Passa ai contenuti principali

Ma si aboliscono realmente le province?




Pensiamo ad una Regione come il Friuli Venezia Giulia, che oltre ad essere a Statuto speciale ha mille particolarità, che non sono campanilismi, ma identità e specificità territoriali spesso inconciliabili tra di loro. Molti fantasticavano sul futuro assetto territoriale in FVG sia alla luce della Legge Regionale che abroga le province che alla luce del nuovo progetto di Legge, in fase di approvazione nelle aule parlamentari che è molto simile a quello del Friuli Venezia Giulia che in ogni caso necessita ancora di alcuni iter legislativi prima di diventare definitivo. Ritorneranno i Circoli di Gorizia, di Trieste? Monfalcone ritornerà sotto Trieste? Ed Udine si prenderà mezza Regione ? E Pordenone? E Gorizia, finirà sotto Trieste o Udine?
Vi immaginate la terra delle osmize unita a quella delle private?
O il furlan esteso in Bisiacaria?
Apriti cielo.
Già i forconi, pale e rastrelli erano pronti per essere spolverati ed utilizzati per rivolte territoriali.Quello che non sono riusciti a fare i  francesi con la loro breve, anche se violenta occupazione, stava per riuscire l'Italia di questo nuovo millennio. Ma a quanto pare Pordenone, Gorizia, Trieste ed Udine, salvo capovolgimenti finali, continueranno, nella loro divisione territoriale, a rimanere così come sono oggi. Forse sarà la realizzazione della città metropolitana che potrebbe mutare qualche assetto, ma nulla di sconvolgente. No, non verranno abrogate le province, nel senso di divisione territoriale e di identificazione locale ma verranno colpite, duramente, le fondamenta politiche che hanno caratterizzato la storia di questi enti, di cui in Italia, in molti casi, si è esercitato un vero abuso in piena armonia con logiche clientelari e di corruzione che hanno contribuito a trasformare questo Paese in una immensa palude, visto che va di moda la palude, parliamo di palude.
In base al nuovo disegno di legge il presidente della provincia verrà eletto dai sindaci e dai consiglieri dei comuni della provincia. Il presidente della provincia rappresenterà l’ente, convocherà e presiederà il consiglio provinciale e l’assemblea dei sindaci, sovrintenderà al funzionamento dei servizi e degli uffici e all'esecuzione degli atti ed eserciterà le altre funzioni attribuite dallo statuto e durerà in carica quattro anni.

Altro organo importante sarà l'assemblea dei sindaci che avrà poteri propositivi, consultivi e di controllo secondo quanto disposto dallo statuto. L’assemblea dei sindaci sarà formata dai sindaci dei comuni appartenenti alla provincia. 

Il consiglio provinciale sarà composto dal presidente della provincia e da sedici componenti nelle province con popolazione superiore a 700.000 abitanti, da dodici componenti nelle province con popolazione da 300.000 a 700.000 abitanti, da dieci componenti nelle province con popolazione fino a 300.000 abitanti.Il consiglio provinciale durerà in carica due anni e verrò eletto dai sindaci e dai consiglieri comunali dei comuni della provincia. 

La provincia verrà intesa quale ente con funzioni di area vasta, ed eserciterà alcune funzioni come la pianificazione territoriale provinciale di coordinamento, nonché tutela e valorizzazione dell’ambiente, per gli aspetti di competenza; pianificazione dei servizi di trasporto in ambito provinciale, autorizzazione e controllo in materia di trasporto privato, in coerenza con la programmazione regionale, nonché costruzione e gestione delle strade provinciali e regolazione della circolazione stradale ad esse inerente; programmazione provinciale della rete scolastica, nel rispetto della programmazione regionale; raccolta ed elaborazione di dati, assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali; gestione dell’edilizia scolastica; controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e promozione delle pari opportunità sul territorio provinciale.

La legge garantisce, per il personale dipendente da questi enti, anche e ci mancherebbe i rapporti di lavoro a tempo indeterminato già in corso, nonché quelli a tempo determinato fino alla scadenza prevista e il mantenimento degli stessi trattamenti oggi in essere .Insomma più che di abolizione delle province si deve parlare di riorganizzazione politica e non territoriale delle province .


Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…