Passa ai contenuti principali

L'omicidio dello storico William Klinger strumentalizzato per le vicende del Confine Orientale

Il 31 gennaio 2015 nella lontanissima, fisicamente, ma vicina, per questioni politiche e mediatiche, New York è stato ucciso William Klinger. Si è occupato della questione Jugoslava, attraverso la pubblicazione di diversi studi e ricerche, alcune delle quali condivise da soggettività politiche e pseudo-politiche che continuano a demonizzare i partigiani Jugoslavi e difendere l'emblema del revisionismo storico, inteso in senso negativo ed a favore di logiche nazionalistiche, quale il giorno del ricordo. La notizia della sua morte oltre ad aver sconvolto, in modo comprensibile, la comunità di Gradisca d'Isonzo ove viveva, ha scatenato, con il freno a mano tirato in cattivo modo, delle reazioni allucinanti. Vi è, ad esempio, chi ha voluto indirizzare la responsabilità dell' omicidio all'OZNA. Nella pagina di wikipedia, in lingua inglese, a lui dedicata, emerge, riportando quanto sottolineato dalla Voce del Popolo, noto megafono “italiano” per l'Istria ed il Quarnaro, terre ancora oggi contese da parte di rilevanti esponenti del nazionalismo nostrano, che è stato freddato quando “si trovava da qualche giorno a New York, per una serie di conferenze che avrebbe dovuto tenere sull’ex Jugoslavia, la Seconda guerra mondiale e il dopoguerra nei Balcani”.
wikipedia versione inglese del 3 febbraio 2015

Nota la sua teoria, quale quella della volontà di Tito di trasformare una guerra imperialista in una guerra civile, così come note sono le sue ricerche sull'OZNA, che a detta di qualcuno, il quale probabilmente vive fuori da ogni contesto reale, insieme addirittura all'UDBA sarebbero risorte dalle ceneri del tempo per uccidere uno storico a New York.
Certo, è vero che l'omicidio è accaduto il 31 gennaio del 2015, è vero che il 31 gennaio del 1946 il parlamento della Repubblica popolare federativa di Jugoslavia approvava una nuova costituzione, è vero che Klinger si trovava in America per delle conferenze e che l'omicidio è accaduto a pochi giorni di distanza dal giorno del ricordo, ma aver tentato di strumentalizzare questa morte per questioni epiche di nazionalismo, di anticomunismo ed antijugoslave, quando nulla di certo sin dall'inizio vi era sul movente, anzi molti indizi lasciavano trapelare la sussistenza di questioni "private", è atto veramente grave, indicibile ma sintomatico dei problemi ancora oggi sussistenti nel Confine Orientale che non devono essere sottovalutati. Il New York post, già il 2 febbraio, rendeva noto che il presunto assassino, avrebbe detto ai poliziotti che lo storico sarebbe stato ucciso per un fallito affare immobiliare per una proprietà in Italia. Versione fatta propria dalla stampa italiana solo nel pomeriggio del 3 febbraio. D'altronde è evidente che non si aspetta altro, la maledetta goccia delle gocce, per incrementare tensioni finalizzate alla realizzazione dell'ennesimo risorgimento mancato, che vorrebbe il suo compimento con Fiume, Istria e Dalmazia italiane ma anche per zittire una volta per tutte la voce del dissenso e della critica che si oppone ad ogni operazione volta a santificare la mistificazione della storia. Insomma, una triste vicenda di cronaca nera che  rischiava di diventare un caso internazionale finalizzato a riaccendere la miccia della tensione che può interessare, in via indiscriminata, varie situazioni, siano esse individuali che collettive nel controverso Confine Orientale.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …