Passa ai contenuti principali

Il nuovo Ministro dell'Istruzione e la scuola azienda dell'autonomia




Alle ore 19.15  del 21 febbraio 2014, dalla sala stampa del Quirinale,  dopo una lunghissima attesa dall'inizio della consultazione con il Capo dello Stato,  quasi tre ore, tanto che lo stesso Matteo Renzi ha dovuto inviare un tweet con scritto , arrivo ,arrivo, è stato comunicato anche il nome del nuovo Ministro dell'Istruzione,Università e Ricerca, uno dei comparti più delicati  nel settore statale. Si tratta della senatrice, di scelta civica,  Stefania Giannini, il giuramento è previsto per sabato 22.  Lei è nota per aver presentato, come prima firmataria, un disegno di legge assegnato alla 7ª Commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali) in sede referente il 16 dicembre 2013, molto rilevante in tema di scuola, e che riguarda l'autonomia. Si parla di autonomia finalizzata a concorrere ad elevare il livello di competenza dei cittadini italiani. Si prevede l' autonomia statutaria, nel rispetto delle norme generali sull'istruzione. Si prevede il consiglio dell'autonomia, al quale possono partecipare anche esponenti di realtà culturali, sociali, produttive, professionali e dei servizi, il dirigente scolastico, con funzioni di gestione e di coordinamento, il consiglio dei docenti con le sue articolazioni: consigli di classe, commissioni e dipartimenti, ed il nucleo di autovalutazione

Il nucleo di autovalutazione, come inteso nel citato disegno di legge, coinvolgendo gli operatori scolastici, gli studenti e le famiglie, predispone un rapporto annuale di autovalutazione, anche sulla base dei criteri, degli indicatori nazionali e degli altri strumenti di rilevazione forniti dall'INVALSI. Tale rapporto è assunto come parametro di riferimento per l'elaborazione del piano dell'offerta formativa e del programma annuale delle attività, nonché della valutazione esterna della scuola realizzata secondo le modalità che saranno previste dallo sviluppo del sistema nazionale di valutazione. Il rapporto viene reso pubblico secondo modalità definite dal regolamento della scuola. Insomma questa è l'idea di scuola che ha il nuovo ministro,  scuola azienda nella sua costituzione, che ben si pone in linea con il piano renziano, come già anticipato nel 2012 durante le primarie. Ma della senatrice, ora Ministro, si ricorda anche l'invito "a considerare la questione della crescente presenza nelle classi di alunni stranieri, non sempre con una solida conoscenza dell'italiano, che impone una maggiore attenzione alla qualità della didattica".  Mentre in tema di scatti di anzianità ha auspicato, durante l'esercizio della sua attività parlamentare, "sul piano specifico, l'introduzione di meccanismi di valutazione finora del tutto assenti nel sistema italiano", sarà mica la produttività? e competizione?

Commenti

  1. Ancora una volta, si apre uno scenario drammatico per la scuola...finché sarà affrontato il tema dell'istruzione con l'ottica aziendalistica della produttività e della mercificazione del sapere nn ne usciremo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …