Passa ai contenuti principali

Il Comune di Gorizia autorizza lapide per i partigiani al Piazzale delle Milizie, ma i costi sono a carico dell'ANPI

Con delibera del 23 luglio 2015 la giunta del Comune di Gorizia, è intervenuta sulla richiesta dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – Vsedrzana Zveza Partizanov Italjie (ANPI – VZPI) e dell’Associazione Volontari della Libertà (AVL) di Gorizia, finalizzata a collocare sul lato destro del cancello d’ingresso del Piazzale delle Milizie in Castello, di proprietà comunale, una lapide a memoria recante l’indicazione del luogo di esecuzione di partigiani e antifascisti, italiani e sloveni, durante gli anni di occupazione della città da parte dell’esercito nazista, ai quali l’Amministrazione comunale ha posto, nelle carceri di via Barzellini e sulle mura del Castello, targhe in ricordo nella ricorrenza del ventesimo della Resistenza in Italia, nell’aprile del 1964. L’indicazione per la quale si chiede la collocazione porrà termine all’effettiva invisibilità sulle mura del Castello, causata dalla permanente chiusura dell’accesso al piazzale delle Milizie e dalla posizione della stessa sul lato non visibile e comunque difficilmente raggiungibile alla parte della parete nord del Castello, dell’accesso ristretto tra la stessa parete e il Teatro Tenda.
Cosa  che è stata denunciata per diverso tempo dall'ANPI, inclusa la dicitura assolutamente generica e per nulla esplicativa della lapide ivi considerata.
La Giunta ha autorizzato la collocazione sul lato destro del cancello d’ingresso del piazzale delle Milizie in Castello, con le seguenti prescrizioni come anche dettate dalla Sovrintendenza per i beni architettonici e paesaggistici del Friuli Venezia Giulia: che l’apparato murario non venga manomesso e che i tasselli siano inseriti nelle fughe esistenti; - il cantiere dovrà essere predisposto al libero accesso ai funzionari della Sovrintendenza per l’esercizio dell’alta sorveglianza dei lavori; - ogni circostanza che modifichi i presupposti – congetturali o di fatto – sui quali l’autorizzazione si fonda dovrà essere immediatamente notificata alla Sovrintendenza. 
Eventuali varianti di progetto, anche di modesta entità dovranno essere preventivamente approvate ai sensi delle medesime disposizioni nonché ogni necessario adempimento in ordine amministrativo, tecnico e finanziario, sollevando il Comune da ogni onere e responsabilità. Tutte le spese per la realizzazione dell’opera nonché per la sua manutenzione stanno totalmente a carico della Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – Vsedrzana Zveza Partizanov Italjie (ANPI – VZPI) e della Associazione Volontari della Libertà. Dispiace constatare che il Comune di Gorizia non abbia voluto sostenere o condividere parte della spesa, anche per una questione morale, etica e di principio. Forse se la lapide da collocare avesse riguardato non partigiani ed antifascisti italiani e sloveni, ma nazionalisti italiani, combattenti per l'italianità di Gorizia, le cose sarebbero state diverse. Chissà.
Intanto, il 12 settembre 2015, a Gorizia, ci sarà la cerimonia di scoprimento della targa e l'ANPI ricorda: Dal dicembre 1943 alla metà di aprile del 1945 i nazisti ed i fascisti fucilarono oltre 50 partigiani e antifascisti italiani e sloveni, catturati durante le azioni belliche, nei rastrellamenti o per delazione. Portati al carcere goriziano di via Barzellini e spesso torturati,venivano sommariamente processati al Comando tedesco presso la Prefettura. Poi, caricati su un camion coperto, perché la popolazione non li potesse vedere, erano portati in un cortile del Castello e fucilati. E' un episodio su cui da anni è scesa una coltre di silenzio: ancora oggi non si conosce il numero esatto degli uccisi, né si sa dove essi vennero seppelliti.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…