Passa ai contenuti principali

Presentato disegno di legge per abrogare i contributi alle scuole private




Presentata a novembre 2013, stampata il 27 dicembre 2013 la proposta di legge A.C. 1857 da parte dei parlamentari LUIGI GALLO, BRESCIA, MARZANA, VACCA, SIMONE VALENTE, D’UVA, DI BENEDETTO, tutti del Movimento Cinque Stelle. Una proposta che è certamente significativa dal punto di vista politico, ciò a prescindere dal suo esito negativo quasi scontato, salvo che Renzi, non decida di fare propria anche questa iniziativa così come accaduto su altre questioni come sollevate dal Movimento Cinque Stelle, per ovvi motivi di opportunismo e strategia elettorale e che si contrappone ad altro disegno di legge presentato su iniziativa dei parlamentari CAPARINI, GIANLUCA PINI, GIOVANNI FAVA, MOLTENI, FEDRIGA, MATTEO BRAGANTINI, GRIMOLDI, ALLASIA, BORGHESI, BUSIN, CAON, MARCOLIN, PRATAVIERA, RONDINI che legittima, invece, i finanziamenti alla scuola privata.

Si segna una presa di posizione netta e chiara da parte di questo Movimento in tema di laicità dello Stato in ambito scolastico, almeno per quanto concerne la questione dei finanziamenti pubblici nella scuola, ma sarebbe importante conoscere anche la loro posizione in tema di crocifisso in ambito scolastico, per esempio, od insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica italiana. Ciò perché andrebbe effettuato un discorso compiuto e complessivo sulla questione della laicità ed affrontare in modo armonioso tutti gli aspetti considerati e non intervenire solo in modo disarticolato per fini che rischiano essere più simbolici che sostanziali. Comunque sia la Chiesa e tutte le organizzazioni che ruotano intorno al settore delle scuole private terranno conto della presa di posizione di questo Movimento in tale ambito, ambito difficile dove si sono registrate immense lesione della democrazia.
Il caso eclatante è quello del Referendum consultivo di Bologna. 86.000 cittadini bolognesi si sono recati alle urne, per esercitare il proprio diritto di partecipazione alle scelte dell’amministrazione attraverso un referendum comunale. Il 59% di questi ha espresso in modo inequivocabile il proprio parere sull’uso delle risorse pubbliche in campo scolastico, votando affinché il milione di euro destinato ogni anno alle scuole dell’infanzia paritarie a gestione privata, che sono confessionali e a pagamento, venisse impiegato per garantire l’accesso alle scuole comunali o statali, gratuite e laiche, spesso negato per mancanza di posti disponibili.
Il comitato promotore denuncia continua a denunciare cheE’ stata una grande esperienza di partecipazione e democrazia. Nonostante ciò i gruppi consiliari PD, PDL, Lega e Centro Democratico hanno votato il 29 luglio un odg che conferma i finanziamenti alle scuole private, svuotando il significato del referendum e disconoscendo la volontà dei cittadini. Il voto del Consiglio è una ferita che deve essere sanata per vari motivi”.

La proposta di legge citata parte da questo contesto, dalla situazione bolognese ed in sostanza prevede l'abrogazione dei finanziamenti destinati alle scuole private di progetti finalizzati all’elevazione di qualità ed efficacia delle offerte formative di scuole medie e medie superiori; dei sussidi diretti, per la gestione di scuole dell’infanzia e primarie e dei finanziamenti di progetti finalizzati all’elevazione di qualità ed efficacia delle offerte formative di scuole medie e medie superiori; dei contributi alle famiglie dell’importo massimo di 300 euro, denominati « buoni scuola » e disponibili solo per la scuola dell’obbligo. Dunque una proposta di legge che dispone l'abolizione dei contributi pubblici alle scuole private e le contestuali economie di spesa derivanti dall’attuazione delle disposizioni della presente legge verranno destinate alla copertura dei costi per il reclutamento del personale docente ed educativo nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e di secondo grado.
Si destinano i soldi derivanti dal citato risparmio, dovuto ai tagli ai finanziamenti nei confronti della scuola privata, all'assunzione di personale precario nella scuola.

Come è noto non è sufficiente depositare una proposta di legge, seppur importante, per sanare o rivoluzionare alcune aspetti della vita ordinaria di questo Paese, occorrono lotte e battaglie reali che devono collegarsi a determinati processi , se queste non verranno, e se non verranno sostenute, una riflessione dovrà essere maturata, perché, come più volte scritto, la scuola è un rilevante bacino elettorale, forse uno dei più importanti in Italia, ma di propaganda e di iniziative simboliche non ne abbiamo più bisogno, abbiamo invece bisogno di una piattaforma organica e complessiva della scuola pubblica le cui parole d'ordine, a parer mio, dovrebbero essere, laicità, libertà d'insegnamento, zero precarietà. Comunque sia non si può non tenere conto di questa proposta di Legge, che reputo positiva, e del suo significato anche politico.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…