Passa ai contenuti principali

Gorizia: autorizzato il presidio contro i profughi. Ennesima vergogna

Recentemente avevo scritto un post per la rete ove richiamavo la necessità di garantire il rispetto dei valori antifascisti della nostra società, della nostra Costituzione, da parte delle Istituzioni, condiviso anche dall'Anpi di Gorizia in internet, che ringrazio, concetto similmente espresso anche dal noto Forum di Gorizia. Le autorità Istituzionali devono semplicemente vietare, impedire, non autorizzare qualsiasi tipo di iniziativa riconducibile direttamente od indirettamente a gruppi nostalgici di fascismo o che non rinnegano il fascismo, penso a Fiamma Tricolore di Gorizia, che sulla propria pagina facebook ha in copertina la foto di Almirante mentre effettua il saluto fascista o condivide foto con scritto “come vedi difendo i miei valori chiamami fascista per me è un onore” o Forza Nuova, il cui leader ha risposto, alla domanda, se si reputa Forza Nuova come fascista, che, una simile qualificazione, non la riterrebbe “come una diffamazione”...  Certo, sono ben consapevole che si tratta di gruppi che in Friuli Venezia Giulia non hanno un gran seguito, ma questo non significa nulla. Autorizzare un presidio a Gorizia convocato da Fiamma Tricolore, Forza nuova ed altri, a circa 200 metri dalla "tendopoli" “per dire(..) che non vogliono sul territorio di Gorizia né i 100 afgani e pachistani né sul resto del territorio nazionale a spese degli italiani”è un fatto grave anche per la tranquillità degli stessi profughi, fuggiti e ripeto fuggiti da situazioni disperate, determinate anche da responsabilità occidentali. E' forse il caso di ricordare, per l'ennesima volta che la giurisprudenza afferma che saluti fascisti, ideologie fasciste, non sarebbero, ma sono ancora illeciti penali, reati, anche se, ahimè, spesso sanzionati in modo irrisorio. Così come è grave ed incomprensibile a livello politico e sociale legittimare, anche solo incontrandoli, gli esponenti di questi gruppi. Perché chi trae beneficio da incontri politici e sociali con queste persone sono proprio le loro aree di riferimento, gruppi che maturano  una sorta di legittimazione esistenziale e rinforzano il mantenimento delle proprie posizioni e facilmente smontabili, come quella che gli italiani non verrebbero “aiutati nemmeno dalle Caritas locali”, basta vedere ciò che ha segnalato il Piccolo di Trieste recentemente ovvero che “nella struttura di via di Chiadino, per esempio, solo il 43,5% dei beneficiari del servizio è straniero”, dunque la maggioranza aiutata è italiana, per capire di cosa stiamo discutendo. Comunque sia, reputo grave ed ingiustificabile un mancato divieto, da parte delle, Istituzioni locali per il presidio in Gorizia contro i profughi. Certo, è vero che l'antifascismo non si delega ai divieti istituzionali, come mi è stato giustamente fatto osservare, però, mi domando, perché certe Istituzioni festeggiano il 25 aprile quando autorizzano presidi come quello che ora si commenta? Quale libertà di pensiero, di manifestazione? Comunque sia, a prescindere dal discorso strettamente legalitario, per questione etica, morale, per questione volta alla mera affermazione del rispetto concreto e reale verso tutte quelle persone, partigiani e partigiane in primo luogo, che sono morte e ripeto morte per liberarci dalla dittatura fascista, non è tollerabile e non si può più continuare a tollerare questa situazione, che puntualmente si ripete con ciclicità nauseante. Ed infine è questa la risposta che l'Italia e parte del sistema istituzionale vuole anche dare alla questione immigrazione? A chi chiede, legittimamente, protezione umanitaria? Certo, sapere che queste persone sono state letteralmente abbandonate a se stesse per settimane sulle rive dell'Isonzo lascia ben intendere come l'Italia risponde, spesso, alla richiesta di aiuto. Per non parlare di quello che accade nei CARA o nei CIE. Ed è facile ed anche comodo scaricare tutte le colpe sull'Europa, che certamente ha delle responsabilità enormi ma l'Italia mica per questo motivo deve sentirsi legittimata nell'attuare comportamenti a dir poco deprecabili.  La politica dello scarica barile, della de- responsabilizzazione, del conferire la colpa agli altri, è tipica di questo Paese, una tipicità tutta italiana, degli italiani "brava gente".Certo, esistono persone, realtà, movimenti che si battono concretamente per la solidarietà e per l'accoglienza ed integrazione per fortuna vi sono alcune realtà anche Istituzionali che rispondono positivamente ma spesso si tratta di mere eccezioni che si scontrano con la regola della non accoglienza e non solidarietà e non integrazione come vigente nel sistema Italia nel suo complesso. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …