Passa ai contenuti principali

La sai l'ultima sulle foibe? “Italiani perseguitati perché cristiani e vicini alla Chiesa”

Per la prima volta, da quando esiste il giorno del Ricordo, il festival di Sanremo inizia proprio in tale data, dieci anni dal primo giorno del ricordo e 65 anni dal prima festival della canzone italiana e proprio da Sanremo come è noto è arrivato colui che sarà il megafono di tutta l'operazione politica,storica,sociale che si cela dietro ad un vecchio dimenticato ed ora appariscente Magazzino numero 18 nella Trieste di oggi. La città di Sanremo, così come tante città celebra il giorno del ricordo, sul sito del Comune si legge che “ Anche quest'anno, la Città di Sanremo celebra il Giorno del Ricordo, a conservazione e rinnovamento della memoria dell'eccidio degli italiani vittime delle foibe e del triste esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel Secondo Dopoguerra. L'Amministrazione Comunale sarà presente alle ore 10 del 10 febbraio in via Martiri delle Foibe, presso la targa dedicata, ove verrà apposta e benedetta una corona d'alloro”. La RAI manderà, su diversi canali, variegati servizi su tale giornata, che sembrano seguire la linea come impostata dalla precedente e scandalosa puntata di Porta a Porta.  Ennesima conferma è data da un servizio della Rai, del Tg1, reperibile in rete dove si legge che “si celebra oggi l'undicesima edizione del "giorno del ricordo delle foibe e dell'esodo Giuliano-Dalmata. Si ricorda l'eccidio da parte dell'esercito jugoslavo di Tito, di circa 16 mila italiani. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella sarà presente nel pomeriggio alla cerimonia a Montecitorio” e dove, nell'incredibile servizio si potrà ascoltare che nella maggior parte dei casi si trattava ovviamente di italiani ed ovviamente perseguitati ma non tanto perché erano fascisti, si dirà solo una minoranza, bensì perché erano in maggioranza di religione cristiana perché ritenuti troppo vicini alla Chiesa, religiosi che non si sono piegati al comunismo jugoslavo, erano insegnanti che non volevano cambiare modello d'istruzione ai bambini delle loro classi(...). Insomma oltre la cifra dei 16 mila infoibati che non è mai stata provata, ed è totalmente fuorviante, inesistente e fasulla, oltre la solita calunnia della pulizia etnica, oltre alla divisione tra partigiani e milizia titina(?), la novità di questo 2015 è data dalla persecuzione cristiana, dal martirio, cioè non solo infoibati perché italiani ma ora anche perché cristiani, perché in rapporti con la Chiesa, per poi in via evocativa fare intendere che vennero infoibati chissà quanti insegnanti che si rifiutavano di indottrinare al comunismo i bambini. Si rispolverano tesi di una propaganda che nel Confine Orientale venne in particolar modo sostenuta oltre che da organizzazione fasciste e paramilitari anche da organizzazioni collegate all'universo GLADIO. Propaganda degna del peggior regime, propaganda falsa, calunnie e mistificazioni che vogliono da un lato lo scontro tra civiltà, religioso, seguendo ed inseguendo lo spirito della persecuzione religiosa, dall'altro l'equiparazione dei partigiani jugoslavi ai nazisti, e le vicende dell'esodo e delle foibe a quelle subite dal popolo ebraico. Una indecenza pubblica, ma così avanti non si può più andare. Intanto, per farsi una opinione giusta e non revisionista sulla questione giorno del ricordo suggerisco una lenta ed attenta lettura di questo prezioso post a firma di Lorenzo Filipaz, figlio di un esule istriano, ed è una delle poche voci del mondo degli esuli che prende una posizione così forte su alcune questioni calde, dal titolo #Foibe o #Esodo? «Frequently Asked Questions» per il #GiornodelRicordo pubblicato sull'importante sito GIAP a cura di WU Ming

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…