Passa ai contenuti principali

Ma dal 2016, ci saranno i soldi per pagare le pensioni?

La trasmissione Presadiretta del primo febbraio 2015 dovrebbe scatenare un terremoto, ma le reazioni successive alla importante denuncia pubblica di Iacona, sembrano, ad oggi almeno, essere state ammortizzate da altri eventi mediatici e politici e di gossip. Certo, non è stato denunciato nulla di nuovo, ma il merito del programma è aver fatto arrivare all'opinione pubblica, in modo chiaro, preciso e conciso, quello che gli addetti ai lavori conoscono da tempo e che l'opinione pubblica forse non ha compiutamente compreso, ovvero che il buco rosso o nero, questione di prospettiva, del nuovo INPS, come accorpato con l'INPDAP, è grave. Si è detto che la spesa previdenziale italiana è pari ad un quinto della intera spesa pubblica, che nel 2013 si denunciava il fatto, grave, che nel 2016 sarebbero finiti i soldi per pagare le pensioni, che lo stato sarà costretto a garantire un trasferimento di risorse crescenti pari a circa 120 miliardi, che nei soli ultimi tre anni si sono registrate perdite di 30 miliardi, che entrano 211 miliardi di contributi e la spesa da sostenere è di 269 a cui si deve anche aggiungere l'assistenza, che la differenza di circa 124 miliardi di euro,  in negativo,  tra entrate ed uscite, è a dir poco allucinante e che se fallisce l'INPS fallisce lo Stato.
 Difficilmente l'INPS fallirà, quello che si può prevedere è una forte accelerazione del processo di privatizzazione della gestione previdenziale, che è quello a cui forse si vuole arrivare dopo aver svenduto o regalato, volutamente, patrimoni immobiliari pubblici e distrutto il sistema previdenziale nostrano, ci saranno ancora una volta misure che hanno lo scopo di tamponare falle figlie della cattiva gestione della cosa pubblica, senza alcun  reale grande colpevole e non pesce piccolo mai realmente punito, e conseguentemente si realizzerà l'ennesimo incremento di tasse che dovranno soddisfare i contribuenti pubblici tutti, da un lato, e dall'altro i lavoratori continueranno a veder allungata la propria prospettiva di vita schiavista lavorativa, senza averlo mai né desiderato né chiesto, ed allontanarsi sempre di più il diritto alla pensione nei migliori dei casi,  ma non è difficile ipotizzare una  drastica riduzione della pensione nei peggiori dei casi, o l'inesistenza della pensione nella previsione più catastrofica che riguarderà probabilmente le nuove generazioni ultra-precarie. Sarà il pessimismo o la rassegnazione, o peggio ancora, sarà il tipico ragionamento del “figurati se fallisce l'INPS “ o del “ tanto da qui ai prossimi anni chi vivrà vedrà” richiamando un verso di una delle canzoni di Rino Gaetano, oppure che "tanto dovrò lavorare fino a 70 anni di età ed oltre", che la situazione disastrosa continua ad essere disastrosa fino a raggiungere la soglia della non sostenibilità. Certo, forse tecnicamente oggi la soglia raggiunta è sostenibile, il buco è sostenibile, oppure semplicemente un bel giorno ci diranno che hanno sottovalutato il rischio ed il pericolo, e di essersi semplicemente sbagliati, il prezzo che la politica pagherà sarà al massimo una lettera di dimissioni e pensioni d'oro garantite, ma per i cittadini sarà una catastrofe, chissà, ma per risvegliare dallo stato di indifferenza e di assoluto torpore la cittadinanza di questo malandato Paese forse è necessario lanciare non tanto degli allarmi, ma interrogativi seri ed uno di questi è ma nel 2016 i soldi per pagare le pensioni ci saranno? E come si pensa, all'interno di questo scellerato sistema capitalistico, di  sanare il buco dell'INPS, senza colpire i diritti dei lavoratori, senza allungare per l'ennesima volta l'età lavorativa, senza ridurre le pensioni, senza far sparire il diritto alla pensione, senza incrementare le tasse? Ci toccherà scegliere tra privatizzazione del sistema previdenziale, e rischio di non aver più la pensione? Con questo sistema sociale, economico ieri ed oggi esistente la risposta mi pare inevitabilmente scontata, ma l'alternativa è sempre possibile, esiste sempre una valida alternativa a questo disastro voluto e non casuale, e prima o poi busserà alle porte anche di questa bella Italia addormentata.



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …