Passa ai contenuti principali

Da bin Laden al rapper la politica del Wanted continua

Sembrerebbe la storia di un videogioco, di un film, invece no. E' tutto reale. La politica del wanted, la taglia sulla testa, che tante volte abbiamo visto nei film americani che hanno invaso, in modo praticamente esclusivo e non certamente casuale, le televisioni occidentali, entrano, dall'inizio di questo nuovo secolo, con prepotenza, nelle case di milioni e milioni e milioni di persone. D'altronde i film servono anche a questo, a governare  ed anche preparare il sentimento dell'opinione pubblica.
Nomi e cognomi sconosciuti al dominio pubblico, realtà sconosciute all'opinione pubblica, così all'improvviso, come un violento refolo di bora, diventano persone o fenomeni che pongono a rischio la sicurezza dell'occidente. Il tutto mentre in una miriade di Paesi ove non esistono risorse economiche su cui speculare o da governare e determinanti per l'equilibrio del capitalismo, continuano a morire una marea di persone innocenti per mano di truppe e mercenari che possono continuare ad ammazzare ed ammazzarsi in silenzio. Ad oggi vi sono circa 62 Stati coinvolti in conflitti con più di 500 milizie coinvolte. Ma quelle che devono fare notizia, quelle che devono diffondere il panico globale, l'insicurezza nazionale, sono in sostanza sempre le stesse situazioni. Cambiano gli attori, i protagonisti, ma le tecniche no. Si è passati da Osama Bin Laden al rapper, al blogger ed all'hackerSembra uno scherzo, ma scherzo non è. In rete si è dibattuto abbastanza sulla veridicità e sulla autenticità del video dell'uccisione del giornalista americano James Wright Foley. I punti più controversi riguardavano la mancanza di schizzi di sangue al momento del taglio della gola, il montaggio stile hollywoodiano e non in linea con i video tipici dell'Isis specialmente per la censura effettuata tra l'inizio del taglio della gola e la decapitazione. Ovviamente reca impressione il modo in cui si analizza la modalità dell'uccisione di una persona, video che è ancora disponibile in tutta la sua brutalità integrale su questo link http://www.liveleak.com/view?i=bc1_1408481278

Mentre si oscura completamente l'operato di forze anti-capitaliste, laiche ed anche femministe e socialiste e libertarie che contrastano da lungo tempo l'Isis,come denunciato anche dal collettivo Wu Ming, mentre si presentano gli americani e gli inglesi come gli unici che possano sanare questa situazione che trae origine proprio dagli errori delle precedenti gestioni belliche imperialiste occidentali, ovviamente si è determinata la classica condizione, proprio con la diffusione di quel video, per favorire l'entrata in campo da parte delle forze americane ed inglesi con l'ovvietà della legittimazione istituzionale occidentale ignorando de facto l'operato della vera resistenza popolare, perché il capitalismo non può ammettere resistenze anti-capitaliste

Quello che deve impressionare sono le modalità d'identificazione poste in essere dai servizi inglesi ed americani. Hanno deciso che l'autore di quell'omicidio deve essere inglese, così facendo si legittima l'intervento degli inglesi in causa, a partire dal presunto accento di quello che sarebbe un ex rapper collegato ad un gruppo terroristico chiamato BeatlesComunque sia, dalle informazioni dei media occidentali, da prendere sempre con le dovute pinze, si parla di sofisticate tecniche per il riconoscimento vocal software per il riconoscimento vocale e per l'analisi delle vene della mano oltre che al classico DNA e foto dell'iride che potranno essere ottenute solo con la presenza sul campo e la cattura del presunto terrorista. Roba che dovrebbe indurre alla riflessione seria, invece viene percepita come normale e forse anche accettata. La presunzione è diventata l'alibi per legittimare una guerra più estesa. La presunzione dell'accento del Sud Inghilterra ha determinato quella che non viene chiamata invasione, contrariamente a come accaduto per gli aiuti umanitari inviati dai russi in Ucraina, ma l'azione per debellare l'estremismo islamico, che in ogni caso deve essere contrastato, sia ben chiaro. Però nessuno si domanda ma perché li hanno lasciati agire così indisturbati per lungo tempo? Prima non erano un pericolo? Le teste decapitate di altre persone e pubblicate come trofeo avevano minor valore rispetto a quella del giornalista americano? A quanto pare sì. E se per caso i responsabili non sono quelli che ora sembrano essere, con tanto di nome, cognome e foto,come pubblicati nei giornali di mezzo mondo? Certo, ognuno si assume tutte le responsabilità con le proprie azioni, ma non parliamo più di presunzione di innocenza, anzi eliminano questo precetto da tutti i manuali giuridici, per spirito di coerenza. Poi ovviamente è più che evidente che la religione con i suoi estremismi sono solo maschere e che i veri interessi sono di altra natura, strategici, risorse e mercato delle armi. In tutto ciò, mentre forze come l'ISIS ignorate o meglio sconosciute da tutti fino a qualche giorno addietro, hanno spinto alcune personalità ad invocare l'esistenza di una terza guerra mondiale, anche perché le principali vittime sono cristiane, mentre quando vengono uccise persone di altre religioni non sussiste alcun tipo di rischio di guerra o catastrofe globale, è il caso di ricordare che il parlamento italiano aprirà la sua attività a breve discutendo del programma di acquisto degli aerei Joint Strike Fighter-F35. Cambierà la valutazione dell'opinione pubblica sull'acquisto di questi mezzi? Alla luce del "rischio" della terza catastrofe globale? Per salvare la "civiltà" cristiana?
Insomma esiste un caos non casuale ma certamente causale di violenze e sofferenze dovute ai soliti giochi maledetti di potere e noi come possiamo difenderci da tutto ciò?  In un sistema ove si perdono continuamente ed in moto impotente diritti? In un sistema ove la religione continua ad essere strumento di guerra e condizionamento della cosa pubblica? Intanto benvenuti nel mondo del Wanted e prepariamoci alla banca dati del DNA, che per un motivo o per un altro, bussa sempre con più insistenza alle nostre porte, per sanare la fantasmagorica insicurezza nazionale.



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …