Passa ai contenuti principali

L'abolizione della storia dell'Arte a Scuola una bufala che deve far riflettere





Nessuna abolizione, abrogazione, cancellazione della storia dell'arte è in corso nei licei.In rete è dilagata una notizia che sin dal 2013, con petizioni, gruppi facebook, appelli, e tanto altro ancora, ha trovato la spinta per creare preoccupazioni,ancora, all'interno del mondo della scuola.  Ma alla fine i nodi sono venuti al pettine. Sono intervenuti via twitter vari esponenti politici, anche il Ministro dell'Istruzione, ove è emerso che nessuna cancellazione della storia dell'Arte è in corso nelle scuole italiane. L'Associazione Nazionale Insegnanti di Storia dell'Arte lo conferma. Invece una forte riduzione è emersa nell'istruzione professionale, dove è sì sparita, ed in quella tecnica dove è stata fortemente ridotta, mentre gli altri indirizzi umanistici hanno subito una consistente riduzione di ore rispetto al passato. Da quella bufala non possono che derivare delle giuste riflessioni ed anche azioni. L'Italia ha il più grande patrimonio artistico mondiale, è un Paese che potrebbe vivere solo di turismo e cultura, ma da alcuni dati ministeriali risulta, ad esempio, che numerosi siti culturali sono attualmente non visitabili o aperti soltanto durante determinate fasce orarie, per non parlare del degrado, l'incuria od il totale stato di abbandono in cui si trovano molti siti, monumenti ed opere d'arte, spesso anche chiuse ed abbandonate nei depositi.Presso la commissione permanente della Cultura, in Parlamento, è in corso l'esame della proposta di legge recante disposizioni per la valorizzazione del patrimonio culturale italiano e per la creazione della rete integrata di itinerari turistici culturali (C. 1249 Petrenga). Una proposta di legge costituita da quattro articoli, che ha l’obiettivo di puntare sulla capacità di attrazione turistica dei siti culturali italiani e di ampliare il bacino di utenza turistica, attraverso un’adeguata valorizzazione delle risorse, la creazione di una rete integrata di itinerari turistici, con il potenziamento della rete degli esercizi ricettivi e lo sviluppo. Però quella proposta di legge non coinvolge il MIUR, le scuole e l'Università. Perché non cogliere l'attimo per potenziare l'insegnamento della storia dell'arte, ma anche delle materie musicali, in Italia ed inserirla anche in quelle realtà scolastiche professionali e tecniche che hanno subito una forte riduzione se non abrogazione de facto di tale insegnamento? Perché non integrare quel progetto di legge con disposizioni che possano prevedere un reale coinvolgimento delle scuole, dell'istruzione, nella valorizzazione del nostro immenso patrimonio artistico italiano? Ciò sarebbe un qualcosa di dovuto, e che andrebbe anche in controtendenza rispetto all'imposto concetto di scuola lavoro, che vuole la conoscenza di poche e date materie, ciò grazie anche al ruolo svolto dall'Invalsi, utili per il sistema produttivo non utili per la conoscenza critica globale? Ignorare l'arte è come ignorare l'umanità, perché l'arte è la più elevata forma di espressione con la quale uomini, donne, epoche, hanno rappresentato, nel bene o nel male, la storia, quella storia di cui noi tutti siamo figli e figlie. Ignorare l'arte significa ignorare una parte fondamentale del  nostro passato e senza la conoscenza del passato non si potrà certamente maturare una comprensione piena e complessiva del presente. 





Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…