Passa ai contenuti principali

Una riflessione ancora sullo scempio di Gorizia: "l'ascensore". Demoliamolo



Denuncia il Piccolo  anni di attesa, di lavori tentati, effettuati ed altri sospesi, di passioni diversi milioni di euro, ergo tanti miliardi di vecchie rimpiante lire da molti, e per cosa? Aver devastato uno degli angoli più belli e suggestivi di Gorizia. Proprio Gorizia che in base a delle inchieste passate risultava essere una delle città più fotografate per la sua bellezza e particolarità, per il suo fascino che non conosce tramonto, nonostante tutto. Quello scempio, mi ricorda molto, la vicenda dell'ascensore di un Comune calabrese, Pizzo Calabro. Oltre 15 anni di lavori, stop, fermate, miliardi gettati al vento, ed alla fine cosa è rimasto? Una schifezza di cemento inutilizzata e mai compiuta da Piazza Musolino, a pochissimi metri dal castello Murat, che semplicemente violenta tutto l’ambiente circostante ed inquina la storia di quel Castello ove nel 1815 venne fucilato Murat. Certo che a distanza di tanti chilometri è paradossale notare lo stesso squallore, ecco, in questo sì che l'Italia è unita. E poi la Galleria Bombi, inutilizzata, che giace lì in attesa di sapere che fine fare. Nelle pagine del Piccolo sono state avanzate diverse proposte in passato, quella di accogliere delle mostre permanenti o meno che magari riguardano la storia di Gorizia potrebbe essere certamente condivisibile. Ci sono situazioni alle quali si può porre rimedio, come il così detto ascensore, semplicemente demolendo il tutto, demolendo tutto quello che è stato fino ad oggi realizzato, a partire da quella colata di cemento color bianco che non è simbolo di tregua, ma sembra essere una scia di vernice bianca che ha l'intento di seppellire la bellezza di quel luogo. Demolire il tutto ripristinando lo stato originario, magari più curato, il verde non nuoce alla salute della città, anzi. Altre strutture realizzate e recuperate, come appunto la galleria, devono invece essere semplicemente rese vivibili, fruibili ed attraenti. E' così difficile?

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…