Passa ai contenuti principali

Reportage contestazioni contro la "buona scuola" renziana 10 ottobre Trieste e Gorizia


Giornata movimentata quella del 10 ottobre.
Centinaia di manifestazioni in tutta Italia, Cobas, collettivi studenteschi, diverse realtà organizzate ma anche tante singole individualità sono scese in piazza per contestare la proposta politica della "buona scuola"renziana bollata semplicemente come cattiva scuola. A Trieste con la partecipazione dei Cobas, Unione degli Studenti Friuli Venezia Giulia e Coordinamento Studenti Medi ed alcune delegazioni di diverse realtà politiche, sindacali, come la FIOM e sociali si è svolta una manifestazione partecipata, comunicativa che ha affrontato diverse tematiche. Innanzi al palazzo della Regione si è preteso l'insegnamento della lingua slovena come obbligatorio in tutte le scuole del Friuli Venezia Giulia;
alla Stazione centrale si è rivendicato il diritto alla mobilità agevolato se non gratuito per gli studenti;
dal tetto della sala Tripcovich è stato calato uno striscione di protesta contro le proposte politiche della buona scuola, contro la competizione, la concorrenza, la scuola che vuole solo lavoratori, che non educa e non istruisce, contro la scuola del facilitatore e dirigente manager e per la scuola dell'amore del e per il sapere, ivi incluso il dissenso critico;


innanzi alla Banca d'Italia si è espressa solidarietà ai manifestanti di Napoli per i fatti relativi alla contestazione del vertice della BCE;

tanti slogan contro il razzismo e contro l'omotransfobia sono stati urlati sotto la sede della Lega Nord;

per poi giungere in piazza della Borsa ove, dopo aver ricordato tutte le violenze fasciste e nazionaliste compiute in nome e per conto dell'italianità di Trieste, si è svolta una partecipata assemblea pubblica toccando diversi punti caldi e sentiti in materia di scuola, dal sistema nefasto Invalsi, alla precarietà, alla sicurezza degli edifici scolastici, alle classi pollaio.




Nel tardo pomeriggio, a Gorizia, si è invece svolta la presentazione, organizzata dal PD, con la presenza della Senatrice Fasiolo, della"buona scuola". 
Dopo l'introduzione breve e per nulla critica di questa proposta politica, ad un certo punto è emerso uno scontro dialettico a dir poco infuocato tra due iscritti al citato partito, ciò a dimostrare che esistono significative spaccature non più chiuse all'interno dei circoli. Gli interventi della platea, all'interno della sala sono stati praticamente quasi tutti contrari e fortemente critici nei confronti di questa proposta renziana ed il video che ora seguirà, ben racchiude la direzione che ha intrapreso la serata. Insomma una giornata di rilevante contestazione, riuscita e per nulla scontata contro la cattiva scuola che apre varchi enormi al capitale privato, privando il bene comune della sua essenzialità, ovvero quello di essere pubblico, libero ed indipendente. La proposta politica della buona scuola non è migliorabile, è inaccettabile, non solo per i suoi contenuti, ma anche per i principi che la connotano, specialmente perché simbolo dell'anti '68, cavallo di battaglia della destra ed ora fatto proprio dall'attuale sinistra riformista. Da segnalare, infine, il corteo mattutino che si è svolto anche ad Udine, sempre contro la buona scuola renziana.



seguono link video contestazione buona scuola a Gorizia, intervento di Davide Zotti, Cobas e  Responsabile Nazionale Scuole di Arcigay



Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…