Passa ai contenuti principali

Scuola: accade a Trieste, vuoi continuare il tuo percorso di studi? Devi sperare nel sorteggio

Il 5 maggio 2014 l'ITIS Volta di Trieste riceveva il ministro dell'Istruzione, il quale “si diceva consapevole del valore del sistema scuola della nostra regione”. A questa consapevolezza, a quanto pare, si risponde in modo incredibile, un modo che lede in modo inequivocabile il diritto allo studio, e nel mentre si parla di buona scuola, che insiste molto sul concetto di competenze, auto-imprenditorialità, standardizzazione degli apprendimenti correlati al sistema Invalsi. Sulle pagine del Piccolo di Trieste è stata pubblicata una notizia che scuoterà e non potrà che scuotere gli animi. Come è noto il MIUR ha fornito le indicazioni relative all'organico di diritto, sulle classi che si possono attivare in FVG, rispettando i parametri fallimentari, per il diritto allo studio, del risparmio di spesa, ergo tagli, fatti passare tecnicamente sotto la voce di una semplice razionalizzazione della spesa, che tanto ragionevole a dire il vero non è , visto quello che accade. Il Piccolo di Trieste segnala che “il Volta potrà attivare solo 26 classi che non potranno più essere, come negli anni passati, “articolate” ovvero non potranno contemplare al loro interno la compresenza di diversi indirizzi di studio. Perciò i ragazzi che avevano iniziato i propri studi in una classe articolata di elettronica ed elettrotecnica o di meccanica, meccatronica ed energia o ancora di informatica e telecomunicazioni non potranno proseguire il loro percorso. Dovranno “riorientarsi” per consentire la formazione di classi non articolate e far tornare i numeri: nel caso di indirizzi particolarmente richiesti solo alcuni potranno entrare a far parte della classe corrispondente”. E se gli studenti non decideranno di mutare il proprio orientamento, se non rinunceranno ad un diritto laicamente sacrosanto, quale quello di continuare il proprio ordinario percorso di studi? Non si esclude l'ipotesi di un sorteggio. Cioè sarà la sorte a determinare chi o non chi potrà continuare frequentare il proprio percorso. E gli altri? O cambieranno indirizzo, o scuola, o città.  Altro che buonascuola, investimenti e tante dicerie, questo è l'ennesimo esempio concreto di quello che accade nelle nostre scuole, disastrate, massacrate da politiche determinate, chiare e sistemiche.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …