Passa ai contenuti principali

La liberazione di Trieste raccontata dal partigiano Stanko Petelin

Stanko Petelin è nato nel 1924 a Kamnik a sud di Ljubljana, a soli 18 anni è stato imprigionato dalle forze di occupazione italiane e la sua colpa era quella di aver esposto la bandiera slovena e quella jugoslava.  Nel maggio del '42 ha fatto parte delle formazioni partigiane con il nome Vojko per diventare, prima delegato e commissario politico anche della Prešernova  brigada e poi membro dello S.M. dell'armata popolare jugoslava con il grado di colonnello. E' stato anche direttore della rivista militare Naše obrambe. Nel libro “ La liberazione del litorale sloveno” a cura di Aldo Rupel, di cui purtroppo esistono poche copie, racconta, con tanti particolari, con la voce e la mano di chi ha vissuto la lotta partigiana, l'esperienza di cui al titolo del libro ed in particolare l'importante lotta di liberazione svolta dal IX Corpus che di fatto nascerà il 21 dicembre del 1943. Cosa emerge in merito ai fatti del 1 maggio del 1945? Che la mattina del 1 maggio del '45 la Gradnikova brigada mosse con due battaglioni verso Selz e con uno verso Monfalcone. A Selz, racconta Stanko Petelin, vennero disarmati circa 30 tedeschi per poi a Monfalcone costringere oltre 700 soldati a deporre le armi. A Gorizia la Prešernova  Brigada si scontrò duramente con i centici ed i domobranci. 
A Gorizia si trovava anche, il primo maggio,  lo Skofjeloski odrerd, la compagnia d'assalto della 31 divisione ed il comando della zona militare della Gorenjska. Le unità angloamericane entrarono in città solo il 2 maggio alle ore 11 quando la città venne di fatto già liberata. 
A Trieste alcune migliaia di combattenti pronti ad insorgere erano stati organizzati dal Comando cittadino in seguito alle direttive del IX Corpus alcuni mesi prima della fine della guerra, “sono stati loro a ripulire la città dal nemico, tranne alcuni punti maggiormente fortificati, prima dell'entrata di altre formazioni”. 
Formazioni che entreranno in città nella primissima mattinata del 1 maggio. La prima compagnia d'assalto ad entrare fu quella della 30.div la quale assaltò la Caserma Rossetti ove si erano concentrati 700 appartenenti alla Guardia Civica, che si arresero. Diverse furono le battaglie condotte in città, come quella del Castello di San Giusto che venne letteralmente assediato dalle truppe partigiane jugoslave, con circa 140 soldati tedeschi lì rinchiusi. Epica nella memoria, ma anche per la sua problematicità, è la vicenda del Tribunale. Il 2 maggio, dopo le importanti lotte condotte in città soprattutto dai partigiani jugoslavi, erano rimasti solo pochi punti ancora da liberare. I tedeschi asserragliati nel tribunale alzarono la bandiera bianca per arrendersi alle truppe jugoslave. Ma in quel momento, si legge nel libro, passò davanti all'edificio una colonna di carri blindati inglesi. "I tedeschi tolsero il panno e ricominciarono a sparare, perché volevano arrendersi ora agli inglesi". E questo fatto viene denunciato con forza nel libro tanto che nella postfazione si scrive che: “l'avvicinarsi delle unità angloamericane dal Po verso l'Isonzo rese il suo compito molto più difficile, i tedeschi non avrebbero resistito con tanta determinazione e tanto a lungo intorno alla Ilirska Bistrica e Trieste se non avessero sperato nell'arrivo degli angloamericani per arrendersi a loro e non ai combattenti dell'esercito jugoslavo”.
Un comunicato di Cox, capo dell'Ufficio informazione della seconda  divisione neozelandese evidenziava che “poi gli Jugoslavi proseguirono verso la città e nelle giornate del 28 e 29 aprile combattevano contro i tedeschi sulle alture occidentali. 
Nella notte tra il 29 e 30 aprile cominciarono a scendere nei sobborghi. I combattimenti in città continuarono il 30 aprile e il 1 maggio. I tedeschi tentarono di trattenere l'avanzata delle forze di Tito con un ingente fuoco delle batterie costiere e delle navi della Marina Militare. Quando giungemmo in città il 2 maggio resistevano ancora soltanto alcune fortificazioni attorno le quali stabilimmo il contatto con i tedeschi, mentre le navi da guerra si ritiravano verso Venezia”. Ma si ricordava anche che “ la 4^ armata jugoslava effettivamente vinse le forze tedesche nell'Istria. E' necessario che per questo fatto si dia agli jugoslavi pieno riconoscimento dinanzi la storia”. 
Interessante sarà anche la testimonianza riportata da un Sacerdote, a pagina 160 del libro citato, che pur riferendosi alla vicenda di Cividale, ben  lascerà intendere che situazione vi fosse in queste terre “oggi i partigiani sono entrati a Cividale catturando alcuni tedeschi che non sono riusciti a fuggire. Da oriente entravano i partigiani sloveni, da occidente gli osovani, ovvero i badogliani.(...) gli osovani sono numerosissimi e tutti gli ex repubblichini che dovettero cedere le armi, gli appartenenti al battaglione Monte Maggiore e tutti gli ex seguaci dei tedeschi e di Mussolini circolano per la città come osovani. A S. Pietro e nelle valli di S. Lorenzo oggi si costituiscono e si armano nuovi battaglioni di osovani con gli ex fascisti e confidenti tedeschi”. 
Si riconosce, nel libro, la manovra a tenaglia contro gli occupanti ma anche la logica e naturale e legittima operazione politica rilevato che come è noto e come giustamente si denuncia“si arrivò a negare alla Jugoslavia ogni diritto su questo territorio, senza tenere conto che era abitato da sloveni e che si trattava di una nazione alleata che aveva contribuito efficacemente alla vittoria sul fascismo e sul nazismo” senza dimenticare tutti gli effetti della occupazione italiana e fascista, devastante, contro sloveni e croati in primo luogo, che hanno subite violenze ancora oggi sconosciute ai più nel resto d'Italia, fatti e violenze che continuarono un secondo dopo il passaggio di consegne, da parte dei partigiani jugoslavi, alle altre truppe alleate, per l'amministrazione di Trieste e Gorizia avvenuta il 12 giugno del 1945, con oltre 500 giornate di violenze per l'affermazione dell'italianità di queste città.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …