Passa ai contenuti principali

Trieste: dedicare una via ad Ondina Peteani, cogliamo l'attimo oltre il muro del silenzio




In un mio precedente intervento, questo il link, cogliendo l'attenzione che l'amministrazione comunale di Trieste ha dedicato, finalmente, al problema della toponomastica rosa, senza perdere tempo alcuno, proponevo di dedicare una via importante, una piazza importante, di Trieste, la sua città, ad Ondina Peteani. Ho ricevuto diverse segnalazioni private di condivisioni, mi ha anche scritto il figlio di Ondina, Gianni, ricordandomi che nel 2008 la Presidenza della Repubblica, inviando a lui una lettera, esprimeva un monito sulla necessità di perpetuare il ricordo di Ondina Peteani alle nuove generazioni: "Non far spegnere il ricordo della passione politica e civile con la quale ha condotto le sue battaglie di libertà è un dovere nei confronti delle nuove generazioni".



Gianni che ha in passato ricevuto anche una Medaglia d’onore alla memoria di Ondina Peteani, nel palazzo del governo triestino. «Dieci anni – scrisse allora Peteani - in cui dal disorientamento iniziale siamo passati in tanti impegnandoci al recupero e alla valorizzazione della memoria, nella trascrizione del durissimo percorso di vita di quei giovani che la storia battezzerà partigiani, attraverso la pionieristica ribellione al fascismo, l'embrionale adesione alla Resistenza, patto di libertà tra donne e uomini liberi contro la dittatura nella battaglia alla barbarie dell'occupazione nazista».
Nel corso del tempo sono stati realizzati diversi spettacoli, in primis il lavoro teatrale  diretto e prodotto dalla corregionale attrice/regista Marta Cuscunà, diverse iniziative, è stato realizzato anche un libro dal titolo:Ondina Peteani. E' bello vivere liberi di Anna Di Gianantonio, Peteani Gianni, per non far cadere nell'oblio la figura di Ondina. Non esistono  e non devono esistere elementi ostativi né economici,né burocratici,né culturali, né politici, per intitolare ad Ondina una via, contro l'oblio e per rendere vivo, anche passando attraverso una semplice, ma importante, denominazione di una via, piazza, strada, ad esempio, il suo ricordo. Eventuali rifiuti saranno non giustificabili, ed una risposta dovrà essere data. Ma è necessario, a parer mio, organizzare anche eventi ed iniziative pubbliche per sostenere questa proposta, per cogliere l'attimo propizio contro l'oblio rosa,oltre ogni indifferenza e ignobile silenzio, per Ondina Peteani, per l'essere stata donna amante della dignità e della libertà e che si è battuta, anche a caro prezzo, per ciò.
Per chi volesse saperne di più sulla figura straordinaria di Ondina, suggerisco questo link


aggiornamento:
Il Sindaco di Trieste così commenta la mia proposta di dedicare una via ad Ondina Peteani, a #Trieste, la sua città : "è anche nelle nostre intenzioni".  
Bene. mb


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …