Passa ai contenuti principali

Trieste: una città che si svuota ed il caso dei cittadini sloveni

Il Piccolo di Trieste ha pubblicato, nella giornata del 1 settembre, mese iniziato sotto l'insegna di fulmini notturni a dir poco inquietanti, l'articolo, a firma di Piero Rauber, con il quale denuncia il continuo invecchiamento della popolazione di Trieste e lo spopolamento in atto in città. Il Piccolo riporta che la popolazione attuale è di 205.240 residenti.  Dopo aver letto questi dati ho deciso di andare a visionare gli scenari demografici nel comune di Trieste 2012-2026, questo dato, come riportato dal quotidiano di Trieste, è addirittura peggiorativo anche rispetto alle ipotesi, bassa,media ed alta, della Rete civica di Trieste in relazione all'anno 2013/14, poiché nessuna delle ipotesi, come previste nello studio citato prevedeva un simile calo, per gli anni citati, non si scendeva mai sotto i 207 mila abitanti.  Per avere dati simili si doveva andare all'anno 2017. Eppure ciò è accaduto tra il 2013 e 2014. Uno dei dati che colpisce maggiormente, e che potrebbe indurre ad una cattiva interpretazione, è il numero dei cittadini sloveni, con cittadinanza slovena, residenti a Trieste. Non si va oltre i 288 cittadiniOvviamente ciò non significa che gli sloveni residenti od abitanti a Trieste sono solo 288, la comunità slovena, tra coloro che hanno mantenuto la cittadinanza slovena, coloro che hanno la cittadinanza italiana ma di origine slovena e/o parlano sloveno, od italiano e sloveno, si aggirano, circa, intorno alle 4000 mila persone residenti. In ogni caso numeri che ben dimostrano come il calo della popolazione slovena ma anche di quella serba e croata e tedesca, è un dato di fatto che non può lasciare indifferenti. Piero Purini, nel suo studio “"Metamorfosi etniche. I cambiamenti di popolazione a Trieste, Gorizia, Fiume e in Istria. 1914-1975" di Piero Purini, pubblicato da Kappa Vu” aveva ben evidenziato come le variazioni, peggiorative, in particolar modo della comunità slovena, serba e croata a Trieste fossero in atto da tempo. Ad esempio si è passati dai 56.916 sloveni, 11.856 tedeschi e 2.403 serbo-croati del 1910,ai 27.915 sloveni circa del 1921 sino ad arrivare ai dati dei giorni nostri. Situazione figlia della pulizia etnica e dell'italianizzazione violenta posta in essere dal fascismo e comportamenti reazionari, a partire già dai primi anni venti con l'esodo di circa 105 mila, sloveni, serbi, croati e montenegrini, dal FVG. Processo di "espulsione etnica" che pare trovare compimento, a distanza di quasi un secolo, con l'attuale situazione sociale,economica, con un sistema, quale quello italiano, che non ha saputo  cogliere  sfruttare le potenzialità strategiche di Trieste. Un sistema, che tramite la così detta crisi, determina nuovi processi migratori, si abbandonano le città ma anche le campagne, si fugge dall'Italia.  Il caso Trieste è il caso Italia, non comprendere quello che accade a Trieste significa ignorare quello che accade in Italia e nel Sud Europa. Intanto rinascono nazionalismi, piccoli o grandi, sentimenti di chiusura, razzismi, ovviamente da rispedire al mittente. Insomma quelli ora brevemente analizzati sono numeri e statistiche inquietanti, che minano il carattere multietnico e multiculturale di Trieste, che è passata, complessivamente, dai suoi 265 mila abitanti del 1978 ai 205 mila del 2013 con un calo  impressionate delle comunità dell'Est. Una città piena di case sfitte, luoghi disabitati, che potrebbe accogliere quasi il doppio della popolazione oggi censita. Una città che vive di ricordi, di glorie presunte passate, ma che non riesce ad andare oltre l'apparenza, e che rischia di divenire il fantasma della sua stessa turbolenta ombra.




Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…