Passa ai contenuti principali

Scuola:lo sciopero del 5 maggio? Come spaccare la mobilitazione contro la buona scuola

Il Jobs Act è stato presentato dal Governo il 3 aprile 2014, Esaminato in Aula il 7 agosto 2014, il 24 e 25 settembre 2014, l'8 ottobre 2014 supererà un primo esame dell'Aula, per essere approvato definitivamente il 3 dicembre ed entrare in vigore, come da normativa, 15 giorni dopo.  Si è trattato di un provvedimento che ha sorpreso tanti, anzi molti, per la velocità con il quale è stato approvato, oltre che per i suoi effetti a dir poco devastanti per il diritto del lavoro. Il disegno di legge sulla scuola, ora ancora in Commissione, è agganciato al Jobs Act, specialmente per quanto concerne la scuola lavoro, ma l'altro legame che sussiste è quello della tempistica. Ora che possibilità ci sono che il disegno di legge sulla scuola venga approvato da entrambi i rami del Parlamento prima del 12 maggio 2015? Molti dicono che questo provvedimento verrà agganciato al DEF. Certo, è vero che nel DEF si parla di “buona scuola” ed il DEF viene inviato alle Camere perché si esprimano sugli obiettivi programmatici in tempo utile per la trasmissione del Programma di Stabilità e del Programma Nazionale di Riforma al Consiglio dell'Unione europea e alla Commissione europea entro il 30 aprile. 
Poi, però, vi sono anche le manovre importanti per i bilanci dello Stato che vengono comunque approvate entro il 30 giugno. Ora, come è noto, sul 12 maggio vi è stata una enorme convergenza, quella sarà la data nella quale manifesteranno e sciopereranno gli studenti, perché quella è la data delle prove Invalsi e l'Invalsi è il cuore del sistema di valutazione di questa riforma. E la base della maggioranza dei sindacati era contenta di ciò, producendo anche diverse lettere o appelli per una manifestazione, finalmente unitaria, unica ed irripetibile, per il 12 maggio. Ma, a quanto pare, il 5 maggio, notizia che circola da ieri e confermata da poco, alcuni sindacati che avrebbero potuto convergere sul 12 maggio, vogliono concentrare il tutto su tale data, tagliando fuori o rischiando di tagliare fuori la componente studentesca e non solo. Certo, il 5 maggio vi è già lo sciopero contro le prove dell'Invalsi, proclamato dai Cobas, ed il 6 maggio vi è un secondo giorno per poi concludersi il tutto il 12, certamente salteranno le prove dell'Invalsi in via generalizzata nelle scuole primarie per quella data, cosa considerevole e ci mancherebbe, però, salta la manifestazione unitaria, salta il processo unitario che avrebbe potuto condurre a Roma una marea incavolata ed indignata di docenti,studenti e di manifestanti. Invece si frammenta il tutto. Si dice che è tardi il 12 maggio, e perché? A questo punto, se è vero , ma nutro forti dubbi che ciò possa accadere, che la buona scuola verrà collegata per l'approvazione al Def, cioè entro il 30 aprile, anche il 5 maggio è tardivo, ed anche gli scioperi che cadono a ridosso di quella data rischiano di esserlo. 
Pare semplicemente impossibile che la buona scuola possa essere approvata prima di metà maggio, i tempi reali e non teorici, non ci sono. Insomma la data del 5 maggio, per quanto lodevole per la questione dell'Invalsi, comporterà una frammentazione della lotta, comporterà una rivolta da parte della base, e paradossalmente rischierà di favorire il Governo, perché un conto è avere tre, quattro manifestazioni territoriali frammentante nel tempo, un conto una irripetibile manifestazione generale, generalizzata e condivisa per la difesa della buona scuola. 
Il 12 maggio, era e continuerà ad essere la data guida, anche perché, gli studenti le prove Invalsi non le vogliono, ed in piazza scendono anche per questo e l'Invalsi non è mica una cosa da poco, ma il cuore, come già detto e scritto, di quella valutazione che cambierà per sempre la nostra scuola, ed un pezzo determinante e fondamentale della cattiva scuola di questo Governo. Insomma il 12 maggio è la data che può unire il tutto, un ripensamento sul 5 maggio è auspicabile, quanto prima.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…