Passa ai contenuti principali

Esistono legami tra la strategia della tensione e la questione di Fiume?

In internet, quando cerchi qualche informazione sull'Organizzazione per la liberazione di Fiume, e dei gruppi dannunziani, praticamente non esiste nulla, vige l'oblio. All'archivio della Camera, esistono dei fascicoli specifici, che contengono una variegata documentazione, di varia tipologia, concernente l'attività dell'Organizzazione per la liberazione di Fiume (O.L.F.), dell'Unione degli istriani, dello Stato libero di Fiume (Governo provvisorio in esilio) e dei Gruppi dannunziani. 
In particolare, si tratta di :
comunicazioni e corrispondenza, in originale e in copia;
statuto dei Gruppi dannunziani; 
decreto di nomina di A. a deputato al Parlamento dello Stato libero di Fiume (1981) e tessera intestata ad A. in qualità di membro ad horem, firmata dal presidente dell'Organizzazione Amos Spiazzi;
Tra i corrispondenti:
Organizzazione per la liberazione di Fiume (O.L.F.).
1972 dicembre 04 - 1987 marzo 20
- Francesco Donini (segretario di Stato dello Stato libero di Fiume; Gruppi dannunziani);
- Lino Sardos Albertini (presidente dell'Unione degli istriani).Si segnala la presenza di ritagli stampa, in fotocopia, e dei seguenti periodici, stampati in proprio e, in parte, in fotocopia:
- «Italia e popolo», 12 settembre 1979;
- «Il popolo di Fiume», supplemento a «Italia e popolo», 28 aprile 1982;
- «Italia e popolo», 20 marzo 1987.


Il problema, però, è che buona parte di questa documentazione è riservata per un periodo che va dai 40 ai 70 anni. Riservato significa che seppure accessibile dagli studiosi i documenti e ciò che emerge non possono essere diffusi per il periodo considerato. Si sentirà parlare di questa organizzazione, OLF, nelle dichiarazioni del 23.01.1986 rilasciate al G.I. Grassi, Pm Mancuso da Amos Spiazzi, disponibili nel sito La strage dell'Italicus – 4 agosto 1974.  Amos Spiazzi dichiarerà : “mentre mi trovavo ancora in carcere ricevetti dal Donini 2 lettere con le quali costui mi dava attestazione della sua amicizia. Successivamente conobbi il Donini il quale mi propose dell’ Olf (organizzazione per la liberazione di Fiume).Consultandomi con il mio referente all'interno del servizio il quale mi diede la sua approvazione, accettai di presiedere l’Olf per un certo periodo di tempo. Il Donini diceva di avere avuto contatto con gli ustascia negli anni 1975 – 1976, successivamente pero’ non aveva più’ tali relazioni. Il Donini non mi parlo’ mai di esplosivi di provenienza Jugoslava o di detonatori procurati in Jugoslavia”. 

