Passa ai contenuti principali

La sai l'ultima sulle foibe? “Italiani perseguitati perché cristiani e vicini alla Chiesa”

Per la prima volta, da quando esiste il giorno del Ricordo, il festival di Sanremo inizia proprio in tale data, dieci anni dal primo giorno del ricordo e 65 anni dal prima festival della canzone italiana e proprio da Sanremo come è noto è arrivato colui che sarà il megafono di tutta l'operazione politica,storica,sociale che si cela dietro ad un vecchio dimenticato ed ora appariscente Magazzino numero 18 nella Trieste di oggi. La città di Sanremo, così come tante città celebra il giorno del ricordo, sul sito del Comune si legge che “ Anche quest'anno, la Città di Sanremo celebra il Giorno del Ricordo, a conservazione e rinnovamento della memoria dell'eccidio degli italiani vittime delle foibe e del triste esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel Secondo Dopoguerra. L'Amministrazione Comunale sarà presente alle ore 10 del 10 febbraio in via Martiri delle Foibe, presso la targa dedicata, ove verrà apposta e benedetta una corona d'alloro”. La RAI manderà, su diversi canali, variegati servizi su tale giornata, che sembrano seguire la linea come impostata dalla precedente e scandalosa puntata di Porta a Porta.  Ennesima conferma è data da un servizio della Rai, del Tg1, reperibile in rete dove si legge che “si celebra oggi l'undicesima edizione del "giorno del ricordo delle foibe e dell'esodo Giuliano-Dalmata. Si ricorda l'eccidio da parte dell'esercito jugoslavo di Tito, di circa 16 mila italiani. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella sarà presente nel pomeriggio alla cerimonia a Montecitorio” e dove, nell'incredibile servizio si potrà ascoltare che nella maggior parte dei casi si trattava ovviamente di italiani ed ovviamente perseguitati ma non tanto perché erano fascisti, si dirà solo una minoranza, bensì perché erano in maggioranza di religione cristiana perché ritenuti troppo vicini alla Chiesa, religiosi che non si sono piegati al comunismo jugoslavo, erano insegnanti che non volevano cambiare modello d'istruzione ai bambini delle loro classi(...). Insomma oltre la cifra dei 16 mila infoibati che non è mai stata provata, ed è totalmente fuorviante, inesistente e fasulla, oltre la solita calunnia della pulizia etnica, oltre alla divisione tra partigiani e milizia titina(?), la novità di questo 2015 è data dalla persecuzione cristiana, dal martirio, cioè non solo infoibati perché italiani ma ora anche perché cristiani, perché in rapporti con la Chiesa, per poi in via evocativa fare intendere che vennero infoibati chissà quanti insegnanti che si rifiutavano di indottrinare al comunismo i bambini. Si rispolverano tesi di una propaganda che nel Confine Orientale venne in particolar modo sostenuta oltre che da organizzazione fasciste e paramilitari anche da organizzazioni collegate all'universo GLADIO. Propaganda degna del peggior regime, propaganda falsa, calunnie e mistificazioni che vogliono da un lato lo scontro tra civiltà, religioso, seguendo ed inseguendo lo spirito della persecuzione religiosa, dall'altro l'equiparazione dei partigiani jugoslavi ai nazisti, e le vicende dell'esodo e delle foibe a quelle subite dal popolo ebraico. Una indecenza pubblica, ma così avanti non si può più andare. Intanto, per farsi una opinione giusta e non revisionista sulla questione giorno del ricordo suggerisco una lenta ed attenta lettura di questo prezioso post a firma di Lorenzo Filipaz, figlio di un esule istriano, ed è una delle poche voci del mondo degli esuli che prende una posizione così forte su alcune questioni calde, dal titolo #Foibe o #Esodo? «Frequently Asked Questions» per il #GiornodelRicordo pubblicato sull'importante sito GIAP a cura di WU Ming

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…