Passa ai contenuti principali

Primo Maggio a Trieste, in piazza della Borsa fischia il vento delle tre A


A come anticapitalista, A come antifascista, A come anarcosindacalista. Era stato annunciato il Primo Maggio diviso a Trieste  e così è stato. Si parte da Campo San Giacomo, ed i pensieri non possono che correre alle cannonate contro gli operai di quel rione operaio che, nonostante il tutto, continua a rimanere anche in questo secolo fermo punto di partenza del Primo Maggio triestino.
Un Primo Maggio che ha registrato in Italia il nefasto suono dei manganelli. No, no siamo più al primo maggio del 1891 dove ai tre squilli di tromba seguivano le cavalcate della repressione ma anche la resistenza forte e tenace degli operai. Erano anni, si è perso il conto, che non si registravano in Italia scontri e repressione al corteo del Primo Maggio e non a caso accade a Torino, città che più di altre è il simbolo della nuova resistenza che si oppone all'arresto della lotta che corre contro ogni intimidazione e provocazione. Sono giunti anche a Trieste i rumori dell'eco del manganello e delle teste spaccate.
Hanno caricato il corteo a Torino diranno delle voci.
Sangue rosso in questo Primo Maggio, penserai in modo silenzioso. 
Superata Piazza della (dis)unità d'Italia lo spezzone conflittuale e che rivendica la dignità sociale pura va oltre.
Va oltre chi vuole il ritorno della tessera unica per l'esercizio della non democrazia sindacale.




Va oltre chi legittima il nefasto esistente. E saranno in tanti, in tanti con bandiere rosso e nere, no tav e no muos e Usi e Cobas e con cartelli di protesta a conquistare Piazza della Borsa tra chi faceva compere, in un giorno ove i negozi dovrebbero essere chiusi.
Tac.
Suono della mano che stampa sulle vetrine il senso dell'indignazione. 


Come quel suono accompagnato dal pennello e vernice bianca che ha cancellato una scritta fascista sui muri della città durante il corteo.
Primo Maggio è e non può essere che antifascismo, Primo Maggio è e non può essere che anticapitalista ed in questa giornata è stato, più di ogni altra cosa, a Trieste, anarcosindacalista.
Si è realizzato oggi un pezzo di storia nella vita del movimento triestino.
Non più banchetti in Piazza dell'Unità, ma megafono ed una riuscita assemblea pubblica in Piazza della Borsa che ha visto la partecipazione di diverse soggettività ed individualità.


Non più orecchie tappate od urla a chi tratta questo Primo Maggio come una sterile festa, ma voce urlante dignità e voglia di lotta in quella Piazza della Borsa ove anche il vento ha fischiato, fischiato voglia di libertà. Non era scontato che si riuscisse a presidiare e mantenere fermo un punto alternativo alla tradizionale Piazza dell'Unità.

Questo è un dato di fatto.
Questa è la realtà.
Erano più di cento, ed erano in tanti con mani nude e senza guanti, senza censure e celebrazioni, ma semplicemente con la determinazione di edificare a Trieste un nuovo Primo Maggio.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto