Passa ai contenuti principali

Trieste: salta,per ora, l'ultimatum e l'autodeterminazione per il TLT

In Europa l'indipendentismo cresce, da quello scozzese a quello della Catalogna, ma il tutto, lì, in quelle terre, ha origini storiche, sociali, completamente diverse rispetto a quelle di Trieste. In questo settembre 2014 cade il 67° anniversario del proclama politico della Territorio Libero di Trieste ma i due movimenti indipendentisti triestini, due perché il movimento territorio libero nasce dalla scissione del movimento Trieste libera, non hanno in comune neanche la data della celebrazione. Ci saranno due eventi, il primo domenica 14 settembre il secondo lunedì 15 settembre. Ma la cosa interessante è che dopo gli interventi della Magistratura, che hanno subito una accelerazione specialmente dopo le diffide sollevate alle Autorità tutte Italiane, eccependo la loro illegittimità se non illegalità sull'area triestina, e come è noto ogni azione comporta degli effetti, e quando si giostra con la legalità e con il diritto, il sistema risponde con gli strumenti legalitari, pur opinabili ma ben noti, a sua disposizione, cosa tanto scontata quanto ovvia e prevedibile, sono sparite le parole d'ordine come pronunciate nell'ultima manifestazione indipendentista triestina, quali: autodeterminazione ed ultimatum. Questo è quello che pronunciava il 10 febbraio 2014 il capo di Trieste Libera, dopo aver ricordato che  si  “rivolgeranno alle nazioni unite”, che hanno un programma con una decina di punti, dal reddito minimo garantito, casa per non abbienti, risarcimento per danni ambientali subiti ecc, e se il 15 settembre 2014 non ci saranno risposte si passerà direttamente all'autodeterminazione. 
"Passeremo direttamente alla costituzione del nostro Stato che l'Italia sta cercando di eliminare”, queste le parole del presidente del MTL.  
Cosa è rimasto di tutto ciò? 
Le risposte da parte dello Stato sono giunte ed anche prevedibilmente significative. Nessun TLT, ma procedimento per eversione. Quelli del 15 settembre continueranno a presentare diffide e denunce, per esempio hanno annunciato “una denuncia penale contro il sindaco Cosolini ( di Trieste) e gli altri politici amministratori del Comune perché omettono di fornire doverosamente alla popolazione le assistenze sociali necessarie e dovute per legge, ma continuano a spendere irresponsabilmente denaro pubblico per forti spese non obbligatorie e non necessarie; una petizione per il reddito di cittadinanza, con raccolta di firme, per tutti i cittadini del Territorio Libero di Trieste, che verrà inviata agli uffici competenti delle Nazioni Unite”. Quelli del 14 settembre, invece, parlano di una manifestazione “per il riconoscimento del nostro Territorio”. Mille passi indietro, che se da un lato porteranno una delle due componenti alla prevedibile, da lungo tempo, campagna elettorale per le prossime elezioni amministrative, dall'altro lato segnano, probabilmente, la parola fine ad un certo tipo di lotta che pare essere destinata a testimonianza storica di ciò che a Trieste non è mai stato realizzato, per volontà, in primis, delle forze alleate e dell'ONU, proprio quelle forze a cui si continuano ad inviare, sollecitazioni ed istanze per chiedere la realizzazione del TLT.  Comunque una cosa bisogna riconoscerla, nonostante i procedimenti giudiziari, nonostante le spaccature, nonostante gli insuccessi e le sconfitte legalitarie, continuano, questi gruppi, nella loro battaglia separatista. Parleranno i numeri del corteo del 14 settembre e del presidio del 15 settembre, una conta che sarà determinate per gli sviluppi futuri di questa vertenza politica e sociale. L'eventuale insuccesso non avrà giustificazioni, perché significherà che la gestione complessiva di questo conflitto è stata semplicemente fallimentare, l'eventuale successo sarà un  momento di riflessione per la politica locale e nazionale ed europeista. Poi sul fatto che l'Italia abbia semplicemente abbandonato Trieste al suo tracollo è un dato di fatto incontestabile, d'altronde, a parer mio, l'Italia voleva Trieste, cavalcando sentimenti nazionalistici ed irredentisti reazionari, per il suo porto, ma non tanto per sviluppare ed incrementare la ricchezza del proprio territorio o semplicemente speculare, come accaduto per esempio a Venezia o Ravenna, ma per evitare che la Jugoslavia potesse trarne qualsiasi beneficio. Insomma lo scopo primario era sottrarre il porto di Trieste alla Jugoslavia, avendo già perso, per fortuna, visto il modus operandi made in Italy, quello di Rijeka, per evitare che la Jugoslavia potesse diventare forza egemone nell'Adriatico, aspirazione primaria di quella Italia che ha mandato al macello migliaia di persone, a partire dalla prima guerra mondiale, proprio perché Trieste diventasse italiana ed il suo porto diventasse italiano, ma una volta sottratto alla Jugoslavia, il porto e tutto ciò che vi è connesso poteva anche perire, perché il pericolo, "l'allarme rosso", era venuto meno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …