Passa ai contenuti principali

Trieste: L'Ursus non è monumento nazionale ma “solo” bene culturale?



Cent'anni di storia, di lotte, di rischi e contese, tra fughe ed immobilismi, l'Ursus, festeggia in questo 2014 il centenario del suo primo varo. Come è noto attualmente è ormeggiato nei pressi del Molo IV, nel 2011 in città dilagava come un fiume in piena la bella notizia che sarebbe divenuto monumento nazionale, uno dei 60.000 monumenti italiani, protetti e tutelati dal competente ministero e finanziato anche dallo Stato per divenire il simbolo di un secolo, di una Città che ha visto crescere la propria attività portuale e non solo proprio grazie al gigante del mare. Ma facendo una ricerca in rete, con tutte le valutazioni ovvie del caso, l'Ursus non risulterebbe essere mai stato dichiarato monumento nazionale. A Trieste risultano solo tre monumenti nazionali adottati con appositi provvedimenti normativi, il DPR, e sono la foiba di Basovizza di Monrupino( nei confronti delle quali esistono dubbi non ritrovandosi le fonti normative) e la Risiera di San Sabba. La circolare 13 del 5.6.2012 del Ministero per i beni e le Attività Culturali afferma,tra le varie cose, in tema di monumenti nazionali, che


 “agli atti con il quale si è provveduto a definire alcuni siti,immobili, come monumenti nazionali tramite il DPR , si riconosce solo valenza simbolica e una rilevanza confinata solo sul piano strettamente politico (…) che però ad essi non può farsi discendere alcun alcun effetto giuridico. Dunque servirebbe un provvedimento di rango primario affinchè l'URSUS possa essere riconosciuto a tutti gli effetti e non solo simbolico, come monumento nazionale. Cosa che ad oggi non mi pare sia avvenuta. Ed allora se l'Ursus non è monumento nazionale, mancando a quanto pare il provvedimento di fonte normativa primaria, che non può essere un semplice DPR, probabilmente rientra nella categoria dei beni culturali. Il Codice dei beni culturali all'articolo 54 comma 1 b afferma che gli immobili dichiarati monumenti nazionali ai termini della normativa all'epoca vigente, sono considerati inalienabili, all'articolo 129 che sono fatte salve le leggi aventi ad oggetto singole città o parti di esse, complessi architettonici, monumenti nazionali, siti od aree di interesse storico, artistico od archeologico. Ma l'URSUS non rientrerebbe in nessuna di queste categorie, stante la mancata previsione normativa di definizione di monumento nazionale. Ed allora rientrerebbe nell'articolo 10 comma 3 b del citato Codice dei beni culturali, "le cose immobili e mobili, a chiunque appartenenti, che rivestono un interesse particolarmente importante a causa del loro riferimento con la storia politica, militare, della letteratura, dell'arte, della scienza, della tecnica, dell'industria e della cultura in genere, ovvero quali testimonianze dell'identità e della storia delle istituzioni pubbliche, collettive o religiose" , sono definite beni  di interesse culturale  con tutte le tutele del caso. Dunque se quanto ho ora rilevato dovesse corrispondere alla situazione vigente, l'Ursus non può essere definito monumento nazionale, non è stato dichiarato come tale( non conoscendosi l'atto legislativo di definizione) e non può neanche più essere dichiarato come tale, salvo intervento tramite fonte primaria legislativa, ma è un semplice, pur importante,bene culturale, che merita in ogni caso rispetto e tutela.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone