Passa ai contenuti principali

Quando un gesto di follia e disperazione diventa fionda per il razzismo




Una giornata qualunque, forse.
Musicisti di strada, artisti di strada, persone che vanno persone che vengono, altre che protestano nei pressi del palazzo della Regione.
Splende il sole, in questo 12 marzo, ma non sarà quello dell'avvenire, quello forse non è mai sorto, almeno qui a Trieste ed in Italia.
Attimi della disperazione, attimi di tensione in una giornata apparentemente primaverile.
Sparerai al cielo, sparerai a quella speranza che ti ha abbandonato, sparerai alla paura, sparerai alla follia, sparerai in aria, i colpi secchi frantumeranno il silenzio di quella indifferenza che giorno dopo giorno, tramite anche la burocrazia, nega sorrisi, nega felicità, nega l'esistenza.
Hai voluto forse sfidare questa negazione.
Nel peggiore dei modi.
Sparando lì in alto dove il piombo si fonde con il dolore, con la disperazione. Sparando contro te stesso hai personificato la violenza della disperazione. Poi sirene, nastri, etichette che segnano i colpi della follia, si perde quasi il conto. Quel conto che tu hai pagato senza sconto alcuno. Con la tua vita. Eppure è un dramma della disperazione che forse ha trovato la goccia fatidica che ha fatto traboccare il fiume tempestoso della irrazionalità  nella burocrazia, in quelle carte e nei bolli che determinano il tuo essere regolare in un Paese che di irregolarità vive. Eppure un gesto così violento, cruento, ha aperto la via alla mai defunta intolleranza. Si scandalizza la società perbenista per gli striscioni negli stadi, si scandalizzano per i cori negli stadi, ma sembra essere tutto fottutamente normale quando un gesto di simile assurdità, che ben poteva essere compiuto anche da un semplice italiano, magari per altri motivi, magari per qualche altra goccia perfida che scavava la fossa della via del non ritorno mentre la tua vita continuava a barcollare,  diventa la fionda per il razzismo. Diversi i commenti apparsi in rete che insultano in sostanza il ragazzo di origini afgane soggetto ed oggetto di questo dramma , che usano il pretesto di questo dramma per attaccare "gli stranieri" e ciò accade nella multietnica Trieste, città mitteleuropea,  una città che vive di ricordi, ma che di ricordi può anche morire mentre il mondo corre inesorabilmente verso la disumanità sempre più diffusa. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…