Passa ai contenuti principali

Quando un gesto di follia e disperazione diventa fionda per il razzismo




Una giornata qualunque, forse.
Musicisti di strada, artisti di strada, persone che vanno persone che vengono, altre che protestano nei pressi del palazzo della Regione.
Splende il sole, in questo 12 marzo, ma non sarà quello dell'avvenire, quello forse non è mai sorto, almeno qui a Trieste ed in Italia.
Attimi della disperazione, attimi di tensione in una giornata apparentemente primaverile.
Sparerai al cielo, sparerai a quella speranza che ti ha abbandonato, sparerai alla paura, sparerai alla follia, sparerai in aria, i colpi secchi frantumeranno il silenzio di quella indifferenza che giorno dopo giorno, tramite anche la burocrazia, nega sorrisi, nega felicità, nega l'esistenza.
Hai voluto forse sfidare questa negazione.
Nel peggiore dei modi.
Sparando lì in alto dove il piombo si fonde con il dolore, con la disperazione. Sparando contro te stesso hai personificato la violenza della disperazione. Poi sirene, nastri, etichette che segnano i colpi della follia, si perde quasi il conto. Quel conto che tu hai pagato senza sconto alcuno. Con la tua vita. Eppure è un dramma della disperazione che forse ha trovato la goccia fatidica che ha fatto traboccare il fiume tempestoso della irrazionalità  nella burocrazia, in quelle carte e nei bolli che determinano il tuo essere regolare in un Paese che di irregolarità vive. Eppure un gesto così violento, cruento, ha aperto la via alla mai defunta intolleranza. Si scandalizza la società perbenista per gli striscioni negli stadi, si scandalizzano per i cori negli stadi, ma sembra essere tutto fottutamente normale quando un gesto di simile assurdità, che ben poteva essere compiuto anche da un semplice italiano, magari per altri motivi, magari per qualche altra goccia perfida che scavava la fossa della via del non ritorno mentre la tua vita continuava a barcollare,  diventa la fionda per il razzismo. Diversi i commenti apparsi in rete che insultano in sostanza il ragazzo di origini afgane soggetto ed oggetto di questo dramma , che usano il pretesto di questo dramma per attaccare "gli stranieri" e ciò accade nella multietnica Trieste, città mitteleuropea,  una città che vive di ricordi, ma che di ricordi può anche morire mentre il mondo corre inesorabilmente verso la disumanità sempre più diffusa. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …