Passa ai contenuti principali

Friuli Venezia Giulia: nascerà la Città od il Comune della Bisiacaria?

La Giunta Regionale del FVG ha approvato in via preliminare, su proposta dell'assessore alle Autonomie locali, lo schema di un disegno di legge (ddl) di "Riordino del sistema Regione-Autonomie locali in FVG", finalizzato a valorizzare un sistema policentrico che favorisca le Unioni di Comuni chiamati a gestire importanti funzioni in forma associata. Iniziativa che si spiega anche alla luce del fallimento del processo di fusione dei piccoli Comuni del FVG. Ad oggi, in Friuli Venezia Giulia, i comuni che hanno seguito il processo di accorpamento sono due, Campolongo al Torre e Tapogliano che nel 2009 è diventato il Comune di Campolongo Tapogliano, ed il Comune di Rivignano Teor che nasce dalla fusione dei Comuni di Rivignano e Teor. 
A fine settembre si svolgerà un referendum consultivo nel quale gli elettori dei comuni di Arzene e Valvasone sono chiamati a pronunciarsi attraverso il voto favorevole o contrario, sulla costituzione del nuovo comune di "Valvasone Arzene ".
La fusione fra due o più comuni contigui, prevista dall’articolo 133 della Costituzione e dall’articolo 7 dello Statuto di autonomia della Regione Friuli Venezia Giulia, consiste in un processo di accorpamento e soppressione di più comuni preesistenti finalizzato ad istituire un nuovo Comune unico. I nuovi provvedimenti legislativi in materia, servono ad accelerare ed incentivare questo processo, che vedrà coinvolti in regione diversi comuni ed alcuni di rilevanza nota. Non è un mistero che da tempo in bisiacaria si discute sulla realizzazione di un nuovo grande comune che dovrebbe vedere unite le città di Monfalcone, Ronchi e Staranzano, nel progetto della città Comune, che io preferisco chiamare città della Bisiacaria o Comune della Bisiacaria e non si esclude il coinvolgimento di altre città contigue. Non è un mistero che l'anno 2016 ed il 2017 vedrà coinvolti un totale di 63 comuni dal processo di rinnovo del consiglio comunale e molti si domandano se queste elezioni saranno le ultime per molti Comuni, così come li abbiamo conosciuti sino ad oggi o meno. L'iniziativa finalizzata alla fusione dei Comuni potrà essere intrapresa anche da cittadini, oltre ai consigli comunali e ai soggetti titolari dell’iniziativa legislativa, i quali possono promuovere l’iniziativa per la fusione dei comuni, senza necessità di presentare un disegno di legge. D'altronde è vero che città come Monfalcone, Ronchi, Staranzano ma anche Fogliano Redipuglia, Sagrado,San Canzian d'Isonzo, San Pier d'Isonzo, Turriaco,che messi insieme sfiorano i 70 mila abitanti, sono praticamente territorialmente già unite da diversi fattori, siano essi culturali,linguistici e sociali ma può bastare questo per sancire la nascita della Città della Bisiacaria o Comune della Bisiacaria, come mi piace chiamarla? Quali sono i reali benefici derivanti dalla fusione? In un tempo in cui le norme di austerità hanno letteralmente e sostanzialmente ucciso l'economia locale? Certamente una cosa positiva la intravedo, la nascita della Città o del Comune della Bisiacaria porrà certamente fine alla denominazione dei Legionari di Ronchi, la quale ritornerà a chiamarsi semplicemente Ronchi, perché perdendo lo status di Comune, diventerà una semplice circoscrizione e la denominazione passata non avrà certamente più ragione di esistere, né dal punto di vista amministrativo né dal punto di vista politico. 
Però è anche vero che si tratta di realtà territoriali, che seppur unite da diversi fattori importanti, hanno una loro specificità storica che viene difesa e rivendicata e che deve essere valorizzata, quell'identità specifica che rischia di essere minata dalla nascita della Città o del Comune della Bisiacaria, ma in un mondo ove siamo 7 miliardi, ove si deve cercare di andare oltre ogni confine e frontiera, è più che evidente che i piccoli Comuni sono destinati ad essere inglobati in un processo di fusione, che se ben gestito, potrà portare benefici non solo alla collettività ma anche alla società nel suo complesso, ma se gestito in modo cattivo, all'italiana per intenderci, penso alle grandi opere per esempio che non vedranno più l'opposizione determinate delle piccole ma importanti comunità locali, perché inglobate nel grande Comune, condurrà alla morte il territorio dei piccoli Comuni come assorbiti nella grande Città. 
Merita comunque una riflessione anche la questione democrazia, unire i piccoli Comuni in una grande Città, è fattore che aiuta la democrazia reale e partecipata o compromette la democrazia favorendo i processi decisionali con il classico schema di quel centralismo che spesso impone decisioni non condivise dalla comunità tutta che si vorrebbe rappresentare? Specialmente oggi, in un contesto sociale e politico dove sono i grandi partiti, perché ben agganciati al sistema capitalistico, a determinare,più nel male che nel bene, i processi decisionali e governativi?


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…