Passa ai contenuti principali

Se l'Europa scrive Agire, reagire e decidere



No, non si tratta dell'inquietante e nefasto credere, obbedire e combattere, ma di agire, reagire e decidere, un video realizzato dall'Unione Europea finalizzato a promuovere le prossime elezioni per il Parlamento europeo. Un video dai toni fermi, secchi e decisi, dal linguaggio freddo ma anche in alcuni casi evocativo, un video che lascerà abbastanza perplessi. La disperazione dei migranti che si tufferanno in mare viene mutata in sogno, quel sogno che poi si scontrerà con i lager dello Stato italiano, noti come Cie. Quando si dirà essere a favore dell'Europa apparirà l'immagine della repressione, poliziotto con lo scudo, invece quando si dirà essere contro, ecco apparire gli scontri di piazza. Quando si parlerà di amore, appariranno l' uomo e la donna e sporchi di fango si baceranno. Un video tradizionalista, conservatore, che non ha osato l'oltre, un video che in un certo senso accenna all'autocritica per gli errori commessi, un video che forse ben rappresenta la difficoltà di questa Europa. Certo si parla di emergenza estrema destra, pensiamo al caso della Francia, che vede il partito quale il Fronte nazionale di Marine Le Pen avere una percentuale irrisoria, ma certamente significativa, ma da qui a dire che in Francia vi è l'avanzata dominante dell'estrema destra è come dire che in Italia quando rifondazione Comunista aveva ottenuto, nella quota proporzionale, l'8.58% , vi fosse il pericolo comunista.
Strategie comunicative che hanno lo scopo di condurre il popolo a votare ed ovviamente se il popolo andrà a votare in massa, certamente non voterà per i partitini di estrema destra od estrema sinistra,questo è un dato di fatto che ha mille e più spiegazioni. 

I veri dati, quelli che contano, solo le astensioni.
Non si vota più, è questo il vero dato significativo.
E l'Europa, per continuare il suo percorso, ovvero diventare Stati uniti d'Europa, clone degli Stati Uniti d'America, necessità di legittimazione popolare. Il non voto sarà un segnale importante, che certamente muterà poco lo stato attuale delle cose, ma non potrà lasciare indifferenti. Dipende da chi verrà capitalizzato il non voto e l'Europa ha paura, ciò lo teme. 
Quel video, agire, reagire e decidere, è sintomo della debolezza dell'Europa.
Ma, in verità,  è stato fatto anche un passo indietro da molte forze anti europeiste, prima erano contro l'Europa, ora sono per l'Europa ma contro l'Euro.
Opportunismo strategico tanto prevedibile quanto inevitabile.
Insomma, a parer mio, non è per nulla scontato quel video come realizzato dall'Unione Europa.
Agire, reagire e decidere è un messaggio chiaro. Dipende, ovviamente, cosa la gente comune intende con agire, reagire e decidere. L'Europa vivrà certamente un momento determinate per la sua, non tanto sopravvivenza, ma per il tipo di architettura che dovrà avere.
L'austerità ed il rigore ora è in fase di sospensione e non di interruzione.
Ma riprenderà preso e rapidamente dopo il processo elettorale.
Quale soluzione?
Gli stati, le nazioni, sono tutti artifici, così come lo è l'Europa.
Noi non siamo né architetti, né progettisti, ma siamo persone chiamate a vivere in questo condominio multiculturale in base alle proprie possibilità e disponibilità economiche.
Chi rischia di rimanere per strada è la gente povera, senza risorse.
E' da qui che si deve, non tanto ripartire, ma incentrare tutta l'energia.
Distribuzione equa delle ricchezze, libertà di circolazione delle persone, libertà di esercizio di diritti e della laicità. Est ed Ovest, Oriente ed Occidente, Nord e Sud potranno convivere insieme ad una sola condizione, con la fine del sistema capitalistico. Quello è il male dell'Europa. Il capitalismo. Demone senza anima, malefico e diabolico che domina sovrano ma che è in difficoltà, mai forse tanta difficoltà come in questo secolo ha conosciuto. Un capitalismo che ha sferrato una guerra micidiale al suo interno, una guerra che ha, ad oggi vinto. L'Europa anticapitalista e socialista e comunista, questa è l'unica certezza per un mondo più umano e solidale.
L'idea si combatte con l'idea, l'azione con l'azione e la reazione sarà una conseguenza di questa battaglia.

Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …