Passa ai contenuti principali

Scuola, continuano i comportamenti vessatori verso gli “inidonei”





Il 20 dicembre 2013 era e doveva essere l'ultima data per esperire la visita medica collegiale come prevista ai sensi del DL 104/2013 come successivamente convertito in legge, per verificare se il personale già precedentemente dichiarato in via permanente inidoneo fosse ancora in tale stato. Una procedura che da un lato metteva in discussione l'operato pregresso delle medesime commissioni mediche, perché di inidoneità permanente si trattava e che poteva essere rivista solo su richiesta avanzata da parte del lavoratore, e dall'altro ha creato un caos che ha comportato in sostanza uno slittamento illegittimo ed illegale delle convocazioni finalizzate alla realizzazione di queste visite. Illegali ed illegittime perché il termine del 20 dicembre 2013 era perentorio, mica ordinatorio. Ma è notizia di questi giorni che a diversi docenti inidonei arrivano le convocazioni per l'accertamento dello stato di inidoneità.
Ricorrono, i dirigenti scolastici,  al decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 12.02.2004 per raggirare la violazione del termine come normato nel DL 104/2013, oppure semplicemente richiamano il DL 104/2013. Lo spirito ed il senso di quella norma( dl 104 2013  Articolo 15 commi 4 e seguenti) era quello di concludere le visite entro la fine del 2013, prima dell'avvio delle vacanze natalizie, ma ciò non è accaduto e nessuna proroga dei termini è avvenuta. Ed allora perché questo accanimento nei confronti del personale docente idoneo ad altri compiti? Perché sperperare altri soldi pubblici per visite inutili che confermeranno ciò che non possono che confermare? Si vocifera che ciò accade come operazione punitiva poiché i docenti interessati non hanno compilato i modelli A o B, ovvero non hanno chiesto il passaggio volontario al profilo ATA o perché non hanno chiesto di essere sottoposti alla mobilità intercompartimentale, pur ben ribadendo che fino al 2015/2016 continueranno a prestare le mansioni che fino ad oggi sono state prestate, anche se ancora con orario peggiorativo rispetto al personale docente, ovvero di 36 ore. Scrivo ciò, per l'ennesima volta, perché questi lavoratori rientrano giuridicamente ancora nella qualifica di docente, e non Ata. Ma come si può chiedere ad un lavoratore di produrre una domanda di mobilità volontaria intercompartimentale senza che questo sappia in quale Amministrazione potrà operare? In quale profilo? In quale città? E senza sapere quanti posti vi saranno a disposizione? E' una domanda viziata sin dall'inizio ed illegittima. I lavoratori idonei ad altri compiti possono non compilare né il modello A né il modello B di cui al DL 104/2013, semplicemente perché questa materia è contrattuale, perché il CCNL del 2008 integrativo della scuola è vigente e si applica ancora a loro, e semplicemente perché nessuna sanzione è prevista e può essere prevista nel caso di mancata compilazione dei detti modelli. Non si può chiedere ai lavoratori inidonei di fare un salto nel buio. E' l'ennesima situazione vergognosa, che crea panico, tensione e peggiora lo stato di salute di persone già colpite da varie patologie. Che il Ministero intervenga una volta per tutte e fermi questa vergognosa situazione. Basta accanimenti nei confronti delle persone malate, è anche un loro diritto poter lavorare e lavorare serenamente. Cosa vuole il MIUR che si proceda con centinaia di cause per azioni vessatorie? Che si coinvolga la Corte Europea per i diritti umani? E' a questo che dobbiamo arrivare? All'ennesima condanna per l'Italia in tema di diritti umani?
Qui si parla di persone e non di numeri, di esseri umani e non di modelli di carta.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…