Passa ai contenuti principali

Se l'Europa scrive Agire, reagire e decidere



No, non si tratta dell'inquietante e nefasto credere, obbedire e combattere, ma di agire, reagire e decidere, un video realizzato dall'Unione Europea finalizzato a promuovere le prossime elezioni per il Parlamento europeo. Un video dai toni fermi, secchi e decisi, dal linguaggio freddo ma anche in alcuni casi evocativo, un video che lascerà abbastanza perplessi. La disperazione dei migranti che si tufferanno in mare viene mutata in sogno, quel sogno che poi si scontrerà con i lager dello Stato italiano, noti come Cie. Quando si dirà essere a favore dell'Europa apparirà l'immagine della repressione, poliziotto con lo scudo, invece quando si dirà essere contro, ecco apparire gli scontri di piazza. Quando si parlerà di amore, appariranno l' uomo e la donna e sporchi di fango si baceranno. Un video tradizionalista, conservatore, che non ha osato l'oltre, un video che in un certo senso accenna all'autocritica per gli errori commessi, un video che forse ben rappresenta la difficoltà di questa Europa. Certo si parla di emergenza estrema destra, pensiamo al caso della Francia, che vede il partito quale il Fronte nazionale di Marine Le Pen avere una percentuale irrisoria, ma certamente significativa, ma da qui a dire che in Francia vi è l'avanzata dominante dell'estrema destra è come dire che in Italia quando rifondazione Comunista aveva ottenuto, nella quota proporzionale, l'8.58% , vi fosse il pericolo comunista.
Strategie comunicative che hanno lo scopo di condurre il popolo a votare ed ovviamente se il popolo andrà a votare in massa, certamente non voterà per i partitini di estrema destra od estrema sinistra,questo è un dato di fatto che ha mille e più spiegazioni. 

I veri dati, quelli che contano, solo le astensioni.
Non si vota più, è questo il vero dato significativo.
E l'Europa, per continuare il suo percorso, ovvero diventare Stati uniti d'Europa, clone degli Stati Uniti d'America, necessità di legittimazione popolare. Il non voto sarà un segnale importante, che certamente muterà poco lo stato attuale delle cose, ma non potrà lasciare indifferenti. Dipende da chi verrà capitalizzato il non voto e l'Europa ha paura, ciò lo teme. 
Quel video, agire, reagire e decidere, è sintomo della debolezza dell'Europa.
Ma, in verità,  è stato fatto anche un passo indietro da molte forze anti europeiste, prima erano contro l'Europa, ora sono per l'Europa ma contro l'Euro.
Opportunismo strategico tanto prevedibile quanto inevitabile.
Insomma, a parer mio, non è per nulla scontato quel video come realizzato dall'Unione Europa.
Agire, reagire e decidere è un messaggio chiaro. Dipende, ovviamente, cosa la gente comune intende con agire, reagire e decidere. L'Europa vivrà certamente un momento determinate per la sua, non tanto sopravvivenza, ma per il tipo di architettura che dovrà avere.
L'austerità ed il rigore ora è in fase di sospensione e non di interruzione.
Ma riprenderà preso e rapidamente dopo il processo elettorale.
Quale soluzione?
Gli stati, le nazioni, sono tutti artifici, così come lo è l'Europa.
Noi non siamo né architetti, né progettisti, ma siamo persone chiamate a vivere in questo condominio multiculturale in base alle proprie possibilità e disponibilità economiche.
Chi rischia di rimanere per strada è la gente povera, senza risorse.
E' da qui che si deve, non tanto ripartire, ma incentrare tutta l'energia.
Distribuzione equa delle ricchezze, libertà di circolazione delle persone, libertà di esercizio di diritti e della laicità. Est ed Ovest, Oriente ed Occidente, Nord e Sud potranno convivere insieme ad una sola condizione, con la fine del sistema capitalistico. Quello è il male dell'Europa. Il capitalismo. Demone senza anima, malefico e diabolico che domina sovrano ma che è in difficoltà, mai forse tanta difficoltà come in questo secolo ha conosciuto. Un capitalismo che ha sferrato una guerra micidiale al suo interno, una guerra che ha, ad oggi vinto. L'Europa anticapitalista e socialista e comunista, questa è l'unica certezza per un mondo più umano e solidale.
L'idea si combatte con l'idea, l'azione con l'azione e la reazione sarà una conseguenza di questa battaglia.

Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto