Passa ai contenuti principali

La visita di Kennedy nel 1952 in Friuli Venezia Giulia e Gladio



In questo periodo, tra Trieste e Gorizia, si è tornati a discutere della visita di Kennedy in Friuli Venezia Giulia, il tutto perché non si riuscirebbe più a ritrovare l'originale della foto che lo ritrae vicino al filo spinato del confine nel piazzale della Transalpina. Facendo una ricerca in rete, la foto che lo ritrae, invece, a Trieste con il Sindaco Bartoli, è disponibile presso un documento della rete civica di Trieste dal titolo “ UN UOMO E UNA CITTA’ TRA LE FOTO DI FAMIGLIA DI GIANNI BARTOLI a cura di Roberto Scrignari del 6 aprile 2011”. La data indicata, nel citato documento, è il giorno 11 dicembre 1952.

Quello su cui ci si dovrebbe interrogare è il perché di quella visita a Trieste e Gorizia. Kennedy, in quel momento, era stato eletto al Senato, ma giurerà solo il 3 gennaio del 1953, dunque risultava essere ufficialmente solo membro della Camera dei rappresentanti del distretto n°11. Era sconosciuto, in quella fase storica,all'opinione pubblica italiana, e quella visita, dalla stampa nazionale, venne semplicemente ignorata, perché non meritava dunque alcuna attenzione? Eppure in quei giorni si parlerà di Gorizia ed anche Venezia Giulia. Il 14 dicembre del 1952 l'attenzione sarà alta, perchè si voterà in diversi comuni come Ronchi, Monfalcone definita la Stalingrado adriatica e la stessa Gorizia. Però, Kennedy, anche se era sconosciuto, in linea di massima, all'opinione pubblica italiana, ed anche se quella visita verrà ignorata dalla stampa nazionale, a livello istituzionale era certamente noto. Per esempio il 20 ottobre del 1951 verrà nominato Grande Ufficiale dell'Ordine della Stella d'Italia (già Stella della solidarietà italiana), onore che veniva riconosciuto per gli italiani all'estero o stranieri che meglio avessero assistito nella ricostruzione dell'Italia . L’Ordine della Stella della Solidarietà Italiana – O.S.S.I. è stata la prima onorificenza nazionale istituita dalla Repubblica italiana. Tale Ordine della Stella della solidarietà italiana è, per data di istituzione, la prima onorificenza della Repubblica. Risale al gennaio del 1947 e venne istituita con decreto del Capo provvisorio dello Stato. E’ dedicata specificatamente agli italiani all’estero e ai cittadini stranieri che abbiano dato un contributo significativo al prestigio dell’Italia. Quali furono, nel 1951, i meriti di Kennedy, un deputato praticamente sconosciuto, per aver conseguito questo riconoscimento? Nel 1952, qualche mese antecedente la visita di Kennedy in FVG, i servizi italiani sottoscrivevano un accordo con gli americani, il piano "Demagnetize". Un piano che venne approvato il 21 febbraio 1952 dal Psychological Strategy Board (Pbs), la struttura deputata da Washington alla guerra psicologica, contestualmente alla creazione di un comitato - Lenap - composto da membri del dipartimento di Stato, della Difesa, della Cia e della Mutual Security Agecy. In rete si legge che "un ruolo di responsabilità veniva affidato all’Ambasciata americana di Roma, all’epoca retta da James Dunn, con funzioni di informazione, di coordinamento e di collegamento con il governo italiano" il cui scopo era, ovviamente, quello di contrastare il comunismo. Coincidenza vorrà, chiamiamola così, che la stessa decorazione verrà riconosciuta il 28/03/1952 proprio all'ambasciatore Dunn. Il piano Demagnetize vedeva la struttura Gladio essere chiamata in prima fila per la sua riuscita. Come è noto, Gladio, proprio durante la presidenza di Kennedy, avrà la sua massima operatività. Dunque, la visita di uno sconosciuto, quale Kennedy, in Friuli Venezia Giulia, visita ignorata dalla stampa nazionale, è certamente da approfondire e diverse indicazioni lasciano intendere quale potesse essere il vero scopo della sua breve e fugace presenza in queste terre.


note: fonte foto link

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…