Passa ai contenuti principali

Scuola se l'Invalsi praticamente diventa il tuo datore di lavoro

Ora anche i più sordi, i più scettici hanno finalmente compreso lo stato reale delle cose. La scuola italiana, per alcuni giorni, oltre a vedere sospesa o meglio interrotta la propria ordinaria attività didattica, la propria ordinaria attività scolastica, vedrà sospesi i diritti dei lavoratori della scuola.  Ed il tutto a pochi giorni dal primo maggio, giorno che dovrebbe sancire la rivendicazione e la piena difesa dei diritti dei lavoratori tutti. PerchéPerché se l'Invalsi, come ha reso noto, con la nota del 27 aprile 2015 ed un comunicato stampa, non ha coinvolto il MIUR, per la questione dello spostamento delle prove, Miur che avrebbe obbligo di vigilanza, ciò è anche perché si sarebbe affermata pienamente la condotta antisindacale, stante che lo sciopero del cinque maggio che era stato proclamato contro le prove dell'Invalsi. Dunque i lavoratori della scuola, non avendo più il MIUR come proprio ordinario ed effettivo datore di lavoro, assistono impotenti alla fine dei propri diritti, in questo caso a quello di sciopero, ma non solo.
Semplicemente allucinante. Ma non è l'unica questione. Gli osservatori esterni, che saranno presenti nelle classi/scuole campione di cosa si occupano? “L’osservatore si impegna a: a garantire la corretta applicazione del protocollo di somministrazione delle prove; b. effettuare l'inserimento delle risposte alle prove su apposita maschera elettronica (foglio elettronico) che consegnerà alla Segreteria della scuola per il successivo inoltro mediante caricamento sul sito Internet dell'INVALSI. L’osservatore si impegna a: a. seguire accuratamente il percorso di formazione a distanza sulla rilevazione degli apprendimenti del SNV e sul protocollo di somministrazione delle prove; b. registrarsi sul sito dell'INVALSI secondo le modalità e le tempistiche indicate sul sito Internet dell'INVALSI medesimo; c. contattare telefonicamente, prima del giorni fissato per la rilevazione, la scuola per presentarsi e accreditarsi presso il Dirigente Scolastico o un suo delegato; d. svolgere le operazioni sotto elencate per la rilevazione, che si svolgerà nell'arco di due giornate per la scuola primaria e nell'arco di una sola giornata per la scuola secondaria di secondo grado, secondo il calendario previsto - recarsi il giorno della prova, nel plesso scolastico assegnato, in tempo utile per verificare che tutto sia predisposto come da protocollo; - assistere all'apertura dei plichi contenenti le prove e verificare l'integrità dei plichi relativi sia alle classi della scuola campione che a quelli delle classi non campione; - assistere alla somministrazione della prova e annotare eventuali irregolarità, che saranno poi comunicate all'INVALSI; - provvedere direttamente, nel caso fosse necessario, alla somministrazione delle prove; - effettuare l'inserimento delle risposte alle prove su apposita maschera elettronica (foglio elettronico) che sarà consegnata alla segreteria della scuola per il successivo inoltro mediante caricamento sul sito dell'INVALSI, avendo comunque cura di conservarne una copia su file. A ciascun osservatore, sarà corrisposta dalla Scuola Polo regionale individuata da INVALSI – per il la somma di €195,30 a giornata, lordo Amministrazione e quindi comprensiva di qualsiasi onere, nonché delle eventuali spese di viaggio e di vitto. 
Ed i docenti della scuola, incluso anche il personale Ata, cosa fanno per disposizione di servizio, come imposta dal Dirigente Scolastico che risponde ai voleri e necessità dell'Invalsi? Praticamente le medesime cose dell'osservatore esterno che risponde in sostanza direttamente all'Invalsi. Dunque per dirla brevemente, nelle giornate delle prove Invalsi buona parte dei docenti delle scuole nostrane, coinvolte da quelle prove, non risponderanno più al Miur ma all'Invalsi, stante il fatto che è l'Invalsi ad organizzare e caledarizzare il tutto, scrivere manuali, guide e fornire indicazioni e direttive che verranno semplicemente recepite e ratificate dalle scuole. Percepiscono una retribuzione nettamente inferiore, rispetto a quella dell'osservatore, svolgono un lavoro che dovrebbe essere svolto dal personale assunto direttamente dall'Invalsi, e che invece, sia nel caso del bando degli osservatori che nel caso del personale della scuola che riceverà gli ordini di servizio, vede il MIUR essere trasformato in una sorta di agenzia che fornisce manodopera, con trattamenti retributivi anche diversi e senza la possibilità di poter difendere compiutamente i propri diritti, come ben evidenziato dalla questione posticipo prove invalsi per colpire lo sciopero del cinque maggio. 
Se tutto questo accade nella scuola pubblica,che dovrebbe essere il primo luogo ove si insegna la difesa basilare dei propri diritti, tramite la coscienza critica,  significa che siamo messi proprio male.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …