Passa ai contenuti principali

Trieste: dedicare una via ad Ondina Peteani, cogliamo l'attimo oltre il muro del silenzio




In un mio precedente intervento, questo il link, cogliendo l'attenzione che l'amministrazione comunale di Trieste ha dedicato, finalmente, al problema della toponomastica rosa, senza perdere tempo alcuno, proponevo di dedicare una via importante, una piazza importante, di Trieste, la sua città, ad Ondina Peteani. Ho ricevuto diverse segnalazioni private di condivisioni, mi ha anche scritto il figlio di Ondina, Gianni, ricordandomi che nel 2008 la Presidenza della Repubblica, inviando a lui una lettera, esprimeva un monito sulla necessità di perpetuare il ricordo di Ondina Peteani alle nuove generazioni: "Non far spegnere il ricordo della passione politica e civile con la quale ha condotto le sue battaglie di libertà è un dovere nei confronti delle nuove generazioni".



Gianni che ha in passato ricevuto anche una Medaglia d’onore alla memoria di Ondina Peteani, nel palazzo del governo triestino. «Dieci anni – scrisse allora Peteani - in cui dal disorientamento iniziale siamo passati in tanti impegnandoci al recupero e alla valorizzazione della memoria, nella trascrizione del durissimo percorso di vita di quei giovani che la storia battezzerà partigiani, attraverso la pionieristica ribellione al fascismo, l'embrionale adesione alla Resistenza, patto di libertà tra donne e uomini liberi contro la dittatura nella battaglia alla barbarie dell'occupazione nazista».
Nel corso del tempo sono stati realizzati diversi spettacoli, in primis il lavoro teatrale  diretto e prodotto dalla corregionale attrice/regista Marta Cuscunà, diverse iniziative, è stato realizzato anche un libro dal titolo:Ondina Peteani. E' bello vivere liberi di Anna Di Gianantonio, Peteani Gianni, per non far cadere nell'oblio la figura di Ondina. Non esistono  e non devono esistere elementi ostativi né economici,né burocratici,né culturali, né politici, per intitolare ad Ondina una via, contro l'oblio e per rendere vivo, anche passando attraverso una semplice, ma importante, denominazione di una via, piazza, strada, ad esempio, il suo ricordo. Eventuali rifiuti saranno non giustificabili, ed una risposta dovrà essere data. Ma è necessario, a parer mio, organizzare anche eventi ed iniziative pubbliche per sostenere questa proposta, per cogliere l'attimo propizio contro l'oblio rosa,oltre ogni indifferenza e ignobile silenzio, per Ondina Peteani, per l'essere stata donna amante della dignità e della libertà e che si è battuta, anche a caro prezzo, per ciò.
Per chi volesse saperne di più sulla figura straordinaria di Ondina, suggerisco questo link


aggiornamento:
Il Sindaco di Trieste così commenta la mia proposta di dedicare una via ad Ondina Peteani, a #Trieste, la sua città : "è anche nelle nostre intenzioni".  
Bene. mb


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto