Passa ai contenuti principali

Raid vandalico a Ronchi,colpita piazza della Concordia (foto)

Decine e decine di faretti distrutti, ma non solo. 
Colpiti anche i contenitori dell'estintore e della pompa anti-incendio. Il tutto accaduto in una notte di vandalismo, inciviltà delinquenziale. Piazza della concordia, è diventata piazza della discordia, con il buon senso, con il rispetto del bene comune e pubblico.
Piazza che ospita ed ha ospitato diverse iniziative nel corso del tempo, una su tutte il partecipatissimo concerto del maggio 2014 del Coro partigiano Pinko Tomažič , collocata alle spalle della locale biblioteca, ove, purtroppo, su un palo della luce, collocato vicino alla porta secondaria della stessa, è visibile una maledetta svastica lì incisa chissà quando e che sarebbe il caso di rimuovere almeno prima di questo 25 aprile. 
Chi ha colpito quella piazza, mi viene da pensare che sia gente che ben conosce Ronchi, perché è una piazzetta secondaria, nascosta, poco frequentata, anche se in centro, sicuramente poco conosciuta da chi non vive in Ronchi. 





Piazzetta costeggiata da un muretto, facilmente scavalcabile, che conduce nel giardino dell'immobile confinante con il bel palazzo che ospita il Comune di Ronchi. Operazione forse preventivata, premeditata, e non semplice figlia di una bevuta di troppo. Perché chi ha colpito in pieno centro città, lo ha fatto sfidando le telecamere, che a quanto pare, e questo è l'ennesimo esempio, non funzionano da deterrente, lo ha fatto sfidando le forze dell'ordine che controllano con frequenza il centro di Ronchi, lo ha fatto sfidando una notte che spesso vede Ronchi essere deserta, ma in una zona con diverse abitazioni e condomini collocati a pochi metri di distanza. Si tratta del  tipico atto di vandalismo che rappresenta il degrado di questa società, che ha comportato la distruzione di quasi tutti i faretti della piazza ma anche di quelli costeggianti il muro esterno alla stessa? O dietro questo vandalismo si cela altro? Che dire? Che l'operazione di ripristino sarà a carico della collettività, ed i costi, come emerso sul Piccolo, sono elevati, si parla di alcune migliaia di euro. Certo, è vero che Ronchi vive una situazione di degrado, contenuto, ma sussiste. Non è difficile vedere sacchetti neri con il bollino arancione abbandonati per le strade per diversi ed ancora diversi giorni, erba incolta, e piazza dell'Unità, che ospita il monumento alla resistenza in condizioni indecenti. Monumento che dovrebbe essere totalmente ripulito, visto che lentamente sta diventando praticamente nero,  panchine vecchie, che almeno potrebbero essere riverniciate, od uno dei faretti che dovrebbe illuminare il monumento, fulminato da diversi mesi, per non parlare di chi si diletta a gettare nella stessa carte, o ad abbandonare oggetti, come un casco che lì è rimasto per diversi giorni, per poi finire in cima ad un albero, od una bicicletta prima abbandonata in un cespuglio e poi depositata sotto il monumento. Ma questo non significa che il degrado sussistente, dovuto anche alle sofferenze delle casse comunali, possa e debba, in nessuna maniera, legittimare quello che è accaduto in una notte di triste primavera a Ronchi. 
Ronchi è bene comune, tuteliamola.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…