Passa ai contenuti principali

Raid vandalico a Ronchi,colpita piazza della Concordia (foto)

Decine e decine di faretti distrutti, ma non solo. 
Colpiti anche i contenitori dell'estintore e della pompa anti-incendio. Il tutto accaduto in una notte di vandalismo, inciviltà delinquenziale. Piazza della concordia, è diventata piazza della discordia, con il buon senso, con il rispetto del bene comune e pubblico.
Piazza che ospita ed ha ospitato diverse iniziative nel corso del tempo, una su tutte il partecipatissimo concerto del maggio 2014 del Coro partigiano Pinko Tomažič , collocata alle spalle della locale biblioteca, ove, purtroppo, su un palo della luce, collocato vicino alla porta secondaria della stessa, è visibile una maledetta svastica lì incisa chissà quando e che sarebbe il caso di rimuovere almeno prima di questo 25 aprile. 
Chi ha colpito quella piazza, mi viene da pensare che sia gente che ben conosce Ronchi, perché è una piazzetta secondaria, nascosta, poco frequentata, anche se in centro, sicuramente poco conosciuta da chi non vive in Ronchi. 





Piazzetta costeggiata da un muretto, facilmente scavalcabile, che conduce nel giardino dell'immobile confinante con il bel palazzo che ospita il Comune di Ronchi. Operazione forse preventivata, premeditata, e non semplice figlia di una bevuta di troppo. Perché chi ha colpito in pieno centro città, lo ha fatto sfidando le telecamere, che a quanto pare, e questo è l'ennesimo esempio, non funzionano da deterrente, lo ha fatto sfidando le forze dell'ordine che controllano con frequenza il centro di Ronchi, lo ha fatto sfidando una notte che spesso vede Ronchi essere deserta, ma in una zona con diverse abitazioni e condomini collocati a pochi metri di distanza. Si tratta del  tipico atto di vandalismo che rappresenta il degrado di questa società, che ha comportato la distruzione di quasi tutti i faretti della piazza ma anche di quelli costeggianti il muro esterno alla stessa? O dietro questo vandalismo si cela altro? Che dire? Che l'operazione di ripristino sarà a carico della collettività, ed i costi, come emerso sul Piccolo, sono elevati, si parla di alcune migliaia di euro. Certo, è vero che Ronchi vive una situazione di degrado, contenuto, ma sussiste. Non è difficile vedere sacchetti neri con il bollino arancione abbandonati per le strade per diversi ed ancora diversi giorni, erba incolta, e piazza dell'Unità, che ospita il monumento alla resistenza in condizioni indecenti. Monumento che dovrebbe essere totalmente ripulito, visto che lentamente sta diventando praticamente nero,  panchine vecchie, che almeno potrebbero essere riverniciate, od uno dei faretti che dovrebbe illuminare il monumento, fulminato da diversi mesi, per non parlare di chi si diletta a gettare nella stessa carte, o ad abbandonare oggetti, come un casco che lì è rimasto per diversi giorni, per poi finire in cima ad un albero, od una bicicletta prima abbandonata in un cespuglio e poi depositata sotto il monumento. Ma questo non significa che il degrado sussistente, dovuto anche alle sofferenze delle casse comunali, possa e debba, in nessuna maniera, legittimare quello che è accaduto in una notte di triste primavera a Ronchi. 
Ronchi è bene comune, tuteliamola.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…