Passa ai contenuti principali

Se a Vibo si continua a celebrare anche in Chiesa un ministro fascista



Chissà cosa mai potrà pensare il partigiano vibonese Papandrea del fatto che a Vibo si continua a celebrare il suo Ministro Fascista, quale Luigi Razza.

Di Luigi Razza ne parlavo nel 2014, a proposito del suo rapporto con l'amante della guerra, quale D'Annunzio e complice del primo fascismo. Personalità di primo piano nel fascismo, segretario e poi presidente della Confederazione dei sindacati fascisti dell’agricoltura (1928-33), membro del Gran Consiglio del fascismo e ministro dei Lavori pubblici (1935), Razza, morirà mentre si recava all’Asmara. A lui a Vibo è grata. Già. Si perdono le vie, piazze, monumenti enormi, dedicati. Ma ne parlavo già qui e non voglio ripetermi. Questa estate 2015, camminando per le strade di Vibo, sempre più disastrata, nonostante le sue mille potenzialità, città che ogni luogo ove Garibaldi si è fermato, così come accade nel Sus, a lui dedica qualcosa di mistico, di eroico, maledetto risorgimento verrebbe da dire, visto quello che ha cagionato e determinato, quale la questione meridionale in primo luogo,
ebbene non potevi non notare alcuni manifestini, diversi strappati comunque dai vibonesi che non si ritrovano con tale apologia, che celebravano Luigi Razza.
Sindacalista rivoluzionario dell'Impero Fascista. E poi, il canonico presente, tipico saluto dei camerati. Ma in città si sono visti anche manifesti con scritto: "Comitato Vibonese Luigi Razza. Nella ricorrenza dell'80.mo anniversario della tragica scomparsa del ministro LUIGI RAZZA Una Santa Messa in suo suffragio sarà celebrata sabato 8 agosto 2015, alle ore 19,00, nel Duomo di San Leoluca e Santa Maria Maggiore in Vibo Valentia. Subito dopo la celebrazione una corona sarà apposta al monumento nella piazza antistante".

Non è la prima volta che in Italia accade una cosa del genere. Per esempio anche ad Udine, in base a delle segnalazioni pervenute è accaduto qualcosa di similare, forse senza manifesti, per ricordare Mussolini.


Ora, in questo Paese si grida allo scandalo quando si turba l'apparenza della grande bellezza. Vedi il caso del recente funerale a Roma. Nel resto d'Italia funerali simili sono sempre accaduti, forse in modo più contenuto, ma sono accaduti, e tutto è normale, perché tanto accade al Sud e nessuno vede, parla e sente. Ma vi è chi vede, parla e sente, vi è chi a queste porcate non ci sta. Queste celebrazioni di fascisti, quanto sono ancora tollerabili? La Costituzione e le leggi speciali ad essa collegata che valore esercitano ancora oggi? Come si possono ritenere momenti culturali, storici, fatti ed eventi che di culturale hanno realmente poco e di celebrativo tanto? Penso che a Vibo, così come in tante altre realtà nostrane, sia necessaria una mera operazione di bonifica antifascista, iniziando ad eliminare vie, piazze, strade intitolate a fascisti, come a Razza, a Gentile, ponendo fine ad ogni celebrazione di uomini e simboli di un regime dittatoriale, male assoluto di questo Paese. E la Chiesa, per il potere che esercita e continua ad esercitare, purtroppo, deve finirla di assecondare queste iniziative, ponendo addirittura a disposizione la Chiesa più importante di Vibo, quale il suo duomo, per celebrare una messa in onore e ricordo del ministro fascista Razza.

Commenti

  1. hanno fatto bene, del resto è stato un ministro che ha fatto il bene dell'Italia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…