibilmente, qualcuno o più di qualcuno. Questa è una mia presa di posizione personale e riguarda una casistica specifica, per coloro che non hanno prodotto domanda, la situazione è diversa e necessita ancora di valutazioni giuridiche, su eventuali danni maturati e maturandi. Ma rimettere il tutto solo ad una questione legale è a parer mio sbagliato. Serve la lotta unitaria altrimenti è finita e la nuova Legge avrà il suo naturale corso.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…