Passa ai contenuti principali

Renzi, il salvatore della patria. E' iniziato il Renzismo


Finito il berlusconismo, o meglio giunto alle sue ultime battute, ecco aprirsi una nuova epoca destinata a durare decenni, il #Renzismo. Renzi presentato come il salvatore della patria, l'ultimo caso eclatante è il caso dei 150 euro lordi che buona parte del personale docente era tenuto a restituire a causa di un provvedimento scellerato emanato dalla Presidenza della Repubblica sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri, del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione e del Ministro dell'economia e delle finanze ovvero il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 4 settembre 2013, n. 122 che prorogava fino al 31 dicembre 2013 l’art. 9, comma 23, D.L. 78/2010, relativo al blocco degli automatismi stipendiali per il personale del Comparto Scuola .  Un problema dovuto, come già avevo anticipato, probabilmente a problemi di mancata comunicazione tra il MIUR ed il MEF, due organi dello Stato che da qualche tempo continuano ad essere in stato di conflittualità. Certo, per ora ci sono solo gli annunci, e si deve capire anche quanto quella norma incideva sul consolidamento delle misure di razionalizzazione e contenimento della spesa in materia di pubblico impiego adottate nell'ambito della manovra di finanza pubblica per gli anni 2011-2013 e si deve altresì comprendere dove verranno spostate le somme di danaro contabilizzate per sanare una indecorosa manovra governativa. Da un lato hai quelli che dicono che il governo realizza manovre impopolari ad hoc, sindacati, parti sociali e M5S denunciano e Renzi con un solo cinguettio risolve il problema, e così facendo oltre a demolire il ruolo dell'opposizione politica e sociale e le manifestazioni di piazza dall'altro lato si eleva a salvatore della patria. 
Dall'altro quelli che invece vedono nella pronta risposta del Governo un modo per contenere Renzi, cosa a cui io credo poco. Renzi viene presentato dai media come una sorta di salvatore della patria che si prepara a rivoluzionare oltre alla facciata della politica, anche la sostanza del mondo del lavoro con il contratto unico. Lui, espressione, dicono e scrivono, delle nuove generazioni, in realtà non mi rappresenta e non rappresenta la mia e né la precedente e né la seguente generazione, perché anche lui è figlio di quel sistema che voleva rottamare, ha nuotato dentro quel sistema e lo ha usato, in modo geniale, come trampolino di lancio per il suo avvenire ma, ovviamente non ha fatto tutto da solo. Per arrivare a certi livelli devi essere protetto ed avere i famigerati santi del capitalismo in paradiso. Non basta cambiare i volti o l'età di chi è chiamato a governare, per mutare lo stato presente delle cose. Lui come quelli che lo seguono e sostengono altro non è che espressione della vecchia politica che ha mutato faccia, ma la sostanza non muta semplicemente perché la vecchia politica era chiamata a difendere il capitalismo e lui da buon capitalista difenderà il capitalismo cercando di renderlo ancora più aggressivo ma nello stesso tempo accettabile. E le condizioni economiche e sociali sono fertili. Hanno massacrato, dopo cinque anni di guerra, l'Europa del Sud. Europa del Sud che, ad oggi, ha due strade, o chiudersi nei recinti del nazionalismo esasperato, o rincorrere quel capitalismo che ha imposto miseria ed austerità con tutte le implicazioni del caso. Manca la terza via, quella rivoluzionaria, quella comunista o socialista, quella dell'Europa dei popoli e non della finanza, manca un leader realmente comunista, perché questa società ha bisogno di un leader, ciò è un dato di fatto. Il nuovo capitalismo italiano ha il suo leader in Renzi ed il renzismo ha iniziato a camminare, il populismo conservatore ha anche un paio di leader, ma la sinistra alternativa non ha nulla,né un programma decente, né un una idea congiunta, né un leader condiviso. Ed allora il renzismo, conoscendo il sistema Italia, avrà la strada libera per imporre atti e cambiamenti che ancora non abbiamo compreso ma che guardano in particolar modo a quel capitalismo americano, a quella cultura statunitense, a quel modo di concepire la società statunitense, con la quale tutti noi nel bene o nel male faremo i conti ed anche salati.
Renzi amico di molti nemico di pochi.
Il renzismo è iniziato, già.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …