Passa ai contenuti principali

Gorizia: i presidi nazifascisti devono essere semplicemente vietati e non è retorica




Questa campagna elettorale è stata caratterizzata da un mero bombardamento mediatico di antinazionalismo. L'Europa che ammetteva le sue colpe, l'Europa che invitava a votare, l'Europa che denunciava i nazionalismi, che tradotto in lettere molto semplici significa nuovi nazifascismi. Però la stessa Europa ha permesso a queste forze politiche di presentare le liste elettorali, di prendere voti e di entrare in Parlamento, da neonazisti a neofascisti.
Si dirà,un controsenso.
In parte sì, in parte no.
Perché il sistema,a volte,necessita di un nemico per autolegittimarsi prostituendosi e violentando la propria dignità e storia. 
Quella storia che è costata milioni di morti, di vittime, di sofferenze e distruzione materiale ed immateriale. La democrazia non è pensata e non può essere pensata per forze politiche neonazifasciste, razziste, xeonofobe, omofobe e così via discorrendo.
La democrazia non può permettere, non deve consentire, la diffusione di idee, opinioni, pensieri, riunioni, finalizzate alla demolizione dell'umanità e di quella architettura che in parte ha contribuito alla costruzione del presente, chiamasi resistenza antinazifascista. 
No, la democrazia non può e non deve né legittimare né legalizzare forze politiche neonazifasciste.
Eppure ciò è successo, succede ed accadrà ancora.
A cosa serve ottenere sentenze che dicono che il saluto romano fascista è vietato?
A cosa serve normare norme e produrre atti antirazzisti?
A cosa serve seminare speranza ed umanità?
Corpuscoli neracci intossicano la quotidianità con i loro insulti, con la loro nostalgia nazifascista, con l'evocare ed invocare pulizia etnica e razziale.
Corpuscoli neracci e puzzolenti inquinano la bellezza di questo mondo.
Corpuscoli neracci e maledetti demonizzano la laica sacralità della vita.
Corpuscoli neracci invasati nella ignoranza e nella forza muscolare deturpano il quieto vivere.
Corpuscoli neracci non dovrebbero proprio esistere, eppure esistono, perché la vita è questa, madre natura delle volte si sbaglia, ma la società civile deve rettificare questi errori, deve prevenire questi errori, deve proibire questi errori.
Rettificare, prevenire, proibire significa semplicemente che applicando la già legislazione esistente, senza dover invocare editti o proclami di chissà quale tempo ed epoca, o ricorrere a chissà quale ingegno, i presidi, le manifestazioni politiche e tutto ciò che consente a questi corpuscoli neracci di inquinare vie e strade e vite delle nostre città, devono essere semplicemente vietati ab origine.
Se la democrazia continua a legittimare queste forze neonazifasciste, siano essi quattro corpuscoli neracci che cento o mille, in quel preciso momento tradisce e violenta la storia della resistenza, tradisce e violenta alcuni principi fondamentali della nostra Costituzione. I partigiani non hanno lottato per favorire l'entrata in Parlamento o nelle Istituzioni, dei neonazifascisti ed assimilati. I partigiani non hanno lottato perché i neonazifascisti possano, ancora oggi, diffondere quelle idee e quella ideologia che ha determinato immani sofferenze, offese e violenze.
Tanto detto,e scritto, auspico che il presidio de neofascisti di Gorizia, che addirittura minacciano di occupare un luogo ove vi sarebbero dei migranti richiedenti asilo politico,previsto per il 14 giugno, venga immediatamente vietato, e con esso tutte quelle iniziative politiche d gruppi e gruppettari e corpuscoli neracci nazifascisti. Purtroppo non è la prima volta che sono costretto a scrivere e ripetere il principio come sopra enunciato.
Comunque sia, mai stanchi di essere liberi,mai stanchi di resistere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…