Passa ai contenuti principali

Trieste: il pannello informativo sulla Risiera di San Sabba ed alcune gravi omissioni



Recentemente mi sono recato presso la Risiera di San Sabba di Trieste e soffermato a leggere le targhe illustrative collocate dalla Provincia di Trieste all'esterno della Risiera e sulla via Palatucci. Si leggerà in particolar modo che “(..)Nella notte fra il 29 ed il 30 aprile 1945 il forno crematorio e la ciminiera vennero fatti saltare con la dinamite dai nazisti nella convinzione di poter cancellare le prove dei loro crimini.Rimasero però le pareti delle celle su cui erano visibili le scritte, ora ormai quasi illeggibili, lasciate dai prigionieri. Queste preziose testimonianze furono trascritte da Diego de Henriquez nei sui diari ora conservati nel Civico Museo di guerra per la pace che da lui prende il nome. Dichiarata Monumento Nazionale nel 1965(...)".


In quel momento vi era un turista al quale ho chiesto ma secondo lei da chi sono fuggiti i nazisti? Chi è stato a liberare questo luogo?
Risponderà: gli americani.
No, gli ricorderò, non sono stati gli americani.
Quella targa omette passaggi storici fondamentali. Chi non conosce la storia ed in particolar modo la storia di questi luoghi certamente si farà condizionare dal sentire comune, spesso fazioso e non veritiero. I nazisti fecero saltare in aria buona parte di quella struttura stante l'arrivo in città dei partigiani Jugoslavi, che liberarono Trieste dall'occupazione nazista e furono i primi ad entrare in Risiera, salvando buona parte del materiale ivi raccolto e conservato presso l'archivio di Lubiana. Fatto praticamente poco noto e completamente omesso in quella targa. Così come si omette il comportamento posto in essere dalle altre truppe alleate, quelle anglo-americane, che il 12 giugno del 1945 presero in consegna l'amministrazione provvisoria della città. Per tutta la loro permanenza in città, fino al 1954 ed anche oltre, praticamente  non fecero certamente grandi sforzi per fare emergere quello che è realmente accaduto presso la Risiera di San Sabba e tutto quello che essa ha rappresentato e la sua disumana e criminale funzione tanto che venne anche provvisoriamente adibita a campo profughi e poi lasciata in stato d'abbandono.
Sarà solo grazie all'operato di un giornalista sloveno del Primorski, Albin Bubnic, all'operato dell'associazione nazionale ex deportati, dell'Istituto per la storia del movimento di liberazione del FVG, della comunità israelitica di Trieste ed altre realtà antifasciste che la vicenda del lager emerse con forza seppur lentamente. In una delle corpose pagine della sentenza di rinvio a Giudizio,nei confronti di alcuni criminali di guerra, da parte del dott. Serbo, del febbraio del 1975, in relazione alla Risiera di San Sabba, si leggeva che ogni atto e rapporto concernente la Risiera fu dirottato ad un particolare sito del GMA( governo militare alleato), vennero date direttive affinché tali rapporti non trovassero seguito da parte degli organi giudiziari italiani incaricati di procedere nei confronti dei collaborazionisti e criminali di guerra. Probabilmente furono ragioni politiche e strategiche a determinare il comportamento omissivo da parte delle truppe alleate, perché necessitavano della collaborazione di certe e date forze reazionarie  per evitare che il comunismo Jugoslavo potesse avere il sopravvento, d'altronde Gladio, nasce anche per queste ragioni e la sua massima operatività sarà proprio nell'area del Confine Orientale. 
Fatti rimossi purtroppo dalla memoria della storia collettiva ed omessi in una targa, pagata con contributi pubblici, che avrebbe la presunzione di spiegare la Risiera di San Sabba, ma che omette passaggi fondamentali, come il fatto che i nazisti fuggirono da Trieste per l'arrivo dei partigiani Jugoslavi, che i Partigiani Jugoslavi liberarono quel luogo criminale e che furono i primi ad entrare nella Risiera per non parlare del comportamento omissivo posto in essere in particolar modo da chi ha preso in consegna l'amministrazione provvisoria della città dal 12 giugno 1945.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…