Passa ai contenuti principali

Fondo d'istituto ridotto in modo drastico, ed alcune scuole dicono no alle commissioni



L'anno scolastico 2013/2014, per i tagli complessivi che ha caratterizzato, su tutti i fronti, il settore della scuola, è certamente il peggiore in assoluto. Ti capita di partecipare a diverse assemblee sindacali, convocate a marzo per discutere di contratto integrativo, verrebbe da dire, ma come, a marzo si deve ancora sottoscrivere il contratto integrativo d'istituto? Sì. I motivi sono ovvi, non si conoscevano le risorse disponibili a settembre, e grazie anche alla riforma Brunetta e ad una giurisprudenza che pian piano si sta consolidando, alle rsu hanno sottratto molte competenze, ed una delle poche rimaste in vita, ad oggi almeno, è quella relativa alla contrattazione sul FIS. Gli organi collegiali, nonostante le premesse e gli insegnamenti dell'anno scorso, hanno deliberato, ad inizio anno, attività programmatiche ed aggiuntive, come se tutto fosse nella norma. Sono stati inseriti nei POF progetti, sono state deliberate commissioni, funzioni aggiuntive, individuati referenti e così via discorrendo. Poi, come d'altronde era ben prevedibile, questi intenti, e queste attività, molte delle quali già prestate, si scontrano con la realtà già nota a settembre, ma ignorata dalla solita mentalità che spinge a dire " tanto i soldi arriveranno".
In realtà  i fondi sono stati ridotti in modo drastico, talmente drastico che attività, pur se non obbligatorie, pur se facoltative, pur se deliberate, esercitate ed impegnative, verranno retribuite in modo miserabile. D'altronde ad inizio anno non si indicava il quantum, ed i lavoratori erano ben informati del rischio in essere. Malgrado ciò tutto è andato inesorabilmente avanti. Ma quando si convocano le assemblee sindacali, per dare mandato alle RSU su come contrattare, ecco emergere malumori, proteste. Una delle iniziative che sta prendendo piede è quella di bloccare, almeno per l'anno prossimo, ma in alcuni casi anche per l'anno vigente, conferendo mandato agli organi collegiali di sospendere il blocco delle attività perché non ci sono i finanziamenti per retribuire certe e date prestazioni, le commissioni.
Di norma il collegio docenti, spogliandosi di proprie prerogative e competenze, decide di delegare a delle commissioni attività che sono proprie di questo importante organo. Le attività che possono svolgere sono variegate, si va dal coordinamento della progettazione, alla realizzazione, valutazione e documentazione degli ambiti per i quali sono stati nominati i docenti individuati come responsabili in base alla loro disponibilità. Ebbene si decide, in diversi casi, di bloccare queste attività, di destinare i compensi destinate ad esse alla flessibilità e nello stesso tempo il collegio docenti si riappropria di proprie funzioni e competenze. Insomma quello che sta accadendo è molto semplice.
Tutte quelle attività aggiuntive, non obbligatorie, che per anni hanno caratterizzato la scuola dell'autonomia e della gerarchia e nello stesso tempo facilitato il compito della dirigenza scolastica, per stato di necessità, più che per reale convinzione, per stato di protesta più che per indigestione di queste funzioni, vengono bloccate, sospese. Le scuole sono chiamate,nel loro piccolo, ad effettuare tante piccole spending review. Si dibatte per ore per decidere quale voce tagliare, ma alla fine, il nodo viene al pettine, ed i lavoratori e le lavoratrici della scuola decidono di non tagliare le singole voci, che comporterebbero uno spostamento minimo di risorse, ma interi sistemi ove queste voci sono inserite.
Risultati?
Collegi docenti che ritornano ad essere luoghi di progettazione e programmazione e di discussione, dirigenti scolastici che non delegano più nulla, non per loro scelta, ma per mancata disponibilità dei docenti, scuole che riducono o tagliano attività aggiuntive, gerarchizzazione all'interno della scuola in crisi, docenti che ritornano ad essere semplicemente docenti e dirigenti che esercitano tutte le loro funzioni. Dove non è riuscita pienamente la lotta è riuscita a demolire un certo tipo di scuola molto controversa lo stato di necessità. Insomma questo 2013/2014 verrà certamente ricordato come Annus Horribilis per il fondo d'istituto, che sembra essere destinato all'azzeramento, anche se le dichiarazioni del nuovo ministro lascerebbero intendere il contrario. Ma le dichiarazioni sono parole, parole che volano, i fatti restano e tra questi fatti vi è il pareggio di bilancio in costituzione, vi sono i parametri europei da rispettare, vi è una spending review che continuerà a guardare alla scuola.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …