Passa ai contenuti principali

La nuova terra dello shopping del Friuli Venezia Giulia


Bacino di utenza stimano in circa 1,3 milioni di persone. 90.000 m2, 175 negozi, oltre a un parcheggio per circa 4.200 auto ed un cinema con sette sale per un totale di 1237 posti. Questo è il “Tiare Shopping”, il centro commerciale più grande del Nord Est, uno dei più grandi di Europa ed il primo in Italia ad essere un unicum con il negozio IKEA direttamente collegato a questo mega centro commerciale con un corridoio ed alcune scale mobili, il secondo sarà il Brescia Shopping la cui apertura è prevista per il 2015appartiene a  Inter IKEA Centre Group (IICG) sviluppa e gestisce strutture commerciali in cui è presente un negozio IKEA quale ancora primaria. IICG è attivo in tutta l’Europa e si sta espandendo in Cina. Ha aperto il 5 dicembre 2013, migliaia e migliaia di visitatori nei primi giorni , salutato con favore ed entusiasmo da molti politici locali, anche di sinistra, ma quel centro commerciale fa tremare la piccola economia del Friuli Venezia Giulia. Tra le tante cose dette vi è quella che quel centro favorirebbe il turismo.
Certo, sul sito del centro commerciale si promuovono alcune zone del Friuli Venezia Giulia, ad oggi Trieste,
le terme di Grado, San Michele del Carso, Aquileia, Cividale il Parco Zoo Punta Verde , i sapori del Carso, ma non Gorizia, per esempio. Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 21, facilmente raggiungibile in auto, collocato in prossimità dello svincolo autostradale Villesse Gorizia, la domanda sorge spontanea.
Ma chi si reca ad un centro commerciale, specialmente di quella natura e dimensione dove vi è di tutto e di più e forse anche oltre ogni più, per quale motivo deve poi recarsi a Trieste, Udine, Gorizia ecc centri situati a circa 30 km e più di distanza da quel luogo? Certo, qualcuno lo farà, ma saranno in pochi, salvo che non si inneschi un sistema di incentivi, anche economici e di promozione reale del territorio. Non basta scrivere sul sito quello che si può velocemente visitare a Trieste o ad Aquileia, incentivare il turismo è altra storia, complessa articolata e d il tutto deve essere necessariamente correlato alla politica.
Chi si reca al centro commerciale lo fa perché è quella la destinazione.
Un giro tra i negozi, un caffè al bar, la spesa, un film al cinema e poi a casa. Quel centro commerciale, la cui edificazione è legittima e legale, stante il funzionamento della società esistente, risucchierà certamente nel medio lungo periodo diverse piccole attività economiche e commerciali locali, in particolar modo tra Trieste e Gorizia. Ciò è inevitabile ed anche naturale, altrimenti quale concorrenza? Perché aprire un centro commerciale con centinaia di negozi? Perché la gente comune deve recarsi al negozio della propria città se al Tiare può trovare offerte e prezzi imbattibili? Perché il Tiare deve sponsorizzare ed aiutare i negozi sparsi per le altre città ? Perché deve perdere guadagni?
Prezzi imbattibili, vi sono tutti i tipi di negozi, si trova tutto quello che può servire al consumatore medio ed è facilmente raggiungibile e la storia potrebbe chiudersi qui. La cosa interessante è che quando ti rechi in qualche negozio del centro commerciale ti chiederanno anche il CAP.
Il motivo?
Capire e conoscere la provenienza dei clienti per potenziare la pubblicità e le politiche promozionali finalizzate ad attirare la gente in particolar modo da quei luoghi ove la provenienza, appunto, è minore.
Il Friuli Venezia Giulia è caratteristico per i suoi borghi, per le sue città a dimensione umana, quella struttura è aliena rispetto alla storia del Friuli Venezia Giulia e chi ne pagherà le conseguenze saranno i piccoli imprenditori e l'indotto correlato, ai cittadini comuni non cambierà la vita più di tanto, anzi sembra proprio che quel luogo sia stato ben accolto.
Ripeto, il tutto è legale e legittimo, anzi quel centro, diversamente da come accade in altri centri commerciali, tenta di promuovere, ma ad oggi in modo non idoneo, il turismo locale tramite il suo sito internet, ma il ragionamento della grande concentrazione danneggia inevitabilmente quella piccola economia che grande ha fatto in un tempo che non più esiste questo Paese. La terra dello shopping, tra luci, promozioni nel suo essere il tipico centro commerciale occidentale, ed una crisi perdurante, sarà un test sociale interessante, ma una prova di sopravvivenza incredibile forse improponibile per centinaia di piccoli commercianti.



Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto