Passa ai contenuti principali

Trieste: una città che si svuota ed il caso dei cittadini sloveni

Il Piccolo di Trieste ha pubblicato, nella giornata del 1 settembre, mese iniziato sotto l'insegna di fulmini notturni a dir poco inquietanti, l'articolo, a firma di Piero Rauber, con il quale denuncia il continuo invecchiamento della popolazione di Trieste e lo spopolamento in atto in città. Il Piccolo riporta che la popolazione attuale è di 205.240 residenti.  Dopo aver letto questi dati ho deciso di andare a visionare gli scenari demografici nel comune di Trieste 2012-2026, questo dato, come riportato dal quotidiano di Trieste, è addirittura peggiorativo anche rispetto alle ipotesi, bassa,media ed alta, della Rete civica di Trieste in relazione all'anno 2013/14, poiché nessuna delle ipotesi, come previste nello studio citato prevedeva un simile calo, per gli anni citati, non si scendeva mai sotto i 207 mila abitanti.  Per avere dati simili si doveva andare all'anno 2017. Eppure ciò è accaduto tra il 2013 e 2014. Uno dei dati che colpisce maggiormente, e che potrebbe indurre ad una cattiva interpretazione, è il numero dei cittadini sloveni, con cittadinanza slovena, residenti a Trieste. Non si va oltre i 288 cittadiniOvviamente ciò non significa che gli sloveni residenti od abitanti a Trieste sono solo 288, la comunità slovena, tra coloro che hanno mantenuto la cittadinanza slovena, coloro che hanno la cittadinanza italiana ma di origine slovena e/o parlano sloveno, od italiano e sloveno, si aggirano, circa, intorno alle 4000 mila persone residenti. In ogni caso numeri che ben dimostrano come il calo della popolazione slovena ma anche di quella serba e croata e tedesca, è un dato di fatto che non può lasciare indifferenti. Piero Purini, nel suo studio “"Metamorfosi etniche. I cambiamenti di popolazione a Trieste, Gorizia, Fiume e in Istria. 1914-1975" di Piero Purini, pubblicato da Kappa Vu” aveva ben evidenziato come le variazioni, peggiorative, in particolar modo della comunità slovena, serba e croata a Trieste fossero in atto da tempo. Ad esempio si è passati dai 56.916 sloveni, 11.856 tedeschi e 2.403 serbo-croati del 1910,ai 27.915 sloveni circa del 1921 sino ad arrivare ai dati dei giorni nostri. Situazione figlia della pulizia etnica e dell'italianizzazione violenta posta in essere dal fascismo e comportamenti reazionari, a partire già dai primi anni venti con l'esodo di circa 105 mila, sloveni, serbi, croati e montenegrini, dal FVG. Processo di "espulsione etnica" che pare trovare compimento, a distanza di quasi un secolo, con l'attuale situazione sociale,economica, con un sistema, quale quello italiano, che non ha saputo  cogliere  sfruttare le potenzialità strategiche di Trieste. Un sistema, che tramite la così detta crisi, determina nuovi processi migratori, si abbandonano le città ma anche le campagne, si fugge dall'Italia.  Il caso Trieste è il caso Italia, non comprendere quello che accade a Trieste significa ignorare quello che accade in Italia e nel Sud Europa. Intanto rinascono nazionalismi, piccoli o grandi, sentimenti di chiusura, razzismi, ovviamente da rispedire al mittente. Insomma quelli ora brevemente analizzati sono numeri e statistiche inquietanti, che minano il carattere multietnico e multiculturale di Trieste, che è passata, complessivamente, dai suoi 265 mila abitanti del 1978 ai 205 mila del 2013 con un calo  impressionate delle comunità dell'Est. Una città piena di case sfitte, luoghi disabitati, che potrebbe accogliere quasi il doppio della popolazione oggi censita. Una città che vive di ricordi, di glorie presunte passate, ma che non riesce ad andare oltre l'apparenza, e che rischia di divenire il fantasma della sua stessa turbolenta ombra.




Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …