Passa ai contenuti principali

L'omicidio dello storico William Klinger strumentalizzato per le vicende del Confine Orientale

Il 31 gennaio 2015 nella lontanissima, fisicamente, ma vicina, per questioni politiche e mediatiche, New York è stato ucciso William Klinger. Si è occupato della questione Jugoslava, attraverso la pubblicazione di diversi studi e ricerche, alcune delle quali condivise da soggettività politiche e pseudo-politiche che continuano a demonizzare i partigiani Jugoslavi e difendere l'emblema del revisionismo storico, inteso in senso negativo ed a favore di logiche nazionalistiche, quale il giorno del ricordo. La notizia della sua morte oltre ad aver sconvolto, in modo comprensibile, la comunità di Gradisca d'Isonzo ove viveva, ha scatenato, con il freno a mano tirato in cattivo modo, delle reazioni allucinanti. Vi è, ad esempio, chi ha voluto indirizzare la responsabilità dell' omicidio all'OZNA. Nella pagina di wikipedia, in lingua inglese, a lui dedicata, emerge, riportando quanto sottolineato dalla Voce del Popolo, noto megafono “italiano” per l'Istria ed il Quarnaro, terre ancora oggi contese da parte di rilevanti esponenti del nazionalismo nostrano, che è stato freddato quando “si trovava da qualche giorno a New York, per una serie di conferenze che avrebbe dovuto tenere sull’ex Jugoslavia, la Seconda guerra mondiale e il dopoguerra nei Balcani”.
wikipedia versione inglese del 3 febbraio 2015

Nota la sua teoria, quale quella della volontà di Tito di trasformare una guerra imperialista in una guerra civile, così come note sono le sue ricerche sull'OZNA, che a detta di qualcuno, il quale probabilmente vive fuori da ogni contesto reale, insieme addirittura all'UDBA sarebbero risorte dalle ceneri del tempo per uccidere uno storico a New York.
Certo, è vero che l'omicidio è accaduto il 31 gennaio del 2015, è vero che il 31 gennaio del 1946 il parlamento della Repubblica popolare federativa di Jugoslavia approvava una nuova costituzione, è vero che Klinger si trovava in America per delle conferenze e che l'omicidio è accaduto a pochi giorni di distanza dal giorno del ricordo, ma aver tentato di strumentalizzare questa morte per questioni epiche di nazionalismo, di anticomunismo ed antijugoslave, quando nulla di certo sin dall'inizio vi era sul movente, anzi molti indizi lasciavano trapelare la sussistenza di questioni "private", è atto veramente grave, indicibile ma sintomatico dei problemi ancora oggi sussistenti nel Confine Orientale che non devono essere sottovalutati. Il New York post, già il 2 febbraio, rendeva noto che il presunto assassino, avrebbe detto ai poliziotti che lo storico sarebbe stato ucciso per un fallito affare immobiliare per una proprietà in Italia. Versione fatta propria dalla stampa italiana solo nel pomeriggio del 3 febbraio. D'altronde è evidente che non si aspetta altro, la maledetta goccia delle gocce, per incrementare tensioni finalizzate alla realizzazione dell'ennesimo risorgimento mancato, che vorrebbe il suo compimento con Fiume, Istria e Dalmazia italiane ma anche per zittire una volta per tutte la voce del dissenso e della critica che si oppone ad ogni operazione volta a santificare la mistificazione della storia. Insomma, una triste vicenda di cronaca nera che  rischiava di diventare un caso internazionale finalizzato a riaccendere la miccia della tensione che può interessare, in via indiscriminata, varie situazioni, siano esse individuali che collettive nel controverso Confine Orientale.


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…