Passa ai contenuti principali

Se l'Italia difende la propria unità con la forza della repressione



La seduta della Camera, del 14 marzo 1861, si apre a mezzogiorno. Si deve approvare l'atto che vorrà il Re Vittorio Emanuele II come Re d'Italia. Dopo l'approvazione al Senato, tocca alla Camera. Verranno presentate prima delle petizioni, come quella di 6848. 128 cittadini di Monteleone, Calabria ( attuale Vibo Valentia) i quali “domandano che in quel municipio venga ripristinato nel diritto di pesca nella tonnara di Bivona, concesso dal ex-re di Napoli alla famiglia dei duchi Pignatelli”. Poi, il Presidente, commendatore Rattazzi, introdurrà la discussione sullo schema di legge riguardante il titolo di Re d'Italia da assumere da parte di Vittorio Emanuele II. E' interessante notare la fretta con cui venne presentato quell'atto. Infatti, il Presidente, dirà “ Siccome la relazione su questo disegno di legge venne comunicata ai signori deputati un po' tardi, e probabilmente molti non hanno potuto farne lettura, sarà forse conveniente che il signor relatore ne dia comunicazione alla Camera”.

Insomma, si stava per approvare e formalizzare il Regno d'Italia,ma molti deputati non conoscevano il testo e si poneva in dubbio la necessità di far conoscere questo testo a tutti, come se fosse scontata la sua approvazione. E le critiche non mancarono.
Dopo la tipica retorica di quel tempo, richiamando l'operato di persone come Galileo Galilei, Macchiavelli, Beccaria, Parini, Menotti, i due Bandiera, Pisacane, Leopardi, Foscolo, Parini, Alfieri, Dante Alighieri ed infine Garibaldi, poesia e politica, letteratura ed azione, unite in un solo intento, si criticò in particolar modo il fatto che quel testo non fosse d'iniziativa popolare, ma d'iniziativa unilaterale del Governo.
Il Presidente disse : “ prima di pubblicare il risultato della votazione, debbo notare che due deputati hanno dichiarato di essersi sbagliati nel porre il voto nell'urna ; uno ha messa la palla nera nell'urna bianca e la palla bianca nell'urna nera, mentre voleva votare in senso favorevole ; l'altro ha deposta la palla nera nell'urna bianca e non ha più deposta la palla nera nell'altra urna. Fatte queste premesse, pubblico il risultato della votazione”.

Poi, profondo silenzio.

Presenti e votanti 294

Maggioranza 148

Voti favorevoli 292

Deposti come ho indicato 2

Ed « Il Re Vittorio Emanuele II assume per sè e suoi successori il titolo di Re d'Italia. »

Il 17 marzo 1861 la Gazzetta del nuovo Regno d'Italia pubblicò l'atto.

Quasi due secoli per l'Unità d'Italia. Un Paese giovane, talmente giovane, che per difendere la propria unità, altre vie non conosce che quelle repressive. E rispondere all'idea con la repressione è sintomo di debolezza ed anche di mancanza culturale. Non scrivo né da nazionalista, né da patriota. Ma rifletto e non posso che riflettere, sul fatto che, quando uno Stato spende e spande immense energie repressive per contrastare sintomi di malessere sociale,che sfociano in sentimenti indipendentisti o secessionisti od autonomisti, ciò altro non vuol significare che questo Stato ha paura. D'altronde nulla è eterno, tutto è destinato, non per fato, ma per esigenze sociali ed economiche, a mutare.   Oggi, l'Italia, teme la base della democrazia. Per ragioni diverse, dalla Sicilia a Trieste, dalla Lombardia al Veneto alla Sardegna, si diffondono animi separatisti, ognuno caratterizzato da profonde specificità, che non possono essere messe in un solo contenitore, che non possono costituire un solo insieme, anche se probabilmente per ragioni strategiche vi sarà un naturale coordinamento,  poiché l'Italia è complessa, è costituita da diverse identità territoriali, diversi dialetti e lingue, da tante minute particolarità che hanno determinato il pensiero di popoli che dovrebbero formare la popolazione italiana, ma non il popolo italiano, perché il popolo italiano non esiste. L'Italia, per difendere se stessa, la propria conquistata unità, con il sangue e le rivoluzioni, dovrebbe ricorrere a quella cultura, a quella letteratura, a quello spessore sociale, che venne richiamato nella seduta del 14 marzo del 1861. Certo, l'Unità d'Italia venne conseguita con la forza, e trovò legittimazione e megafono e voce anche e soprattutto nella cultura di "sistema", ma una volta ottenuta, non la si può certamente oggi difendere e rivendicare con la forza della repressione. Non sono sicuramente tollerabili atti di violenza reazionaria da nessuna parte e controparte, ma la violenza repressiva scatena e provoca reazione violenta. Occorre intelligenza e comprensione, dialogo e confronto, occorre analisi critica e sociale, occorre capire il perché del perché oggi si strumentalizza, in molti casi, la voglia di indipendenza, la storia di intere realtà territoriali, per fini altri, che fomentano o rischiano di fomentare illusioni e disillusioni. Ma queste illusioni e disillusioni, se devono essere ricondotte alla realtà delle cose, lo si deve fare con la forza dell'idea. Altrimenti l'Italia altro non farà che mostrare sì i muscoli, ma semplicemente perché non ha altre argomentazioni che quella fisica, della forza, ed un corpo senza mente è destinato a perire ed anche in cattivo modo.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …