Passa ai contenuti principali

#Calcio #‎sosunione‬ quando si mobilità una comunità per una squadra di calcio: salviamo la Triestina

La Triestina il 3 aprile 1922 insieme alla Juventus Italia ed altre squadre acquistava il diritto a partecipare alla prima edizione di quella che sarà la Coppa Italia. Nella Stampa del 4 aprile del 1922, alla voce domenica sportiva, si presentava questa competizione come una sorta di coppa d'Inghilterra. Prima grande partecipazione nazionale della Triestina, nata, qualche anno precedente, dalla fusione tra il CS Ponziana e il FC Trieste. Il calcio non è una questione di nazionalismo, si dirà, e non dovrebbe esserlo, si ribadirà. Ma a Trieste è difficile che non lo sia, ma volendo sorvolare ed ignorare gli spiriti irredentisti, nazionalisti e tradizionalisti, che in parte riguardano la storia della Triestina e di una parte della sua tifoseria, e volendo vedere nella Triestina di oggi l'espressione di quel calcio che dovrebbe unire comunità, rioni,e quartieri e città, senza più confini e frontiere,  ben sottolineando che il calcio non deve essere strumento di propaganda politica alcuna e di campagna elettorale, non si può rimanere indifferenti alle vicende incredibili che hanno spazzato via, per colpe di pessime gestioni, una parte di storia rilevante del calcio nostrano. Si è mobilitata una intera città, dalla politica, alla rete,dalla stampa a wikipedia, il tutto per chiedere la salvezza di una squadra che ha fatto sperare, sognare intere generazioni.
La Triestina di oggi paga la crisi che caratterizza il calcio nel suo complesso. Dove si spendono centinaia di milioni di euro per comprare un giocatore e dove non si riescono a trovare qualche migliaia di euro per mantenere in vita una società calcistica. Calcio affossato dalla rincorsa al danaro, società in svendita e spesso prese di mira da soggetti che vedono in questo sport solo business e non passione. E ciò altro effetto non ha che fomentare illusioni e rabbia. Bisognerebbe interrogarsi sul come sia possibile che la Triestina si trovi nelle condizioni in cui oggi si trova. Dove è finita l'imprenditoria triestina? Il grande capitale finanziario triestino? Queste sono alcune domande che si pongono migliaia di tifosi. Perché, purtroppo, come la società di oggi ha insegnato, il calcio può essere portato avanti solo a certi livelli, con la mano ed il portafoglio del grande capitale. Potrebbe essere la Triestina una forma di esperimento sociale, di acquisto partecipato collettivo da parte dei cittadini triestini? Potrebbe esserlo, nulla è vietato. Ma ritornando con i piedi alla realtà della modernità,si deve rilevare che la Triestina, a Trieste, è vista come bene comune, se tale deve esserlo, che lo sia a fatti e non solo a parole. Nessuno pretende che si spendano soldi pubblici, specialmente oggi, per una squadra di calcio, ma nessuno può accettare che una squadra di calcio possa diventare il trampolino di lancio per i propri investimenti, per i propri particolari affari, mandando in frantumi gloria calcistica,mandando a pezzi storia e passione che corrono ed hanno corso per quasi un secolo qui a Trieste. Il calcio è malato, seriamente malato, le cure esistono, i tamponi non servono ad un bel nulla. Ma una cosa è certa, quando è una città intera che si mobilita, quando la solidarietà è diffusa in tutta Italia ed anche oltre, basta vedere il numero enorme ed impressionante di adesioni che ha avuto in pochi giorni il gruppo sos Unione Triestina, i tantissimi messaggi di solidarietà da diverse città italiane e non, che vanno anche oltre la rete come dimostrano alcune foto come pubblicate in quel gruppo





per salvare la storia di una squadra che rischia di essere spazzata letteralmente via, significa che il calcio, nonostante tutto, ancora resiste e mobilita di più, molto di più, rispetto ad altre tematiche sociali. Comunque sia,ricordando i versi di Saba, il suo studio poetico sul calcio, sul perché il calcio unisce,sul perché il calcio condiziona stati d'animo in modo altalenante non posso che scrivere anche io non salvate,ma salviamo la Triestina perché Della festa anch’io son parte e la festa si chiama ora Triestina.



note: foto dal gruppo sos unione Triestina


Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…