Passa ai contenuti principali

#Trieste MTL1 contro MTL2 intanto si annuncia corteo per la "sicurezza"

Di norma nel periodo primaverile impazziscono gli ormoni, ma a quanto pare a Trieste è impazzito altro.Le cause sono diverse, da personalismi, ad alleanze non accettate, a strategie perdenti non condivise, a presunti fondi scomparsi, ad acquisti sbagliati, a gestioni non condivise, ma quella forza che in un oramai lontanissimo settembre ha visto attraversare la città con poco più di cinque mila indipendentisti, è divisa,spaccata in diversi tronconi. Nessuno capisce chi è il vero movimento trieste libera, chi scrive, e nel caos più totale si accetta, addirittura, per sanar i loro scazzi, da una parte l'intervento dei Carabinieri, che a detta loro sarebbe forza occupante e presente illegalmente nel presunto Territorio libero(?) di Trieste e dall'altra si eccepisce, in merito ai casini interni che il “parere pro veritate( ndr presentato per confermare in particolar modo la validità di una assemblea convocata da alcuni aderenti del MTL) si basa sulle sentenze della corte di cassazione che non può essere né interpretata né messa in discussione”, dunque si legittima pienamente l'operato della magistratura italiana . 

In tale deriva, degna della peggior commedia politica di questo inizio secolo, intanto, quello che prima era il gruppo chiamato a garantire la sicurezza del MTL originario, decide di staccarsi, di fondare una propria corrente ed il giorno 11 luglio annuncia una manifestazione a Trieste contro l'allarme criminalità rumena! Insomma vi è chi cerca di ritornare al passato fallimentare e pericoloso ed intollerante, con strategie fallimentari, quel passato fatto di ronde o volontari per la sicurezza o guardie civiche, a quel passato che a quanto pare nella mente di qualcuno non è mai passato ma che a Trieste difficilmente troverà oggi spazio. Non esiste nessuna emergenza di criminalità a Trieste, esistono situazioni tipiche di una città di confine, nulla di stravolgente, esiste invece un problema chiamato nazionalismo che in tutte le sue forme, dall'ardore esasperato per il tricolore alla foga per l'alabarda, si scontra con quella maggioranza di cittadini a cui non importa né essere italiano né essere abitante di un presunto Territorio libero di Trieste ma che vogliono invece semplicemente viversi Trieste. Insomma quel movimento, o meglio quello che sopravviverà, vedrà le proprie forze essere ridotte ai minimi termini, forse una parte di loro, come già avevo scritto nel 2013, non escluderà la via elettorale ed istituzionale, diventando una sorte di clone della Lega Nord,  l'altra parte continuerà con i ricorsi perdenti e pendenti nei vari Tribunali e forse chissà vi sarà una terza parte che seguirà la via più dura e militante. Insomma un movimento in frantumi, un movimento che aveva la potenzialità di attirare e far convergere tutte quelle istanze di una moltitudine di cittadini incazzati neri con il sistema Italia, con il sistema di austerità europeo, ma è riuscito a perdersi in quel provincialismo fatto di accuse e banalità che altro effetto non hanno avuto che minare la loro credibilità. Il MTL non è più credibile, è finito un ciclo, tra paranoie ed insulti e tensioni. Il gioco è giunto, prima del previsto, probabilmente alla sua fine e con i loro avversari se non nemici in comune che se la rideranno alla grande e l'Italia potrà continuare a regnare su Trieste tranquillamente, anche perché, come spesso si sente dire per le vie di Trieste, la situazione attuale del MTL è ai limiti della comicità. Certo, non è che prima fosse a rischio la sovranità dello Stato italiano su Trieste, ma un movimento che porta in piazza più di cinque mila cittadini rivendicando l'indipendenza dall'Italia ed a Trieste, ha fatto scattare l'allarme non giallo ma rosso .
Presto Trieste potrà dire di essere libera dal movimento Trieste Libera?
A quanto pare si è molto vicini a questa ipotesi.
Movimento frantumato, sistema salvato e tutto ciò a chi ha giovato?

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…