Passa ai contenuti principali

Scuola:lo sciopero del 5 maggio? Come spaccare la mobilitazione contro la buona scuola

Il Jobs Act è stato presentato dal Governo il 3 aprile 2014, Esaminato in Aula il 7 agosto 2014, il 24 e 25 settembre 2014, l'8 ottobre 2014 supererà un primo esame dell'Aula, per essere approvato definitivamente il 3 dicembre ed entrare in vigore, come da normativa, 15 giorni dopo.  Si è trattato di un provvedimento che ha sorpreso tanti, anzi molti, per la velocità con il quale è stato approvato, oltre che per i suoi effetti a dir poco devastanti per il diritto del lavoro. Il disegno di legge sulla scuola, ora ancora in Commissione, è agganciato al Jobs Act, specialmente per quanto concerne la scuola lavoro, ma l'altro legame che sussiste è quello della tempistica. Ora che possibilità ci sono che il disegno di legge sulla scuola venga approvato da entrambi i rami del Parlamento prima del 12 maggio 2015? Molti dicono che questo provvedimento verrà agganciato al DEF. Certo, è vero che nel DEF si parla di “buona scuola” ed il DEF viene inviato alle Camere perché si esprimano sugli obiettivi programmatici in tempo utile per la trasmissione del Programma di Stabilità e del Programma Nazionale di Riforma al Consiglio dell'Unione europea e alla Commissione europea entro il 30 aprile. 
Poi, però, vi sono anche le manovre importanti per i bilanci dello Stato che vengono comunque approvate entro il 30 giugno. Ora, come è noto, sul 12 maggio vi è stata una enorme convergenza, quella sarà la data nella quale manifesteranno e sciopereranno gli studenti, perché quella è la data delle prove Invalsi e l'Invalsi è il cuore del sistema di valutazione di questa riforma. E la base della maggioranza dei sindacati era contenta di ciò, producendo anche diverse lettere o appelli per una manifestazione, finalmente unitaria, unica ed irripetibile, per il 12 maggio. Ma, a quanto pare, il 5 maggio, notizia che circola da ieri e confermata da poco, alcuni sindacati che avrebbero potuto convergere sul 12 maggio, vogliono concentrare il tutto su tale data, tagliando fuori o rischiando di tagliare fuori la componente studentesca e non solo. Certo, il 5 maggio vi è già lo sciopero contro le prove dell'Invalsi, proclamato dai Cobas, ed il 6 maggio vi è un secondo giorno per poi concludersi il tutto il 12, certamente salteranno le prove dell'Invalsi in via generalizzata nelle scuole primarie per quella data, cosa considerevole e ci mancherebbe, però, salta la manifestazione unitaria, salta il processo unitario che avrebbe potuto condurre a Roma una marea incavolata ed indignata di docenti,studenti e di manifestanti. Invece si frammenta il tutto. Si dice che è tardi il 12 maggio, e perché? A questo punto, se è vero , ma nutro forti dubbi che ciò possa accadere, che la buona scuola verrà collegata per l'approvazione al Def, cioè entro il 30 aprile, anche il 5 maggio è tardivo, ed anche gli scioperi che cadono a ridosso di quella data rischiano di esserlo. 
Pare semplicemente impossibile che la buona scuola possa essere approvata prima di metà maggio, i tempi reali e non teorici, non ci sono. Insomma la data del 5 maggio, per quanto lodevole per la questione dell'Invalsi, comporterà una frammentazione della lotta, comporterà una rivolta da parte della base, e paradossalmente rischierà di favorire il Governo, perché un conto è avere tre, quattro manifestazioni territoriali frammentante nel tempo, un conto una irripetibile manifestazione generale, generalizzata e condivisa per la difesa della buona scuola. 
Il 12 maggio, era e continuerà ad essere la data guida, anche perché, gli studenti le prove Invalsi non le vogliono, ed in piazza scendono anche per questo e l'Invalsi non è mica una cosa da poco, ma il cuore, come già detto e scritto, di quella valutazione che cambierà per sempre la nostra scuola, ed un pezzo determinante e fondamentale della cattiva scuola di questo Governo. Insomma il 12 maggio è la data che può unire il tutto, un ripensamento sul 5 maggio è auspicabile, quanto prima.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…