Passa ai contenuti principali

La sai l'ultima sulle foibe? “Italiani perseguitati perché cristiani e vicini alla Chiesa”

Per la prima volta, da quando esiste il giorno del Ricordo, il festival di Sanremo inizia proprio in tale data, dieci anni dal primo giorno del ricordo e 65 anni dal prima festival della canzone italiana e proprio da Sanremo come è noto è arrivato colui che sarà il megafono di tutta l'operazione politica,storica,sociale che si cela dietro ad un vecchio dimenticato ed ora appariscente Magazzino numero 18 nella Trieste di oggi. La città di Sanremo, così come tante città celebra il giorno del ricordo, sul sito del Comune si legge che “ Anche quest'anno, la Città di Sanremo celebra il Giorno del Ricordo, a conservazione e rinnovamento della memoria dell'eccidio degli italiani vittime delle foibe e del triste esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel Secondo Dopoguerra. L'Amministrazione Comunale sarà presente alle ore 10 del 10 febbraio in via Martiri delle Foibe, presso la targa dedicata, ove verrà apposta e benedetta una corona d'alloro”. La RAI manderà, su diversi canali, variegati servizi su tale giornata, che sembrano seguire la linea come impostata dalla precedente e scandalosa puntata di Porta a Porta.  Ennesima conferma è data da un servizio della Rai, del Tg1, reperibile in rete dove si legge che “si celebra oggi l'undicesima edizione del "giorno del ricordo delle foibe e dell'esodo Giuliano-Dalmata. Si ricorda l'eccidio da parte dell'esercito jugoslavo di Tito, di circa 16 mila italiani. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella sarà presente nel pomeriggio alla cerimonia a Montecitorio” e dove, nell'incredibile servizio si potrà ascoltare che nella maggior parte dei casi si trattava ovviamente di italiani ed ovviamente perseguitati ma non tanto perché erano fascisti, si dirà solo una minoranza, bensì perché erano in maggioranza di religione cristiana perché ritenuti troppo vicini alla Chiesa, religiosi che non si sono piegati al comunismo jugoslavo, erano insegnanti che non volevano cambiare modello d'istruzione ai bambini delle loro classi(...). Insomma oltre la cifra dei 16 mila infoibati che non è mai stata provata, ed è totalmente fuorviante, inesistente e fasulla, oltre la solita calunnia della pulizia etnica, oltre alla divisione tra partigiani e milizia titina(?), la novità di questo 2015 è data dalla persecuzione cristiana, dal martirio, cioè non solo infoibati perché italiani ma ora anche perché cristiani, perché in rapporti con la Chiesa, per poi in via evocativa fare intendere che vennero infoibati chissà quanti insegnanti che si rifiutavano di indottrinare al comunismo i bambini. Si rispolverano tesi di una propaganda che nel Confine Orientale venne in particolar modo sostenuta oltre che da organizzazione fasciste e paramilitari anche da organizzazioni collegate all'universo GLADIO. Propaganda degna del peggior regime, propaganda falsa, calunnie e mistificazioni che vogliono da un lato lo scontro tra civiltà, religioso, seguendo ed inseguendo lo spirito della persecuzione religiosa, dall'altro l'equiparazione dei partigiani jugoslavi ai nazisti, e le vicende dell'esodo e delle foibe a quelle subite dal popolo ebraico. Una indecenza pubblica, ma così avanti non si può più andare. Intanto, per farsi una opinione giusta e non revisionista sulla questione giorno del ricordo suggerisco una lenta ed attenta lettura di questo prezioso post a firma di Lorenzo Filipaz, figlio di un esule istriano, ed è una delle poche voci del mondo degli esuli che prende una posizione così forte su alcune questioni calde, dal titolo #Foibe o #Esodo? «Frequently Asked Questions» per il #GiornodelRicordo pubblicato sull'importante sito GIAP a cura di WU Ming

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…