Esisteva una organizzazione,definita parallela a Gladio, ma in realtà era un qualcosa di più rispetto al semplice essere parallelo. Amos Spiazzi all'udienza del processo strage di Brescia 22.09.2009 – seconda parte,atti disponibili nel sito http://4agosto1974.wordpress.com/2013/12/01/amos-spiazzi-udienza-processo-strage-di-brescia-22-09-2009-seconda-parte/
affermerà la sua appartenenza “all'organizzazione di sicurezza".  "L’organizzazione di sicurezza", dirà Spiazzi, "era un’organizzazione così concepita e così fatta: l’esercito italiano in caso di conflitto non era in condizioni di potere combattere e contrastare un nemico che avesse invaso il territorio nazionale perché poco numeroso. Allora c’era una disposizione, naturalmente ministeriale, che riguardava i congedati e una specie di biografia, di descrizione di come si erano comportati durante il servizio militare, quelli più validi, più bravi, più motivati, più esperti. Dopodiché il comandante di reparto, prima che questi se ne andassero in congedo chiedeva a loro se fossero stati disponibili, in caso di invasione del territorio nazionale da qualsiasi parte l’invasione provenisse, quindi qualsiasi straniero, fossero disposti a condurre alcune mansioni di guerriglia, di informazione, di altre cose, c’erano cinque specializzazioni per difendere il territorio nazionale e collaborare alla riconquista del territorio qualora il territorio fosse stato invaso da queste forze nemiche”.  Era dunque simile alla struttura Gladio -stay behind.- con la differenza, sostanziale che “mentre la stay behind era alle dirette dipendenze degli americani,” questa organizzazione di legionari “ era invece nazionale al cento per cento”. L'organizzazione dei legionari, pare, che sia stata sciolta “ nel 1973, 14 luglio, perché i responsabili provinciali o regionali, hanno proposto di fare una nuova associazione con questa, che permettesse, come in Austria, in Svizzera, in altri paesi, il richiamo di queste persone per quindici, venti giorni, un mese, quindi il mantenimento della loro capacità operativa in modo tale da potere disporre al momento che dovesse scoppiare una guerra di un esercito notevole e soprattutto di bande di guerriglia partigiana qualora il territorio fosse invaso non divise da sentimenti politici perché nessuno doveva essere iscritto a partiti politici, ma da persone che avessero solo ed unicamente lo scopo di salvaguardare il territorio nazionale e la propria terra anche perché erano dislocate in maniera tale che ciascuno al massimo combatteva all’intorno della sua città”. Le legioni, ed erano 35, coincidevano più o meno con la legione Carabinieri e si “chiamavano legioni perché corrispondevano alla legione Carabinieri la quale teneva nelle caserme le armi da dare ai guerriglieri, i guerriglieri si sarebbero rivolti a loro perché anche in caso di invasione del territorio nazionale, di invasione da parte del nemico i Carabinieri rimangono per il servizio di ordinaria amministrazione sul posto”. “Questi nuclei soprattutto avrebbero avuto un solo ed unico colore che era quello tricolore dell’Italia”. Quindi, c’era anche questo scopo “di unificare, c’erano dei collegamenti diretti con l’esercito amico, con l’esercito italiano che avrebbe cercato la riconquista del territorio nazionale perché purtroppo per ciò che concerne la gladio e la strategia americana era previsto l’abbandono di tutta la Pianura Padana, della parte forse più importante del territorio italiano, importante per la produzione, per i commerci, le industrie, noi non volevamo assolutamente questo. Volevamo difenderci sul confine. Vado fuori forse dall'argomento”. No, non è andato fuori l'argomento l'ex Generale triestino dell'esercito italiano Spiazzi, recentemente defunto e nei confronti del quale l'ex Senatore Paolo Danieli propose interrogazioni al Ministero dell'Interno e dell'economia delle finanze per chiedere una forma di risarcimento danni alla luce degli eventi processuali e non solo che lo videro coinvolto. Sorgono alcuni interrogativi, specialmente alla luce dei mancati colpi di Stato in Italia, ed in particolar modo con riferimento al golpe bianco ed al periodo successivo, il cui arco temporale coincide con quello di operatività dell'OLF.
Ebbene, si può escludere qualche collegamento, legame diretto od indiretto tra la questione di Fiume e tutto ciò che vi è connesso, con le situazioni note come accadute in Italia durante il lungo periodo mediaticamente definito come quello della strategia della tensione? Lo Statuto dell'OLF, il cui acronimo è simile a quello della organizzazione OLP, prevedeva la piena autonomia e sovranità per Fiume e l'OLF si sarebbe dovuta sciogliere solamente all'atto della liberazione del territorio di Fiume e si faceva  richiamo al riconoscimento dei diritti previsti per i palestinesi nel 1977 . Ed infine, si può escludere che oggi non esiste più questo tipo di pericolo? Che non operano ancora realtà “occulte e paramilitari”per annettere Fiume all'Italia o per realizzare lo Stato Libero di Fiume? Intanto, su facebook, nasce in questo 11 settembre 2014 una pagina fascista per Fiume e la prima cosa che ha condiviso è il sito della Falange Espanola che ha migliaia di seguaci...
Claudia Cernigoi, consultata sul punto,  rileva, che probabilmente, qualche collegamento ci può essere: "A Catanzaro, nel corso del processo per la strage di piazza Fontana, il Sismi comunica, il 30 novembre 1988, il nome del confidente che fornì le informazioni per il rapporto del 29 agosto 1969, in cui si indicava il gruppo “Nuova Caravella” come responsabile degli attentati ai treni dell’8 agosto 1969. Si tratta di Francesco Donini, arruolato come confidente del servizio il 30 luglio 1967 e dimesso il 30 aprile 1976. Ma va anche detto che nella primavera del 1974, a ridosso del referendum sul divorzio, Donini risultava il rappresentante bolognese di un'associazione non ancora legalmente formalizzata, la Costituente Italiana del Socialismo nazionale, assieme all'avvocato Marcantonio Bezicheri (difensore di Freda, ma non solo) e che aveva come referente a Trieste Ombretta Petronio (già responsabile del settore propaganda di Avanguardia nazionale, era stata querelata dagli ex camerati Neami e Portolan perché si trovava in dissidio con loro che erano rientrati nel MSI - test. resa nel corso del processo per la strage di Brescia). Quanto a Lino Sardos Albertini, definito da Gianni Flamini nel "Partito del golpe" (monumentale studio sulla strategia della tensione pubblicato nel 1982) “democristiano animatore dell’Unione degli istriani”, il suo nome (assieme a quello di un altro esponente dell’associazionismo degli esuli giuliani, Renzo de’ Vidovich) risulta tra le “schede clienti” sequestrate nel corso di una perquisizione effettuata alla libreria Ezzelino di Freda a Padova il 16/5/73".



alcuni documenti sull'OLF fonte link










Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…