Passa ai contenuti principali

Presentato disegno di legge per abrogare i contributi alle scuole private




Presentata a novembre 2013, stampata il 27 dicembre 2013 la proposta di legge A.C. 1857 da parte dei parlamentari LUIGI GALLO, BRESCIA, MARZANA, VACCA, SIMONE VALENTE, D’UVA, DI BENEDETTO, tutti del Movimento Cinque Stelle. Una proposta che è certamente significativa dal punto di vista politico, ciò a prescindere dal suo esito negativo quasi scontato, salvo che Renzi, non decida di fare propria anche questa iniziativa così come accaduto su altre questioni come sollevate dal Movimento Cinque Stelle, per ovvi motivi di opportunismo e strategia elettorale e che si contrappone ad altro disegno di legge presentato su iniziativa dei parlamentari CAPARINI, GIANLUCA PINI, GIOVANNI FAVA, MOLTENI, FEDRIGA, MATTEO BRAGANTINI, GRIMOLDI, ALLASIA, BORGHESI, BUSIN, CAON, MARCOLIN, PRATAVIERA, RONDINI che legittima, invece, i finanziamenti alla scuola privata.

Si segna una presa di posizione netta e chiara da parte di questo Movimento in tema di laicità dello Stato in ambito scolastico, almeno per quanto concerne la questione dei finanziamenti pubblici nella scuola, ma sarebbe importante conoscere anche la loro posizione in tema di crocifisso in ambito scolastico, per esempio, od insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica italiana. Ciò perché andrebbe effettuato un discorso compiuto e complessivo sulla questione della laicità ed affrontare in modo armonioso tutti gli aspetti considerati e non intervenire solo in modo disarticolato per fini che rischiano essere più simbolici che sostanziali. Comunque sia la Chiesa e tutte le organizzazioni che ruotano intorno al settore delle scuole private terranno conto della presa di posizione di questo Movimento in tale ambito, ambito difficile dove si sono registrate immense lesione della democrazia.
Il caso eclatante è quello del Referendum consultivo di Bologna. 86.000 cittadini bolognesi si sono recati alle urne, per esercitare il proprio diritto di partecipazione alle scelte dell’amministrazione attraverso un referendum comunale. Il 59% di questi ha espresso in modo inequivocabile il proprio parere sull’uso delle risorse pubbliche in campo scolastico, votando affinché il milione di euro destinato ogni anno alle scuole dell’infanzia paritarie a gestione privata, che sono confessionali e a pagamento, venisse impiegato per garantire l’accesso alle scuole comunali o statali, gratuite e laiche, spesso negato per mancanza di posti disponibili.
Il comitato promotore denuncia continua a denunciare cheE’ stata una grande esperienza di partecipazione e democrazia. Nonostante ciò i gruppi consiliari PD, PDL, Lega e Centro Democratico hanno votato il 29 luglio un odg che conferma i finanziamenti alle scuole private, svuotando il significato del referendum e disconoscendo la volontà dei cittadini. Il voto del Consiglio è una ferita che deve essere sanata per vari motivi”.

La proposta di legge citata parte da questo contesto, dalla situazione bolognese ed in sostanza prevede l'abrogazione dei finanziamenti destinati alle scuole private di progetti finalizzati all’elevazione di qualità ed efficacia delle offerte formative di scuole medie e medie superiori; dei sussidi diretti, per la gestione di scuole dell’infanzia e primarie e dei finanziamenti di progetti finalizzati all’elevazione di qualità ed efficacia delle offerte formative di scuole medie e medie superiori; dei contributi alle famiglie dell’importo massimo di 300 euro, denominati « buoni scuola » e disponibili solo per la scuola dell’obbligo. Dunque una proposta di legge che dispone l'abolizione dei contributi pubblici alle scuole private e le contestuali economie di spesa derivanti dall’attuazione delle disposizioni della presente legge verranno destinate alla copertura dei costi per il reclutamento del personale docente ed educativo nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e di secondo grado.
Si destinano i soldi derivanti dal citato risparmio, dovuto ai tagli ai finanziamenti nei confronti della scuola privata, all'assunzione di personale precario nella scuola.

Come è noto non è sufficiente depositare una proposta di legge, seppur importante, per sanare o rivoluzionare alcune aspetti della vita ordinaria di questo Paese, occorrono lotte e battaglie reali che devono collegarsi a determinati processi , se queste non verranno, e se non verranno sostenute, una riflessione dovrà essere maturata, perché, come più volte scritto, la scuola è un rilevante bacino elettorale, forse uno dei più importanti in Italia, ma di propaganda e di iniziative simboliche non ne abbiamo più bisogno, abbiamo invece bisogno di una piattaforma organica e complessiva della scuola pubblica le cui parole d'ordine, a parer mio, dovrebbero essere, laicità, libertà d'insegnamento, zero precarietà. Comunque sia non si può non tenere conto di questa proposta di Legge, che reputo positiva, e del suo significato anche politico.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…