Passa ai contenuti principali

Il nuovo Capitan Harlock né libertario né fascista né nazista



E ritorna Capitan Harlock. Sconosciuto alle nuove generazioni ma sarà totalmente in ombra nel film uscito da qualche giorno nelle sale cinematografiche italiane. Immensi effetti speciali 3D, impressionanti effetti sonori, pochi dialoghi, una trama lineare ma con alcuni messaggi oscuri e forse anche inquietanti. Certamente in passato è stato, il Capitan Harlock, una icona per le forze dell'estrema destra italiana e continua ad esserlo ancora oggi per alcune forze politiche neofasciste e forse anche neonaziste. Il teschio ed ossa erano per esempio diffusi anche su alcuni cappelli dei nazisti, ma è stato un simbolo anche militare, per esempio è stato utilizzato, il Jolly Roger, da alcuni squadroni dell'aviazione marina statunitense, oppure è ancora oggi il simbolo di una delle più importanti società segrete americane, la Skull and Bones, oltre che essere icona dei pirati. Ma il nuovo Capitan Harlock è pensato per chi non ha conosciuto le vecchie storie del capitano, censurate, in passato, o tagliate anche in Italia per la sigla che riconduceva in qualche modo alla X Mas.
Scontri tra ordini, fratellanze, cambiamenti di opinione e di idea, debolezza possente del senso di fiducia che si pone in armonia con il caos e la confusione che oggi giorno regna sovrana, saranno i temi dominanti nel film così come la demolizione dell'apparenza della menzogna.
Ma ognuno conserverà il proprio potere. Le bombe piazzate e diffuse in vari punti strategici che possono distruggere il tutto per il nulla sono sempre a disposizione del capitano, che passerà il testimone alla nuova generazione. Una generazione che avrà tra le proprie mani il potere della morte o della vita. Una generazione, rappresentata da un giovane ragazzo, che potrà con il suo potere condizionare le sorti dell'universo in modo né minore né inferiore rispetto a quella fratellanza massonica che governa il mondo. Il popolo non conterà nulla, sarà solo spettatore nella battaglia tra due ordini che si combattono ed a dirla tutta il Capitano viene proprio dall'ordine che ora combatte, nasce in quel mondo, e si ribella a quel mondo, ma conservando lo stesso potere. Il potere della distruzione e la sua concentrazione diabolica nelle mani di pochi.
Un istante ripetuto nel tempo diventa eterno questa è la libertà.
Una frase ad effetto che verrà ripetuta due volte, ma che si pone in contrasto con la libertà.
La libertà non è l'eternità.
La libertà non è il sentirsi eterni o immortali o l'avere il potere di distruggere ogni cosa.
La libertà è amore e rispetto incondizionato per l'umanità cosa che in questo film non sussiste pienamente ma solo fugacemente. L'Arcadia, che ricorda i sogni idilliaci di un tempo che non esiste più, è una nave che si ribella all'ordine per un nuovo ordine e se questo ordine andrà verso il caos le bombe potranno esplodere in qualsiasi momento per la distruzione globale. Capitan Harlock, quello che si è visto in sala in questi giorni, non è né un fascista né un nazista né un libertario, e vi garantistico che i dibattiti sul punto in rete sono diffusi. Per capire questo film si deve conoscere la cultura giapponese, cosa ai più sconosciuta, ma il fatto che le sorti dell'umanità siano in mano a pochi individui, siano essi ribelli che non, è un messaggio che non mi piace ed incute timore, un messaggio che forse rappresenta bene l'essenza di questo tempo, dove il popolo non conta nulla e dove il popolo assiste a ciò che accade, agli eventi, limitandosi a commentarli, a criticarli o ad adattarsi agli stessi, ma non a reagire in modo determinato e compatto per ribaltare lo stato presente, cosa che a quanto pare, solo il Capitan Harlock potrà fare per motivi non chiari e sconosciuti ad un popolo sempre più passivo ed ignorante ed inconsapevole.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …