Passa ai contenuti principali

La sai l'ultima sulle foibe? “Italiani perseguitati perché cristiani e vicini alla Chiesa”

Per la prima volta, da quando esiste il giorno del Ricordo, il festival di Sanremo inizia proprio in tale data, dieci anni dal primo giorno del ricordo e 65 anni dal prima festival della canzone italiana e proprio da Sanremo come è noto è arrivato colui che sarà il megafono di tutta l'operazione politica,storica,sociale che si cela dietro ad un vecchio dimenticato ed ora appariscente Magazzino numero 18 nella Trieste di oggi. La città di Sanremo, così come tante città celebra il giorno del ricordo, sul sito del Comune si legge che “ Anche quest'anno, la Città di Sanremo celebra il Giorno del Ricordo, a conservazione e rinnovamento della memoria dell'eccidio degli italiani vittime delle foibe e del triste esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel Secondo Dopoguerra. L'Amministrazione Comunale sarà presente alle ore 10 del 10 febbraio in via Martiri delle Foibe, presso la targa dedicata, ove verrà apposta e benedetta una corona d'alloro”. La RAI manderà, su diversi canali, variegati servizi su tale giornata, che sembrano seguire la linea come impostata dalla precedente e scandalosa puntata di Porta a Porta.  Ennesima conferma è data da un servizio della Rai, del Tg1, reperibile in rete dove si legge che “si celebra oggi l'undicesima edizione del "giorno del ricordo delle foibe e dell'esodo Giuliano-Dalmata. Si ricorda l'eccidio da parte dell'esercito jugoslavo di Tito, di circa 16 mila italiani. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella sarà presente nel pomeriggio alla cerimonia a Montecitorio” e dove, nell'incredibile servizio si potrà ascoltare che nella maggior parte dei casi si trattava ovviamente di italiani ed ovviamente perseguitati ma non tanto perché erano fascisti, si dirà solo una minoranza, bensì perché erano in maggioranza di religione cristiana perché ritenuti troppo vicini alla Chiesa, religiosi che non si sono piegati al comunismo jugoslavo, erano insegnanti che non volevano cambiare modello d'istruzione ai bambini delle loro classi(...). Insomma oltre la cifra dei 16 mila infoibati che non è mai stata provata, ed è totalmente fuorviante, inesistente e fasulla, oltre la solita calunnia della pulizia etnica, oltre alla divisione tra partigiani e milizia titina(?), la novità di questo 2015 è data dalla persecuzione cristiana, dal martirio, cioè non solo infoibati perché italiani ma ora anche perché cristiani, perché in rapporti con la Chiesa, per poi in via evocativa fare intendere che vennero infoibati chissà quanti insegnanti che si rifiutavano di indottrinare al comunismo i bambini. Si rispolverano tesi di una propaganda che nel Confine Orientale venne in particolar modo sostenuta oltre che da organizzazione fasciste e paramilitari anche da organizzazioni collegate all'universo GLADIO. Propaganda degna del peggior regime, propaganda falsa, calunnie e mistificazioni che vogliono da un lato lo scontro tra civiltà, religioso, seguendo ed inseguendo lo spirito della persecuzione religiosa, dall'altro l'equiparazione dei partigiani jugoslavi ai nazisti, e le vicende dell'esodo e delle foibe a quelle subite dal popolo ebraico. Una indecenza pubblica, ma così avanti non si può più andare. Intanto, per farsi una opinione giusta e non revisionista sulla questione giorno del ricordo suggerisco una lenta ed attenta lettura di questo prezioso post a firma di Lorenzo Filipaz, figlio di un esule istriano, ed è una delle poche voci del mondo degli esuli che prende una posizione così forte su alcune questioni calde, dal titolo #Foibe o #Esodo? «Frequently Asked Questions» per il #GiornodelRicordo pubblicato sull'importante sito GIAP a cura di WU Ming

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …