Passa ai contenuti principali

E ritornano in Piazza quelli del coordinamento 9 dicembre


Sembrava che dovesse scoppiare chissà quale rivolta, poi tra i Forconi ed il coordinamento 9 dicembre sono emerse rilevanti spaccature, strumentalizzazioni per fini politici ed alla fine altro non è rimasto che fumo e qualche presidio di tenaci in giro per l'Italia. Il 27 dicembre 2013, 83 rappresentanti dei coordinamenti locali d'Italia, e 20 rappresentati tramite delega si sono riuniti in località Pontinia, presso l'azienda agricola del portavoce del "Coordinamento del 9 dicembre" Danilo Calvani, che è il rappresentate dell'ala più “dura” del movimento che tende ovviamente a destra, la conferma di ciò è data dal fallimentare presidio di Piazza del Popolo di Roma di dicembre e dalla composizione politica di quella piazza.
La cosa rilevante è che la politica aveva bisogno di una scusa per accelerare l'iter per riformare la legge elettorale, e tramite l'ausilio dei media che hanno presentato il movimento dei Forconi e quello del Coordinamento 9 dicembre come un qualcosa di enorme, andando ogni logica reale, hanno raggiunto il loro primo scopo. Ed infatti, non essendo più utili alla piazza della solita politica, quel movimento, dopo i momenti di gloria in televisione è stato letteralmente spazzato via dall'informazione e ricondotto alle sue dimensioni normali e piccole. Ritornano in piazza quelli del coordinamento 9 dicembre, i quali da un lato lanciano la battaglia ai traditori del movimento originario e dall'altro lato  promuovono l'ultimatum all'Italia, strategia non nuova e nota anche a Trieste ma su un diverso fronte.. Questa volta però, almeno nei giorni ufficiali delle mobilitazioni, non sono previsti scioperi e ciò vorrà pur significare qualcosa. Questo il loro programma: "Il 9 Gennaio scadrà l'ULTIMATUM concordato all' UNANIMITA' dall' assemblea dei coordinatori, a seguito del quale viene intimato agli attuali Parlamento e Governo di "andarsene a casa". 
Ci saranno numerose iniziative che vedranno protagonisti i "cittadini liberi del 9 dicembre": si vogliono ricordare le persone che si sono arrese alla disperazione indotta da questo Stato criminale con una fiaccolata presso i presidi, o altre sedi a discrezione dei manifestanti, per il giorno 5 gennaio; in concomitanza  all' ULTIMATUM del giorno 9, si propongono manifestazioni di protesta presso le sedi dei Consigli Regionali di tutto il Paese o, a discrezione di ogni singola realtà locale, in diversa sede di rappresentanza Istituzionale; per il giorno 10 gennaio, i cittadini si presenteranno presso le Prefetture delle proprie città con un esposto/denuncia nei confronti delle persone che ritengono responsabili di TRADIMENTO DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. Se a seguito di queste iniziative non perverranno comunicazioni ufficiali che vadano ad assecondare le legittime richieste dei cittadini, si prevede di dare vita ad un' altra MOBILITAZIONE DI MASSA...probabilmente per il giorno 18 gennaio 2014".

E' prevedibile l'adesione e la partecipazione di Casapound così come quella di Forza nuova che così scrive sul suo sito riportando un comunicato del loro ufficio stampa nazionale: “Tra le numerose persone presenti vi è stato l' annuncio della volontà di dare vita ad altri nuovi presidi, e in queste ultime ore sono tantissimi i cittadini che contattano i rappresentanti del "Coordinamento del 9 dicembre" per unirsi alla lotta coerentemente allo spirito iniziale. La strada è tracciata...percorriamola INSIEME! "Forza Nuova, dal Nord alla Sicilia c'è stata, come nel gennaio di due anni fa, c'è e ci sarà sempre, perché porta avanti le medesime istanze della protesta; schierata com'è, fin dalla sua fondazione, dalla parte della sovranità monetaria, del rifiuto dei trattati europei, della lotta all'usura, bancaria e di Stato, e del ritorno all'agricoltura per la sovranità alimentare; non essendo né con, né tanto meno dietro, nessuno dei presunti Masaniello di turno; ma esclusivamente al fianco della voglia di riscatto del popolo italiano. E' giusto che tutti se ne facciano una ragione, senza ipocrisie e falsità".
Insomma, rivedremo per l'ennesima volta tricolori in giro per le strade anche di Trieste, e visto che il Comune di Trieste deve spendere più di 1500 euro per comprare bandiere tricolori per i Palazzi Comunali,roba da matti, forse sarebbe il caso che questi tenaci patrioti e ribelli tricolori ed amanti del tricolore donassero al Comune qualche loro bandiera almeno così facendo il Comune potrà ben risparmiare qualche centinaio di euro, letteralmente buttato, ed investirlo magari nel sociale dove anche dieci euro, in questo perdurante periodo di crisi, possono fare la differenza per qualche cittadino bisognoso.





Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…