Passa ai contenuti principali

Darsi ancora il buongiorno per le vie della città

Durante i primi anni della Grande macelleria umana, la prima guerra mondiale, i soldati al fronte si davano, per ragioni di pressione psicologica, il buongiorno a colpi di cannone per poi iniziare la conta dei morti o dei feriti. Ritualità tremenda ma pur reale. Dalla grande guerra in poi le diffidenze, le ostilità tra i popoli ma anche la gente stessa di paese trovavano sempre più spazio sino ad arrivare all'oggi ove l'individualismo esasperato sovrasta ogni socializzazione. Oggi ove quando si cammina per strada si è avvolti dal proprio essere solitari nella solitudine che spesso porta all'indifferenza. Solitudine a volta accompagnata dalla tecnologia, amicizia fittizia e meccanica, il cellulare, la radiolina od altro ancora, altre volte dallo sguardo piantato sui piedi, che riporta alla mente il laccio verde legato ai pantaloni dei soldati nella grande guerra che dovevano imparare a marciare ad obbedire e per non sbagliare sulla gamba da porre per prima in avanti collocavano un laccio verde nei confronti del quale lo sguardo non veniva mai distolto. Solo che ora non si obbedisce al comando di nessun ufficiale, ma al vuoto che circonda ogni corpo umano diventato automa asociale. Non si cammina più incrociando lo sguardo altrui. Non si cammina più salutando con l'umano e sociale buongiorno il passante incrociato sulla propria via. Però poi pensandoci bene, uno spiraglio di luce esiste e resiste nelle piccole località, anche se con minor frequenza rispetto al passato, l'abitudine di conferir il buongiorno allo sconosciuto incontrato sui passi incrociatesi a volte per gioco del destino a volte no sulla medesima strada. In quel momento proverai una sensazione di stupore o di meraviglia. Scoprirai la bellezza del saluto, che anche un semplice buongiorno può regalarti un sorriso,certamente breve, ma pur sempre un sorriso.
La vita frenetica e passiva nelle metropoli scioglie l'individuo nell'essere qualunque ovvero nel nulla. Nella vita lenta delle piccole comunità l'individuo si scioglierà nell'essere qualcuno nella società frequentata e vissuta, anche in un fugace frammento temporale.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone