Passa ai contenuti principali

Un salto a Torviscosa,una cittadina del FVG, dove l'architettura del ventennio ancora vive


Torviscosa aderisce all'Associazione Nazionale delle Città di Fondazione, istituita nel 2009 insieme alla Provincia di Latina e ai Comuni di Tresigallo (FE), Predappio (FO), Alghero-Fertilia (SS), Arborea (OR), Argenta (FE), Aprilia (LT) e Sabaudia (LT). Associazione che ha lo scopo di salvaguardare l'architettura delle città fasciste. L'attuale cittadina del Friuli, nacque tra il 1937 e 1938, dopo una imponente opera di bonifica e la sua importanza era dovuta alla fabbrica, quale la SNIA Viscosa, per la produzione e la lavorazione di fibre vegetali da cui ricavare la cellulosa.  Ed intorno a quella fabbrica, è nata la città. Case per dirigenti, case per operai, case per impiegati, strade ed edifici squadrati, con i colori tipici del fascismo, bianco o marrone, con quella funzionalità che era proprio di quel tempo. 








Ordine, silenzio e disciplina regnano ancora per le strade di Torviscosa, ove anche le costruzioni moderne non hanno compromesso l'architettura originaria della cittadina. Tra la fabbrica imponente, costeggiata dalla torre cittadina, a forma di T, ed il teatro ed il ristoro, con le tipiche scritte fasciste, simboli fascisti,monumenti fascisti, si pone il viale, costeggiato da statue che ricordano la romanizzazione nel fascismo e che si congiunge idealmente ad un piccolo Colosseo moderno, il campo sportivo.







Un viale, che ricorda per alcuni aspetti quello della Conciliazione di Roma, per la cui costruzione sono state sfollate centinaia di famiglie e mandate a vivere in case di pessima qualità nella prima periferia romana, senza dimenticare tutte le difficoltà che hanno dovuto vivere, a partire dall'incremento della distanza dal proprio luogo di lavoro. Ma al fascismo questo poco importava. Sventrare le città, per coltivare quella modernità, che in verità era tipica anche di una parte dell'Europa, per esaltare la propria potenza, il senso di grandezza, per marchiare nei giorni che verranno il tempo in modo indelebile. E così è stato. E' una cittadina sicuramente da visitare, con occhio e sguardo critico, per capire cosa fosse il fascismo a livello di architettura ed il senso dell'inquietudine certamente ti sfiorerà. E' interessante notare, tra le varie cose, come presso l'edificio fascista del Comune, esistono due targhe commemorative. Una, con il linguaggio retorico nazionalistico che ricorda tutti i caduti per la patria, ben conservata e tenuta, ed accanto, per una sorta di compensazione, vi è una targa che ricorda i partigiani, però è  praticamente illeggibile.



Una cittadina devota a Marinotti, fondatore di Torviscosa, a cui è dedicato un piazzale, un monumento. Nell'enciclopedia Treccani si legge:  "Iscritto al fascio di Vittorio Veneto dal 28 ott. 1922, tra il 1935 e il 1938 era stato vicepodestà di Milano, nel 1938 preside della Provincia di Milano, dal 1939 consigliere nazionale e, nel 1940, primo podestà di Torviscosa. Decisamente contrario all’ingresso dell’Italia in guerra a fianco dell’alleato tedesco ( nazista ndr), prese posizione comunicandolo a Mussolini con una lettera nel 1940.  Dopo il 25 luglio 1943, il M. inviò un telegramma di felicitazioni al nuovo capo del governo maresciallo P. Badoglio. Nel periodo a ridosso dell’8 settembre e durante l’occupazione tedesca( nazista ndr), fu nominato responsabile per l’Italia della produzione di fibre tessili artificiali e si impegnò con le autorità germaniche a mantenere gli impianti della SNIA in piena efficienza e a fornire prodotti tessili secondo quote prestabilite. Arrestato il 3 marzo 1944 da uomini della Repubblica sociale italiana (RSI) fu trattenuto in carcere 21 giorni; nel settembre 1944, lasciò l’Italia per raggiungere il figlio Paolo in Svizzera. Nel periodo trascorso in Svizzera, il M. ebbe contatti con esponenti della RSI, con i Tedeschi, ma anche con gruppi partigiani, rientrando in Italia in diverse occasioni: in particolare, negli ultimi mesi di guerra attraversò la frontiera per incontrare il capo della polizia (SIPO) e dei servizi di sicurezza (SD) tedeschi in Italia, il generale W. Harster, che gli propose di fungere da intermediario con gli Alleati, per definire un’eventuale resa delle truppe tedesche; il M. accettò l’incarico e successivamente prese contatti con il console generale inglese in Svizzera, ma la proposta tedesca fu respinta." 

Ha subito l'epurazione, ma durò poco, venne presto riabilitato dal capitalismo italiano. É stato nominato, il 19 aprile del 1937, cavaliere del lavoro, ed oggi si leggono le seguenti note nel sito dedicato ai cavalieri del lavoro: “Uomo di grande intuizione, poeta e pittore, esordì nel 1911 nel settore dell'industria tessile, quando, per sostenere la propria famiglia, entrò come semplice impiegato nella Filatura cascami seta. Dopo un soggiorno in Russia durante la guerra, rientrò in Italia. Appoggiò l'iniziativa della Cice - Compagnia italiana commercio estero, di cui rimase per otto anni direttore generale. In tale ruolo fu il fautore degli scambi italo - sovietici. Nel 1929 fu chiamato alla guida della Snia, il complesso tessile allora in piena crisi. Fra il 1930 e il 1936 la produzione, sotto la sua guida, passerà da 11.500 a 47.000 tonnellate. Dopo la pausa della seconda guerra mondiale, in cui riuscì a salvare operai e attrezzature, tornò alla guida del gruppo. Promosse nuove aziende, quali la Terra Apuliae e la Siace. Tra i suoi prodotti, ottenuti con varie iniziative industriali in Italia e all'estero, vi erano fiocco, lanital, poi chiamata merinova, cellulosa per rayon, lilion e rilsan”.

Ovviamente nessun riferimento alla sua adesione al fascismo. Eppure, per esempio, Mussolini lo loderà pubblicamente il 21 settembre 1938 definendolo come un buon soldato poiché il Marinotti ha eseguito le sue “direttive in modo fedele e intelligente” riferendosi alla celebrazione dell'autarchia della cellulosa nobile e qualche anno più tardi, esattamente il 20 novembre del 1940 lo stesso Marinotti invierà un telegramma pubblico a Mussolini per compiacersi del successo dell'autarchia salutando con un “devotamente Marinotti” il dittatore fascista. Nel 1954 l’Università di Milano gli conferì la laurea honoris causa in scienze agrarie. La locale scuola, in tipico stile fascista, è dedicata a Resi Marinotti, terzogenita di Franco Marinotti, nacque nel 1934 e morì l’anno successivo a poco più di un anno di età.  

E' interessante notare come anche, una delle poche sculture moderne, lì rintracciabili, si pone in linea, senza creare turbamento alcuno, con l'architettura fascista di Torviscosa e non a caso è dedicata ad Atena.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto