Passa ai contenuti principali

Scuola se l'Invalsi praticamente diventa il tuo datore di lavoro

Ora anche i più sordi, i più scettici hanno finalmente compreso lo stato reale delle cose. La scuola italiana, per alcuni giorni, oltre a vedere sospesa o meglio interrotta la propria ordinaria attività didattica, la propria ordinaria attività scolastica, vedrà sospesi i diritti dei lavoratori della scuola.  Ed il tutto a pochi giorni dal primo maggio, giorno che dovrebbe sancire la rivendicazione e la piena difesa dei diritti dei lavoratori tutti. PerchéPerché se l'Invalsi, come ha reso noto, con la nota del 27 aprile 2015 ed un comunicato stampa, non ha coinvolto il MIUR, per la questione dello spostamento delle prove, Miur che avrebbe obbligo di vigilanza, ciò è anche perché si sarebbe affermata pienamente la condotta antisindacale, stante che lo sciopero del cinque maggio che era stato proclamato contro le prove dell'Invalsi. Dunque i lavoratori della scuola, non avendo più il MIUR come proprio ordinario ed effettivo datore di lavoro, assistono impotenti alla fine dei propri diritti, in questo caso a quello di sciopero, ma non solo.
Semplicemente allucinante. Ma non è l'unica questione. Gli osservatori esterni, che saranno presenti nelle classi/scuole campione di cosa si occupano? “L’osservatore si impegna a: a garantire la corretta applicazione del protocollo di somministrazione delle prove; b. effettuare l'inserimento delle risposte alle prove su apposita maschera elettronica (foglio elettronico) che consegnerà alla Segreteria della scuola per il successivo inoltro mediante caricamento sul sito Internet dell'INVALSI. L’osservatore si impegna a: a. seguire accuratamente il percorso di formazione a distanza sulla rilevazione degli apprendimenti del SNV e sul protocollo di somministrazione delle prove; b. registrarsi sul sito dell'INVALSI secondo le modalità e le tempistiche indicate sul sito Internet dell'INVALSI medesimo; c. contattare telefonicamente, prima del giorni fissato per la rilevazione, la scuola per presentarsi e accreditarsi presso il Dirigente Scolastico o un suo delegato; d. svolgere le operazioni sotto elencate per la rilevazione, che si svolgerà nell'arco di due giornate per la scuola primaria e nell'arco di una sola giornata per la scuola secondaria di secondo grado, secondo il calendario previsto - recarsi il giorno della prova, nel plesso scolastico assegnato, in tempo utile per verificare che tutto sia predisposto come da protocollo; - assistere all'apertura dei plichi contenenti le prove e verificare l'integrità dei plichi relativi sia alle classi della scuola campione che a quelli delle classi non campione; - assistere alla somministrazione della prova e annotare eventuali irregolarità, che saranno poi comunicate all'INVALSI; - provvedere direttamente, nel caso fosse necessario, alla somministrazione delle prove; - effettuare l'inserimento delle risposte alle prove su apposita maschera elettronica (foglio elettronico) che sarà consegnata alla segreteria della scuola per il successivo inoltro mediante caricamento sul sito dell'INVALSI, avendo comunque cura di conservarne una copia su file. A ciascun osservatore, sarà corrisposta dalla Scuola Polo regionale individuata da INVALSI – per il la somma di €195,30 a giornata, lordo Amministrazione e quindi comprensiva di qualsiasi onere, nonché delle eventuali spese di viaggio e di vitto. 
Ed i docenti della scuola, incluso anche il personale Ata, cosa fanno per disposizione di servizio, come imposta dal Dirigente Scolastico che risponde ai voleri e necessità dell'Invalsi? Praticamente le medesime cose dell'osservatore esterno che risponde in sostanza direttamente all'Invalsi. Dunque per dirla brevemente, nelle giornate delle prove Invalsi buona parte dei docenti delle scuole nostrane, coinvolte da quelle prove, non risponderanno più al Miur ma all'Invalsi, stante il fatto che è l'Invalsi ad organizzare e caledarizzare il tutto, scrivere manuali, guide e fornire indicazioni e direttive che verranno semplicemente recepite e ratificate dalle scuole. Percepiscono una retribuzione nettamente inferiore, rispetto a quella dell'osservatore, svolgono un lavoro che dovrebbe essere svolto dal personale assunto direttamente dall'Invalsi, e che invece, sia nel caso del bando degli osservatori che nel caso del personale della scuola che riceverà gli ordini di servizio, vede il MIUR essere trasformato in una sorta di agenzia che fornisce manodopera, con trattamenti retributivi anche diversi e senza la possibilità di poter difendere compiutamente i propri diritti, come ben evidenziato dalla questione posticipo prove invalsi per colpire lo sciopero del cinque maggio. 
Se tutto questo accade nella scuola pubblica,che dovrebbe essere il primo luogo ove si insegna la difesa basilare dei propri diritti, tramite la coscienza critica,  significa che siamo messi proprio male.

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…