Passa ai contenuti principali

Fondo d'istituto ridotto in modo drastico, ed alcune scuole dicono no alle commissioni



L'anno scolastico 2013/2014, per i tagli complessivi che ha caratterizzato, su tutti i fronti, il settore della scuola, è certamente il peggiore in assoluto. Ti capita di partecipare a diverse assemblee sindacali, convocate a marzo per discutere di contratto integrativo, verrebbe da dire, ma come, a marzo si deve ancora sottoscrivere il contratto integrativo d'istituto? Sì. I motivi sono ovvi, non si conoscevano le risorse disponibili a settembre, e grazie anche alla riforma Brunetta e ad una giurisprudenza che pian piano si sta consolidando, alle rsu hanno sottratto molte competenze, ed una delle poche rimaste in vita, ad oggi almeno, è quella relativa alla contrattazione sul FIS. Gli organi collegiali, nonostante le premesse e gli insegnamenti dell'anno scorso, hanno deliberato, ad inizio anno, attività programmatiche ed aggiuntive, come se tutto fosse nella norma. Sono stati inseriti nei POF progetti, sono state deliberate commissioni, funzioni aggiuntive, individuati referenti e così via discorrendo. Poi, come d'altronde era ben prevedibile, questi intenti, e queste attività, molte delle quali già prestate, si scontrano con la realtà già nota a settembre, ma ignorata dalla solita mentalità che spinge a dire " tanto i soldi arriveranno".
In realtà  i fondi sono stati ridotti in modo drastico, talmente drastico che attività, pur se non obbligatorie, pur se facoltative, pur se deliberate, esercitate ed impegnative, verranno retribuite in modo miserabile. D'altronde ad inizio anno non si indicava il quantum, ed i lavoratori erano ben informati del rischio in essere. Malgrado ciò tutto è andato inesorabilmente avanti. Ma quando si convocano le assemblee sindacali, per dare mandato alle RSU su come contrattare, ecco emergere malumori, proteste. Una delle iniziative che sta prendendo piede è quella di bloccare, almeno per l'anno prossimo, ma in alcuni casi anche per l'anno vigente, conferendo mandato agli organi collegiali di sospendere il blocco delle attività perché non ci sono i finanziamenti per retribuire certe e date prestazioni, le commissioni.
Di norma il collegio docenti, spogliandosi di proprie prerogative e competenze, decide di delegare a delle commissioni attività che sono proprie di questo importante organo. Le attività che possono svolgere sono variegate, si va dal coordinamento della progettazione, alla realizzazione, valutazione e documentazione degli ambiti per i quali sono stati nominati i docenti individuati come responsabili in base alla loro disponibilità. Ebbene si decide, in diversi casi, di bloccare queste attività, di destinare i compensi destinate ad esse alla flessibilità e nello stesso tempo il collegio docenti si riappropria di proprie funzioni e competenze. Insomma quello che sta accadendo è molto semplice.
Tutte quelle attività aggiuntive, non obbligatorie, che per anni hanno caratterizzato la scuola dell'autonomia e della gerarchia e nello stesso tempo facilitato il compito della dirigenza scolastica, per stato di necessità, più che per reale convinzione, per stato di protesta più che per indigestione di queste funzioni, vengono bloccate, sospese. Le scuole sono chiamate,nel loro piccolo, ad effettuare tante piccole spending review. Si dibatte per ore per decidere quale voce tagliare, ma alla fine, il nodo viene al pettine, ed i lavoratori e le lavoratrici della scuola decidono di non tagliare le singole voci, che comporterebbero uno spostamento minimo di risorse, ma interi sistemi ove queste voci sono inserite.
Risultati?
Collegi docenti che ritornano ad essere luoghi di progettazione e programmazione e di discussione, dirigenti scolastici che non delegano più nulla, non per loro scelta, ma per mancata disponibilità dei docenti, scuole che riducono o tagliano attività aggiuntive, gerarchizzazione all'interno della scuola in crisi, docenti che ritornano ad essere semplicemente docenti e dirigenti che esercitano tutte le loro funzioni. Dove non è riuscita pienamente la lotta è riuscita a demolire un certo tipo di scuola molto controversa lo stato di necessità. Insomma questo 2013/2014 verrà certamente ricordato come Annus Horribilis per il fondo d'istituto, che sembra essere destinato all'azzeramento, anche se le dichiarazioni del nuovo ministro lascerebbero intendere il contrario. Ma le dichiarazioni sono parole, parole che volano, i fatti restano e tra questi fatti vi è il pareggio di bilancio in costituzione, vi sono i parametri europei da rispettare, vi è una spending review che continuerà a guardare alla scuola.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…