Passa ai contenuti principali

Scuola: Se il registro elettronico diventa uno strumento di controllo verso studenti e docenti



Sul registro elettronico sulla non sua obbligatorietà, almeno ad oggi, sono già intervenuto in passato con uno scritto che è stato utilizzato da diverse realtà per diffidare quelle scuole che, in mancanza di un piano di dematerializzazione ministeriale ed in mancanza di un visto da parte del Garante della Privacy, continuano a presentare questo strumento non solo come obbligatorio ma anche pienamente legale e legittimo. Uno degli aspetti, a parer mio, più inquietanti del registro elettronico è il controllo diretto che le famiglie, che oggi hanno il vero potere contrattuale in mano nella e per la gestione della singola scuola, esercitano non solo nei confronti dei propri figli ma anche nei confronti dei docenti. La scuola dovrebbe essere una comunità ove tutte le parti dovrebbero esercitare reciprocamente giusti diritti, ma la scuola di oggi non è più una comunità poiché è in corso una sorta di casermizzazione che si afferma sotto il nome della modernità, della trasparenza, tramite gerarchie e sistemi di utenza e di utilitarismo economico. Una volta, quando rientravi a casa dalla scuola, il genitore ti chiedeva lumi sulla tua giornata scolastica. Potevi credere o non credere alle parole di tuo figlio o di tua figlia, il senso della fiducia lo si conquistava anche all'interno delle mura domestiche.

Se avevi dubbi potevi sempre recarti a scuola, incontrare i docenti, interloquire con i docenti. La tecnologia supera e supererà tutto ciò. Porrà a rischio non solo il senso di fiducia e di dialogo, perché il genitore con un click comodamente da casa potrà controllare e vigilare ogni giorno sull'attività scolastica del proprio figlio, senza avere più la necessità di domandare allo stesso nulla, ma si effettua un mero controllo anche sull'operato, sul lavoro del docente. Certo, è vero che lo Statuto dei Lavoratori è in fase di superamento, ma ancora esiste e fino a quando esiste deve essere rispettato anche lì ove si vietano strumenti di controllo e vigilanza in merito all'operato del prestatore di lavoro. Visionando in rete diverse guide in tema di registro elettronico ho constatato che i genitori accreditati possono ( genitori delle classi quinte, prime, seconde e degli studenti maggiorenni delle classi terze ) accedere al registro elettronico per visionare assenze e voti dei propri figlie, ma anche controllare gli argomenti delle lezioni affrontati a scuola.

Ora, si dirà, è diritto del genitore conoscere l'argomento trattato a scuola dal singolo docente. Certo, è un suo diritto, è un suo diritto sapere se il docente ottempera il programma scolastico e cosa insegna ogni giorno, ma questo diritto fino a dove può arrivare? Fino a dove può interferire? Sono sempre di più le lettere che arrivano a scuola con le quali si chiedono interventi sulle modalità d'insegnamento dei docenti, interferendo nel loro lavoro quotidiano e spesso pretendendo anche il trasferimento dello stesso con il ricatto che il proprio figlio cambierà scuola. Nella scuola della competizione, della concorrenza e della così detta trasparenza, il registro elettronico oltre ad essere uno strumento di controllo invasivo sia nei confronti degli studenti che dei docenti, compromette anche la fiducia ed il dialogo tra le parti. Sì, è vero, si vive nella società del 2.0, nella società dei 140 caratteri, ma non per questo si possono accettare come fatti naturali e legittimi, anche se profondamente innovativi e moderni, strumenti di controllo e vigilanza che violano ogni buon senso ed ogni senso del limite.





Commenti

  1. Non sono affatto d'accordo. Il docente bravo e preparato, che sa le proprie materie e svolge bene il proprio programma, non ha nulla da temere dal fatto che i genitori possano controllare gli argomenti che sta trattando o i compiti che assegna. Il registro elettronico è oggi uno strumento ormai entrato a far parte del nostro lavoro e non possiamo tornare indietro solo per proteggere chi ha qualcosa da nascondere, evidentemente perché non è preparato o non ha abbastanza merito ed impegno nel proprio lavoro. Il sei politico del '68 il garantismo dei sindacati e della sinistra hanno fatto sì che dietro la cattedra ci siano ancora tanti incompetenti e assenteisti, che non vanno protetti ma cacciati dalla scuola, se veramente vogliamo avere un'istruzione di qualità.
    Prof. Massimo Rossi - blog: http://profrossi.wordpress.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone