Passa ai contenuti principali

Nel giugno del'45 nascevano su impulso del CLN i sindacati scuola, dopo 70 anni continua la lotta per la scuola pubblica

Storico è l'annuncio di Sandro Pertini nel 25 aprile del 1945 «Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire.»  Così come storico sarà l'annuncio, in quel giorno del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia, “oggi 25 aprile, in nome del popolo e dei volontari della libertà e delegato del solo governo legale italiano, ha assunto i poteri di governo”.
Liberazione dall'occupazione nazifascista, che in realtà ebbe inizio ben prima del 25 aprile e che in alcune località, come Trieste o Gorizia, avverrà il primo maggio del 1945. Libertà, antifascismo, solidarietà, unità. E nasceranno su iniziativa ed impulso del CLN anche i primi sindacati liberi della scuola. Scuola che inizierà l'avvio di un processo di de-fascistizzazione, anche se a dirla tutta ancora oggi alcuni elementi sono ancora presenti, come la circolare sul crocifisso, ad esempio, per alcuni ordini di scuola, atto di benevolenza del fascismo verso la Chiesa, simbolo dell'inizio della conciliazione tra fascismo e Chiesa. Il 25 giugno del 1945 si formerà a Genova uno dei primi sindacati, post fascisti, della scuola, oltre 1000 maestri genovesi aderiranno con determinazione. 
E paradosso vuole che 70 anni dopo, la scuola, il 25 giugno del 2015 vivrà la sua peggiore fase storica, quella che ne sancisce la morte, in nome dell'aziendalizzazione, competizione, delle competenze, della scuola lavoro, dell'autoimprenditorialità, del classismo, delle diseguaglianze. 
Quella scuola che non risponde ai valori costituzionali della nostra Carta nata dall'antifascismo, una scuola autoritaria e decisionista, sistema ripudiato dall'antifascismo prima e dai movimenti del '68 dopo. Questo 25 giugno i sindacati della scuola in via unitaria continueranno la lotta, per la scuola pubblica, camminando insieme con la comunità scolastica, 70 anni dopo la caduta del fascismo la lotta per la scuola pubblica continua. 70 anni dopo il mondo della scuola si trova a dover contrastare un sistema autoritario pseudoriformista e sinistro che mina il bene comune costituzionale più importante della nostra società e civiltà, la scuola pubblica. 

Marco Barone 
nota: fonte foto estratto dell'Unità del 25 giugno 1945

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto