Passa ai contenuti principali

L'omicidio dello storico William Klinger strumentalizzato per le vicende del Confine Orientale

Il 31 gennaio 2015 nella lontanissima, fisicamente, ma vicina, per questioni politiche e mediatiche, New York è stato ucciso William Klinger. Si è occupato della questione Jugoslava, attraverso la pubblicazione di diversi studi e ricerche, alcune delle quali condivise da soggettività politiche e pseudo-politiche che continuano a demonizzare i partigiani Jugoslavi e difendere l'emblema del revisionismo storico, inteso in senso negativo ed a favore di logiche nazionalistiche, quale il giorno del ricordo. La notizia della sua morte oltre ad aver sconvolto, in modo comprensibile, la comunità di Gradisca d'Isonzo ove viveva, ha scatenato, con il freno a mano tirato in cattivo modo, delle reazioni allucinanti. Vi è, ad esempio, chi ha voluto indirizzare la responsabilità dell' omicidio all'OZNA. Nella pagina di wikipedia, in lingua inglese, a lui dedicata, emerge, riportando quanto sottolineato dalla Voce del Popolo, noto megafono “italiano” per l'Istria ed il Quarnaro, terre ancora oggi contese da parte di rilevanti esponenti del nazionalismo nostrano, che è stato freddato quando “si trovava da qualche giorno a New York, per una serie di conferenze che avrebbe dovuto tenere sull’ex Jugoslavia, la Seconda guerra mondiale e il dopoguerra nei Balcani”.
wikipedia versione inglese del 3 febbraio 2015

Nota la sua teoria, quale quella della volontà di Tito di trasformare una guerra imperialista in una guerra civile, così come note sono le sue ricerche sull'OZNA, che a detta di qualcuno, il quale probabilmente vive fuori da ogni contesto reale, insieme addirittura all'UDBA sarebbero risorte dalle ceneri del tempo per uccidere uno storico a New York.
Certo, è vero che l'omicidio è accaduto il 31 gennaio del 2015, è vero che il 31 gennaio del 1946 il parlamento della Repubblica popolare federativa di Jugoslavia approvava una nuova costituzione, è vero che Klinger si trovava in America per delle conferenze e che l'omicidio è accaduto a pochi giorni di distanza dal giorno del ricordo, ma aver tentato di strumentalizzare questa morte per questioni epiche di nazionalismo, di anticomunismo ed antijugoslave, quando nulla di certo sin dall'inizio vi era sul movente, anzi molti indizi lasciavano trapelare la sussistenza di questioni "private", è atto veramente grave, indicibile ma sintomatico dei problemi ancora oggi sussistenti nel Confine Orientale che non devono essere sottovalutati. Il New York post, già il 2 febbraio, rendeva noto che il presunto assassino, avrebbe detto ai poliziotti che lo storico sarebbe stato ucciso per un fallito affare immobiliare per una proprietà in Italia. Versione fatta propria dalla stampa italiana solo nel pomeriggio del 3 febbraio. D'altronde è evidente che non si aspetta altro, la maledetta goccia delle gocce, per incrementare tensioni finalizzate alla realizzazione dell'ennesimo risorgimento mancato, che vorrebbe il suo compimento con Fiume, Istria e Dalmazia italiane ma anche per zittire una volta per tutte la voce del dissenso e della critica che si oppone ad ogni operazione volta a santificare la mistificazione della storia. Insomma, una triste vicenda di cronaca nera che  rischiava di diventare un caso internazionale finalizzato a riaccendere la miccia della tensione che può interessare, in via indiscriminata, varie situazioni, siano esse individuali che collettive nel controverso Confine Orientale.


Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…