Passa ai contenuti principali

Il caso del piccolo rigassificatore di Monfalcone

Una cosa è certa, la così detta crisi offre al capitale privato immense potenzialità e possibilità di speculazione. Ciò non è un mistero, d'altronde basta vedere quello che accade praticamente ovunque, ambiente devastato per la realizzazione di paradisi per ricchi, beni così detti comuni, privatizzati, diritti dei lavoratori ridotti al minimo. In un contesto del genere, mentre giunge l'ennesimo allarme rosso di rischio default per il sistema Italia, per la insostenibilità del suo debito, a Monfalcone si riscalda il dibattito, solo questo per ora, tra coloro che sostengono la necessità di realizzare un piccolo rigassificatore e coloro che si oppongono. A dirla tutta, ad oggi almeno, questo scontro sembra essere prevalentemente verticistico. Cioè tra politici, imprenditori, capitalisti, immobiliaristi, tra chi vorrebbe trasformare il golfo di Trieste in una sorta di paradiso turistico per pochi, pochissimi ed extra lusso, e chi, invece, vorrebbe investire nell'ambito industriale. Dal basso, invece, tra perplessità e variegate valutazioni, non pare essere emersa una contrarietà assoluta al piccolo rigassificatore di Monfalcone, così come non pare essere emersa una presa di posizione pienamente favorevole. Nel mentre del dubbio e dei conflitti verticistici ed apicali, qualche opinione bisogna pur averla in materia ed anche esprimerla, perché nel bene o nel male, il rigassificatore, piccolo o grande che sia, rischia di cambiare il volto dell'intera area del monfalconese e del golfo di Trieste. Come è noto, il mercato del gas, destinato comunque ad essere il futuro, continua a non fruttare come avrebbe dovuto ed in città come Livorno, la realizzazione dell'impianto ivi considerato ha subito un considerevole prolungamento dei tempi di realizzazione ed i costi hanno raggiunto cifre da capogiro, ben oltre quelle preventivate. L'impianto che dovrebbe sorgere a breve in Monfalcone, almeno sulla carta, vede tra i partner in Smart Gas, Sbe, l'acciaieria Abs, le Ferriere Nord, la Fantoni, la Bipan, le vetrerie Sangalli e la cartiera Burgo. Impianto che è finalizzato a garantire un sistema concorrenziale per le realtà produttive locali, del Friuli Venezia Giulia e pensato per essere inserito all'interno di quello che dovrà diventare il grande porto delle industrie del FVG, ovvero il porto di Monfalcone. Dunque si tratta di un mero investimento locale, per l'economica locale e non per quella nazionale. Le osservazioni contrarie, a questo tipo d'impianto, hanno riguardato diversi aspetti. Si è contestato che il progetto di rigassificazione in esame non può essere ritenuto attuativo delle infrastrutture definite dalla Strategia Nazionale né dal Piano Energetico Regionale e pertanto non lo si può valutare in termini di coerenza con le esigenze energetiche derivanti. Ma anche che non risulterebbe dimostrata l’esigenza di un nuovo impianto di rigassificazione nelle acque costiere dell'Adriatico settentrionale, area sensibile e portuale nella quale sarebbero previsti altri progetti di sviluppoSi afferma che la presenza di un nuovo impianto non incide direttamente su un’eventuale riduzione del costo del gas, che sussistono le criticità nelle operazioni di dragaggio, che l’impianto in progetto impatta temporaneamente (fase costruzione) e permanentemente (esercizio) con varie aree sottoposte a vincolo, ma specialmente che le opere previste indurranno forti alterazioni in termini di forma e volume, percepibili specialmente dal litorale monfalconese e da vari insediamenti nel Comune di Duino Aurisina - Devin Nabrezina. Il fronte del sì, invece, rileva che la sicurezza è garantita stante anche la distanza tra i serbatoi e la nave gasiera pari a circa 1.1 km, che non ci sarà alcun impatto acustico, che l'impianto non emette odori, che dal punto di vista visivo l'impatto sarà praticamente inesistente e che la presunta vocazione turistica dell'area non verrebbe danneggiata da questo tipo di progetto, che ci saranno ricadute occupazionali significative e che non si richiederanno incentivi o contributi pubblici perché finanziato integralmente dal capitale privato ed infine che il gas verrà importato da Paesi contrattualmente affidabili.  Il caso di Monfalcone è emblematico, perché ben spiega la situazione del sistema Italia, un sistema ove non esiste una pianificazione industriale, una pianificazione energetica, un sistema ove si naviga letteralmente a vista e nel mentre di tutto ciò ovviamente si dovranno fare i conti con un mondo che cambia e che non potrà certamente più dipendere dalle vecchie ed inquinanti risorse energetiche. Insomma questo impianto a chi gioverà realmente? A pochi, a poche soggettività, od all'intera comunità del Friuli Venezia Giulia? Sarà questo il vero punto nodale della questione che potrà sbilanciare il giudizio finale verso il sì o verso il no, almeno per la comunità locale.




Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…