Passa ai contenuti principali

Elezioni europee, l'Europa vira pericolosamente a destra, tra astensionismo e nazionalismi


Si sono concluse le politiche europee, con risultati forse in parte inaspettati. Certamente vi era stato un mero allarmismo per la crescita dei partiti dell'estrema destra, del nazionalismo, effetto prevedibile ed evitabile dell'austerità ed assoluto rigore che ha massacrato in particolar modo l'Europa del Sud a causa delle speculazioni bancarie e finanziarie. Ma vivendo in una società intossicata dalla menzogna e dalla speculazione anche informativa, si fa spesso fatica a comprendere quando gli allarmismi siano corrispondenti al vero o quando questi siano figli solo di studiate strategie comunicative per fini elettorali. A quanto pare, tale strategia almeno in Italia ha in un certo senso ben funzionato, visto il risultato del PD e lo schiaffo pesantissimo subito dal M5S. Queste elezioni, come volevasi dimostrare, in Italia, sono state un referendum per il Governo e dunque per il Pd in primis.  A questo punto è legittimo un raffronto con le politiche del 2013, ed i voti della Camera e del Senato, raffrontati con quello unico per le politiche comunitarie, evidenziano, nel complesso, una forte perdita di voti anche per il PD, nonostante gli 11 milioni di voti maturati nel 25 maggio 2014. Il primo partito, in Italia, è stato ancora una volta, quello silente, del non voto.Anche se l'astensione, a dirla tutta, sembra non fare notizia, e continua ad essere delegittimata, grave errore di valutazione sociale corrispondente alla negazione di una parte fondamentale della società e ciò non dovrebbe portare al grido, con enfasi, di vittoria, da parte di nessuna forza politica, in relazione ai seggi conquistati in più rispetto ai propri avversari o nemici.Prima o poi anche il non voto farà sentire la sua voce. Quello che è certo è che l'Europa aveva bisogno di essere legittimata, aveva bisogno di sfidare e sconfiggere in modo decisivo l'astensionismo in primo luogo ed  il nazionalismo in secundis
Ed a quanto pare, ha fallito sia nel primo che nel secondo caso. Essere contenti del fatto che l'astensionismo è nel complesso stabile, non è una vittoria. Così come non è una vittoria assegnare centinaia di seggi a forze di estrema destra e di stampo nazionalistico. Intanto l'Inghilterra ha già fatto sapere che non perderà tempo, avvierà quanto prima il “divorzio” dall'Europa. Insomma un terremoto devastante per l'Unione Europea che vede una maggioranza formale di centro destra e nel complesso di carattere conservatore con le spade del nazionalismo sempre puntate. Saranno anni duri, e difficili, ancora più difficili di quelli appena trascorsi. Nel mentre di tutto ciò a Trieste, si è realizzata nella centralissima area di Ponte Rosso, il mercato europeo. Operatori del commercio ambulante, dalla Calabria alla Grecia,dalla Bretagna alla Finlandia, hanno condiviso la sana tradizione e sana identità culturale attraverso la più antica pratica del mondo, quella del commercio. Una iniziativa che riporta alla mente al vecchio mercato europeo del 2001, la Piazza Europa, che aveva lo scopo di promuovere la nuova moneta unica quale l'Euro. Queste elezioni hanno dimostrato che l'Europa, basata solo sull'economia, sul rigore contabile, sull'austerità, è destinata a crollare. Piazza Ponte Rosso è stata un bellissimo esempio di unione e condivisione di sentimenti e culture, ed auspico che nell'immediato futuro vi possa essere, a Trieste, la piazza europea dei diritti civili, perché l'Europa è di questo che ha bisogno più di ogni altra cosa, a partire dal contrasto all'omotransfobia e ad ogni razzismo. Contro ogni pericoloso e nefasto nazionalismo, ma con la salvaguardia dell'identità culturale di ogni Paese, contro ogni chiusura delle frontiere, per l'unione delle comunità per l'Europa della pace e dell'integrazione. Anche se ad essere realistici, guardando la nuova composizione del Parlamento europeo, temo che anche per i citati diritti civili sarà un periodo di lunga agonia.


Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…