Passa ai contenuti principali

Il Comune di Gorizia autorizza lapide per i partigiani al Piazzale delle Milizie, ma i costi sono a carico dell'ANPI

Con delibera del 23 luglio 2015 la giunta del Comune di Gorizia, è intervenuta sulla richiesta dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – Vsedrzana Zveza Partizanov Italjie (ANPI – VZPI) e dell’Associazione Volontari della Libertà (AVL) di Gorizia, finalizzata a collocare sul lato destro del cancello d’ingresso del Piazzale delle Milizie in Castello, di proprietà comunale, una lapide a memoria recante l’indicazione del luogo di esecuzione di partigiani e antifascisti, italiani e sloveni, durante gli anni di occupazione della città da parte dell’esercito nazista, ai quali l’Amministrazione comunale ha posto, nelle carceri di via Barzellini e sulle mura del Castello, targhe in ricordo nella ricorrenza del ventesimo della Resistenza in Italia, nell’aprile del 1964. L’indicazione per la quale si chiede la collocazione porrà termine all’effettiva invisibilità sulle mura del Castello, causata dalla permanente chiusura dell’accesso al piazzale delle Milizie e dalla posizione della stessa sul lato non visibile e comunque difficilmente raggiungibile alla parte della parete nord del Castello, dell’accesso ristretto tra la stessa parete e il Teatro Tenda.
Cosa  che è stata denunciata per diverso tempo dall'ANPI, inclusa la dicitura assolutamente generica e per nulla esplicativa della lapide ivi considerata.
La Giunta ha autorizzato la collocazione sul lato destro del cancello d’ingresso del piazzale delle Milizie in Castello, con le seguenti prescrizioni come anche dettate dalla Sovrintendenza per i beni architettonici e paesaggistici del Friuli Venezia Giulia: che l’apparato murario non venga manomesso e che i tasselli siano inseriti nelle fughe esistenti; - il cantiere dovrà essere predisposto al libero accesso ai funzionari della Sovrintendenza per l’esercizio dell’alta sorveglianza dei lavori; - ogni circostanza che modifichi i presupposti – congetturali o di fatto – sui quali l’autorizzazione si fonda dovrà essere immediatamente notificata alla Sovrintendenza. 
Eventuali varianti di progetto, anche di modesta entità dovranno essere preventivamente approvate ai sensi delle medesime disposizioni nonché ogni necessario adempimento in ordine amministrativo, tecnico e finanziario, sollevando il Comune da ogni onere e responsabilità. Tutte le spese per la realizzazione dell’opera nonché per la sua manutenzione stanno totalmente a carico della Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – Vsedrzana Zveza Partizanov Italjie (ANPI – VZPI) e della Associazione Volontari della Libertà. Dispiace constatare che il Comune di Gorizia non abbia voluto sostenere o condividere parte della spesa, anche per una questione morale, etica e di principio. Forse se la lapide da collocare avesse riguardato non partigiani ed antifascisti italiani e sloveni, ma nazionalisti italiani, combattenti per l'italianità di Gorizia, le cose sarebbero state diverse. Chissà.
Intanto, il 12 settembre 2015, a Gorizia, ci sarà la cerimonia di scoprimento della targa e l'ANPI ricorda: Dal dicembre 1943 alla metà di aprile del 1945 i nazisti ed i fascisti fucilarono oltre 50 partigiani e antifascisti italiani e sloveni, catturati durante le azioni belliche, nei rastrellamenti o per delazione. Portati al carcere goriziano di via Barzellini e spesso torturati,venivano sommariamente processati al Comando tedesco presso la Prefettura. Poi, caricati su un camion coperto, perché la popolazione non li potesse vedere, erano portati in un cortile del Castello e fucilati. E' un episodio su cui da anni è scesa una coltre di silenzio: ancora oggi non si conosce il numero esatto degli uccisi, né si sa dove essi vennero seppelliti.


Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…